Arte e musei, ecco le mostre da vedere in primavera

Arte, musei e primavera. Ecco le più belle mostre da vedere in questa stagione, dove i fiori sbocciano e l'arte fa fiore le emozioni dentro di noi

MILANO – È iniziata la primavera, la stagione dei fiori, dei colori che ha ispirato gli artisti di ogni epoca e generazione, di ogni stile e movimento. Quindi quale modo migliore di immergersi tra opere colorate e sgargianti come le straordinarie ninfee di Monet? Vediamo allora insieme tutte le mostre da vedere in primavera.

1. Sebastião Salgado. Africa

Visualizza questo post su Instagram

Dritto al cuore. [Africa, Sebastião Salgado – Reggio Emilia]

Un post condiviso da Ilaria Bigi (@illy_bi) in data:

Sebastião Salgado. Africa è il titolo della grande rassegna dell’omonimo fotografo che si terrà dal 09 di febbraio al 24 marzo a Reggio Emilia presso le due sedi di Binario49 e Spazio Gerra. Questa grande rassegna esibisce la maestria di Salgado ripercorrendo 30 anni di reportage fotografici realizzati a partire dagli anni ‘70 nell’Africa sub-sahariana.

Floriano Bodini, Ultima cena, 1955 ca, olio su tavola, 21×28, Milano, GASC

A Milano dal 15 febbraio al 14 aprile presso la GASC | Galleria d’Arte Sacra dei Contemporanei si terrà la mostra intitolata Torniamo amici. Paolo VI e gli artisti. Questa rassegna traccia un percorso all’interno della storia dell’arte che vede, dopo un periodo di distacco, gli artisti contemporanei e la Chiesa riconciliarsi grazie all’incredibile figura di Papa Paolo VI.

Audrey Hepburn sul set di Sabrina, 1953 © Mark Shawmptvimages.com©MarkShaw/mptvimages.com

Coco, Audrey, Jackie: lo stile senza tempo. Fotografie di Mark Shaw è il titolo della mostra che vedrà protagoniste, presso Mantova Outlet Village dal 10 febbraio al 14 aprile, le fotografie di Mark Shaw, caratterizzate da uno stile senza tempo, proprio come i suoi soggetti, quali Brigitte Bardot, Elizabeth Taylor, Grace Kelly, Jane Fonda, Jackie Kennedy, Coco Chanel e Audrey Hepburn.

Leggi anche: La favola d’amore tra Grace Kelly e il principe Ranieri, Audrey Hepburn, 5 libri per ricordare l’indimenticabile icona di stile ed eleganza, Audrey Hepburn, un’icona d’eleganza

4. Thomas Struth: Nature&Politics

Dal 02 febbraio al 22 aprile, le 25 foto di grande formato realizzate dal fotografo di fama internazionale Thomas Struth, figureranno a Bologna presso il MAST, nella mostra intitolata Thomas Struth: Nature&Politics. In questo percorso espositivo si potranno vedere, tramite gli scatti di Struth, i retroscena dei siti industriali e di ricerca scientifica di tutto il mondo che rappresentano l’avanguardia, la sperimentazione e l’innovazione nelle attività umane.

5. Escher

La grande retrospettiva Escher, che negli ultimi anni ha battuto ogni record di visitatori, sarà ospitata nelle sale del PAN – Palazzo delle Arti Napoli dal 1 novembre 2018 al 22 aprile 2019.

6. Andy Warhol. L’alchimista degli anni Sessanta

Dal 25 gennaio al 28 aprile 2019, si tiene presso l’Orangerie della Reggia di Monza la grande rassegna Andy Warhol. L’alchimista degli anni Sessanta con presenti 140 opere del padre della Pop Art, che ripercorrono il suo universo creativo, attraverso le icone più riconoscibili della sua arte, dalle serie dedicate a Jackie e John Kennedy a quelle di Marilyn Monroe, dalla osservazione critica della società contemporanea, attraverso la riproduzione seriale di oggetti.

Vivian Maier, Untitled, Chicago, IL, August 1976 30x40cm (11×14 inch.) Framed: 40,5×50 cm ©Estate of Vivian Maier, Courtesy of Maloof Collection and Howard Greenberg Gallery, NY

La street photography di Vivian Maier arriva dal 9 febbraio al 5 maggio alle Scuderie del Castello Visconteo di Pavia con una mostra dedicata all’omonima artista, intitolata Vivian Maier. Street Photographer. Una grande rassegna questa, che racconta con più di 100 fotografie della Maier gli aspetti più intimi della sua vita, restituendo anche uno spaccato della società americana della metà del ‘900.

