Cinema

Sei qui: Home » Intrattenimento » Cinema
"Mangia, prega, ama", ecco perché è un film da vedere
Film da vedere

“Mangia, prega, ama”, ecco perché è un film da vedere

Basato sull’omonimo libro del 2006 di Elizabeth Gilbert, “Mangia, prega, ama“, l’omonimo  film è stato diretto da Ryan Murphy. Segue le vicende di una donna che decide di prendere diverse decisioni in grado di cambiare la sua vita. Esce dalla sua zona di comfort per scoprire se stessa mentre viaggia per il mondo.

Il titolo del film deriva dai tre momenti salienti del suo viaggio a: mangiare in Italia, pregare in India e trovare l’amore in Indonesia. La protagonista del libro, e  anche del film si chiama Elizabeth Gilbert o Liz, ed è interpretata dalla meravigliosa Julia Roberts

Perché è un film da vedere

Prima di spiegare o raccontare la storia che si cela dietro il libro e l’omonimo film, è importante capire perchè, per ogni persona, è un film necessario da vedere. Molto spesso, anche quando ci sembra andare tutto bene, abbiamo un bisogno incessante di partire, di allontanarci. Vorremmo alzarci in un altro letto, in un altro corpo, in un’altra vita semplicemente. Qualsiasi cosa della nostra quotidianità sembra sia una corda stretta legata al collo, una forza in grado di schiacciarci il soffitto sopra.

La fuga sembra essere l’unica scelta, giusto? Fuggire da tutti per ritrovare, da qualche parte, noi stessi, la nostra essenza, il nostro baricentro. Ecco, Liz, la protagonista del libro (e autrice, soprattutto) e del film, fa esattamente questo. Dopo un periodo molto buio e caotico della propria vita, sceglie tre tappe di viaggio per riscoprire le fondamenta della propria persona.

 

Questo, ripartendo dai bisogni e dagli impulsi essenziali: il cibo, la spiritualità e l’amore. Tre nodi del nostro essere persone, che ci guidano e condizionano in tutto il resto. Per questo “Mangia, prega e ama”, è un film da vedere ed un libro da leggere. Perché ci fa riflettere sul percorso introspettivo che ognuno di noi ha bisogno di fare, vuole fare. Ci fa respirare aria più leggera, intrisa di più speranza. Lo stesso Ryan Murphy, regista del film, ha scelto di girarlo dopo aver letto il libro illuminante e ispirazione di Elizabeth Gilbert. 

La storia vera dietro il libro 

Sì, “Mangia, prega, ama” è basato su una storia vera. Il libro biografico di Elizabeth Gilbert del 2006 è stato adattato per lo schermo con Julia Roberts nel ruolo di Elizabeth “Liz” Gilbert. Come il libro, il film ripercorre l’anno di “esplorazione spirituale e personale” dopo che Liz attraversa un difficile divorzio. La vera Liz Gilbert ha sposato Michael Cooper nel 1994, ma la loro relazione è finita quando lei ha iniziato a vedere un altro uomo. Liz e Michael alla fine hanno divorziato nel 2002. Nel film, l’ex marito di Liz si chiama Stephen (Billy Crudup), e David (James Franco) è il ragazzo con cui lei ha un’intensa relazione mentre il divorzio si sta concludendo.

Tuttavia, il vero motivo per cui il matrimonio della Gilbert è fallito, è leggermente diverso da quello che viene ritratto nel film. Nel libro, la sua relazione con il marito si presenta come più turbolenta; lei sottolinea anche i loro sforzi falliti per rimanere incinta. Tuttavia, Ryan Murphy ha voluto adottare un approccio diverso nel film, dove la relazione di Liz con Stephen finisce perché lei non è più innamorata di lui. Murphy era particolarmente affascinato dall’idea perché voleva evidenziare le relazioni con concrete “aree grigie”, problemi,  dove nessuno ha ragione o torto.
Attraverso le scene che coinvolgono Liz e Stephen, ha anche messo in evidenza che “spezzare il cuore di qualcuno è doloroso quanto avere il proprio spezzato”. Un altro dettaglio che manca nel film è che Liz ha ottenuto il contratto per il libro prima di mettersi in viaggio per un anno. Questo l’ha aiutata a coprire le spese del viaggio internazionale. È un dettaglio importante poiché il film è stato criticato per il fatto che presentasse la protagonista come una “persona privilegiata”. 

Un successo tra le pagine e lo schermo 

Il film si è rivelato un successo finanziario al botteghino, nonostante i critici abbiano affermato che il film mancava del peso emotivo e spirituale del libro che lo ha ispirato. La vera Elizabeth Gilbert non ha mai rivelato quale ashram abbia frequentato durante il suo periodo in India. Anche se è stato ipotizzato che abbia trascorso il suo tempo al Gurudev Siddha Peeth a Ganeshpuri in Maharashtra, appunto in India, e sappiamo che il team di produzione ha girato quelle scene nella città di Pataudi in Haryana, sempre in India. A parte questi aspetti, il film segue  molto da vicino le memorie dell’autrice. 
Nel film, durante l’ultima tappa del suo viaggio in Indonesia, Liz si innamora di un uomo d’affari brasiliano, Felipe (Javier Bardem).

Il personaggio di Felipe è ispirato a Jose Nunes, che la Gilbert ha incontrato a Bali. Si sono sposati nel 2007 ma alla fine si sono lasciati amichevolmente a metà 2016. Il libro ha aiutato Ryan Murphy a superare un periodo difficile della sua vita, ed è per questo che scelse di girarne il film. Pertanto, era della massima importanza che il film e i personaggi fossero trattati con rispetto, per fare questo la Gilbert ha lavorato a stretto contatto con Murphy; lei ha letto ogni bozza e gli ha dato note dettagliate di ogni aspetto del viaggio.

 

 

Stella Grillo

Riapertura cinema, a Milano soldout all'alba
riaperture cinema

Riapertura cinema, a Milano soldout all’alba

Riaprono i luoghi di cultura. Il cinema Beltrade di Milano ha dovuto mandare via alcune persone perché hanno venduto tutti i biglietti disponibili per una “maratona” iniziata all’alba