Canaletto a Venezia, a Palazzo Ducale la grande rassegna sul pittore della Serenissima

Canaletto e la mostra a Palazzo Ducale a Venezia mostrerà il percorso dalla nobile Serenissima all'epoca del Neoclassicismo con Antonio Canova
Canaletto a Venezia, a Palazzo Ducale la grande rassegna sul pittore della Serenissima
Antonio Canal detto Canaletto, Il Ponte di Rialto, Olio su rame, cm 45,5 x 62,5, Wells-Next-The-Sea, Holkham Hall

MILANO – Venezia, che dire, una delle più belle città italiane, ammirata e invidiata in tutto il mondo, coi suoi ponti, i suoi stretti canali e le sue gondole; il suo fascino tanto romantico quanto maestoso è senza pari. Dagli scorci più ricercati ai dorati soffitti della Basilica di San Marco, la Serenissima ha affascinato artisti di ogni epoca. Ed è proprio di artisti, in questo caso di un pittore, che parliamo oggi: il grande Canaletto. A lui Venezia dedica l’importante rassegna a Palazzo Ducale, visibile fino al 9 giugno, intitolata Canaletto&Venezia. Vediamo allora insieme più nel dettaglio di cosa si tratta.

Canaletto e il Settecento veneziano

Il Settecento veneziano con le sue luci e ombre si snoda lungo le sale di Palazzo Ducale, nel racconto di un secolo straordinario e del suo protagonista: Giovanni Antonio Canal, detto il Canaletto. Una stagione artistica di grande complessità e valore, di eccellenze nel campo della pittura, della scultura, delle arti decorative. Fin dal suo inizio il 700 si mostra come un secolo di enorme vitalità e grandi cambiamenti, nel linguaggio dell’arte, nella storia delle idee e delle tecniche, nella vita sociale.

Antonio Canal detto Canaletto, Piazza San Marco verso est, olio su tela, cm 115 x 153, Washington, National Gallery of Art (1945.15.3)

La mostra: dall’auge della Serenissima al Neoclassicismo

La mostra parte dall’affacciarsi nei primi anni di una nuova forma artistica, che rompe i legami con il rigore del Classicismo e con la teatralità del Barocco, mentre il colore prende il sopravvento sul disegno. Luca Carlevarijs pone le basi del vedutismo veneziano, Rosalba Carrera rinnova l’arte del ritratto. Due giovani coetanei dipingono opere in cui la luce acquista valenza fondante, costitutiva: Giambattista Tiepolo con pennellate aggressive in composizioni dinamicheCanaletto nella pittura di vedute, lo stile di entrambi si farà poi più controllato e nitido. Il viaggio prosegue con la pittura di costume di Pietro Longhi, l’esplosione del vedutismo, la pittura di storia e quella di paesaggio, il capriccio, e la grande stagione dell’incisione, che diversi sperimentano, e di Giambattista Piranesi. Il racconto di questo secolo è anche quello della presenza europea della Serenissima e del viaggiare dei suoi artisti, mentre anche l’arte vetraria di Murano vive i suoi fasti, con l’oreficeria e la manifattura di porcellane. Protagonisti di fine secolo sono Francesco Guardi e Giandomenico Tiepolo, figlio di Giambattista. Nelle vedute di Guardi il linguaggio pittorico, tremolante e allusivo, lontano dalle solari certezze di Canaletto, sembra evocare una Venezia in disfacimento, mentre il tempo del vivere felice e aristocratico lascia il posto a un popolo di irriverenti Pulcinella, dove tutti sono liberi e uguali, e sullo sfondo la rivoluzione infiamma la Francia. Il secolo dei lumi, e il percorso espositivo, si chiude con l’affermarsi del Neoclassicismo, i cui su tutti prevale Antonio Canova.

Antonio Canal detto Canaletto, Il bacino di San Marco, Olio su tela, cm 124,5 x 204,5, Boston, Museum of Fine Arts
© Riproduzione Riservata