8. Dream. L’arte Incontra i Sogni

Visualizza questo post su Instagram

“Diventa vertigine e nella vertigine trovami.” #beingsimona #chiostrodelbramante #parole #mozzafiato #dreams #lavertigine

Un post condiviso da ✨Simona✨ (@miss_barefoot_gipsy) in data:

Il Chiostro del Bramante di Roma, un luogo tanto magico e sognate quanto la mostra Dream. L’arte Incontra i Sogni, visibile dal 29 settembre 2018 al 5 maggio 2019. A occhi aperti oppure a occhi chiusi, di notte o di giorno, nel cassetto o realizzati: una mostra che parla di desideri, aspettative, fantasie, paure esorcizzate. Una mostra che permette allo spettatore di dare forma ai propri sogni tramite l’arte contemporanea.

Se abitate a Milano, qualche fermata di metro e sarete a Palazzo Reale, la sede della rassegna Antonello da Messina”, visitabile dal 21 febbraio al 2 giugno. Se invece siete turisti in cerca di qualche perla artistica e culturale, allora avrete un motivo in più per visitare questa mostra, scoprendo così uno degli artisti più sfuggenti della storia dell’arte.

Giovanni Boldini torna nella sua città natia. La mostra Boldini e la moda sarà aperta al pubblico presso Palazzo dei Diamanti a Ferrara a partire dal 16 febbraio fino al 02 Giugno. La rassegna è a cura di Barbara Guidi con la collaborazione di Virginia Hill, organizzata dalla Fondazione Ferrara Arte e dalle Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea di Ferrara.

11. Wildlife Photographer of the Year

Visualizza questo post su Instagram

Un leopardo si riposa nella riserva naturale Mashatu, in Botwsana. Questo scatto è del giovane fotografo Skye Meaker, che ha vinto il Young Wildlife photographer of the year 2018, il più importante concorso di fotografia naturalistica al mondo. Insieme agli altri scatti vincitori della 54esima edizione del concorso, sarà esposto nella cornice unica del Forte di Bard, in Valle d’Aosta, durante l’anteprima italiana, fino al 2 giugno. @forte_di_bard / Lounging leopard. Mashatu game reserve, Botswana. This image was captured by Skye Meaker, winner of the Young Wildlife Photographer of the Year, the world’s most important costest for nature photography. This and the other winning pictures will be exhibited in the unique setting of the Forte di Bard, Aosta Valley, Italy, until 2 June. . . . #ForteDiBard #bard #wildlifephotographeroftheyear #wildlifephotography #nature #aostavalley #conservation #leopard #botwsana #photography #valledaosta #valdaosta #wpy54

Un post condiviso da LifeGate (@lifegate) in data:

Ad Aosta presso il Forte di Bard, il principale polo culturale della Valle d’Aosta, si tiene dal 2 febbraio al 2 giugno 2019, la 54esima edizione del Wildlife Photographer of the Year, il più importante riconoscimento dedicato alla fotografia naturalistica promosso dal Natural History Museum di Londra. In esposizione oltre cento immagini vincitrici nelle 19 categorie del premio selezionate tra 45.000 scatti provenienti da 95 paesi del mondo, valutati da una giuria internazionale di stimati esperti e fotografi naturalisti.

Antonio Canal detto Canaletto, Il Ponte di Rialto, Olio su rame, cm 45,5 x 62,5, Wells-Next-The-Sea, Holkham Hall

Venezia. Che dire, una delle più belle città italiane, ammirata e invidiata in tutto il mondo, con i suoi ponti, i suoi stretti canali e le sue gondole; il suo fascino tanto romantico quanto misterioso è senza pari. Dagli scorci più ricercati ai dorati soffitti della Basilica di San Marco, la Serenissima ha affascinato artisti di ogni epoca. Ed è proprio di artisti, in questo caso di un pittore, che parliamo: il grande Canaletto. A lui Venezia dedica l’importante rassegna a Palazzo Ducale, visibile fino al 9 giugno, intitolata “Canaletto&Venezia”.

Dal 09 febbraio al 16 giugno Forlì, presso i Musei San Domenico, si terrà la mostra“Ottocento. L’arte dell’Italia tra Hayez e Segantini” che condurrà lo spettatore in un viaggio a ritroso nel tempo nel periodo tra l’Unità d’Italia e la Grande Guerra, tra lo stile unico di Hayez e quello inconfondibile di Segantini.

Leggi anche: Francesco Hayez, il padre del Romanticismo italiano

Al Palazzo Reale di Milano dal 12 marzo al 23 giugno arriva la rasserena Jean Auguste Dominique Ingres e la vita artistica al tempo di Napoleone, una mostra dove si potrà ripercorrere la storia dell’Europa, dalla Francia all’Italia, da Milano a Parigi.

© Photo by Sukita 2019

Firenze è la meta della grande rassegna fotografica “Heroes – Bowie by Sukita” interamente dedicata a David Bowie. La mostra, visibile dal 30 marzo al 28 giugno 2019, è un percorso all’interno di quelle fotografie che hanno contribuito a costruire l’immagine della pop-rock star giunta fino a noi oggi. Ma queste fotografie vanno ben oltre agli scatti che noi tutti abbiamo sempre visto: bensì, le foto esposte, raccontano dell’amicizia di Bowie con il fotografo Masayoshi Sukita, che ha fatto del mezzo fotografico uno strumento artistico contemporaneo.

Foto: Tommaso Vitiello per Arthemisia

A Napoli alla Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta si terrà dal 15 febbraio al 30 giugno la mostra intitolata Chagall. Sogno d’amore, una grande rassegna costituita da 150 opere tra dipinti, disegni, acquarelli e incisioni dell’artista russo che con poetica magia raccontano la sua vita e il suo sentimento per la sempre amatissima moglie Bella.

Miami Beach, 1971. Allenamento nella palestra 5th Street Gym di Chris Dundee, fratello del manager Angelo. Chris Smith/Getty Images

Dal 22 marzo al 16 giugno 2019, al PAN – Palazzo delle Arti Napoli arriva la mostra fotografica Muhammad Ali che rende omaggio al grande campione della boxe, una delle icone sportive più famose più famose di sempre. Tramite 100 immagini, provenienti dai più grandi archivi fotografici internazionali quali New York Post Archives, Sygma Photo Archives, The Life Images Collection che colgono Ali in momenti della sua vita sportiva e privata, questa mostra racconta la storia di un uomo che è stato capace di battersi con successo sia sul ring sia nella lotta per i diritti civili dei neri americani.

18. Claude Monet. The immersive experience

Dal 16 marzo al 30 giugno 2019 si terrà, alla Palazzina di Caccia di Stupinigi di Torino, la grande mostra multimediale interamente dedicata a Monet, il maestro dell’impressionismo. Questo percorso multimediale, della durata di circa un’ora, grazie anche alla all’uso della “Virtual Reality Experience” permetterà allo spettatore di godere di un’esperienza totalmente coinvolgente, in grado di fare gustare agli occhi gli splendidi colori impressionisti e all’animo delle emozioni dell’attimo fuggente.

Presso la sede di Palazzo Strozzi a Firenze dal 9 marzo al 14 luglio 2019 si terrà la grande mostra che celebra e racconta al pubblico il grande Andrea del Verrocchio, artista simbolo del rinascimento nonché maestro di Leonardo da Vinci.

21. BURRI la pittura, irriducibile presenza

L’isola di San Giorgio Maggiore a Venezia presenterà dal 10 maggio al 28 luglio 2019 la mostra intitolata BURRI la pittura, irriducibile presenza, una retrospettiva antologica dedicata ad Alberto Burri, a coronamento di una stagione di grande celebrazione dell’artista umbro sia in Italia che all’estero. La mostra di circa 50 opere ripercorre cronologicamente le più significative tappe del percorso del Maestro della ‘materia’ attraverso molti dei suoi più importanti capolavori, dai rarissimi Catrami (1948) agli ultimi e monumentali Cellotex (1994).

23. Roy Lichtenstein. Multiple Visions

Al Mudec a Milano arriva dal 1 maggio al 8 settembre la mostra Roy Lichtenstein. Multiple Visions, che con circa 100 opere tra prints, sculture, arazzi, video e fotografie, racconta la storia di uno dei maestri della Pop Art che ha affascinato intere generazioni di artisti e di settori, dalla pubblicità al design alla fotografia.

24. La persistenza degli opposti

Matera, Capitale Europea della Cultura 2019, ospita dal 2 dicembre 2018 al 30 novembre 2019 in questo suo periodo di fermento culturale le opere dello stravagante surrealista Salvador Dalì di cui saranno esposte le tre statue monumentali di Danza del tempo, Elefante spaziale e Piano surrealista, mentre più di 200 opere saranno visibile nelle chiese di San Nicola dei Greci e Madonna delle Virtù. Il tutto è arricchito da ologrammi, realtà virtuale, proiezioni 3D, video mapping per un’esperienza totalmente “surreale” nella mente dell’artista.

© Riproduzione Riservata