Arte

I 10 baci più belli della storia dell’arte

Il 'Bacio' di Hayez

Da sempre il bacio è la più bella espressione dell’amore, raffigurata dagli artisti di tutte le epoche e in tutti gli stili, ecco la top ten dei baci più belli…

MILANO – Per Cirano di Bergerac il “bacio” era l’apostrofo rosa tra le parole “t’amo”. Per molti pittori il “bacio” è stato il tema con cui l’arte ha potuto rappresentare l’estasi tra due innamorati. Sono tanti i baci nella storia dell’arte (potete scegliere il vostro preferito a questo link), noi proponiamo qui i più famosi e rappresentativi.

.

FRANCESCO HAYEZ – “Il bacio” è un famoso dipinto di Francesco Hayez del 1859. E’ un quadro molto sensuale, dove i due amanti si scambiano un bacio prima della fuga dell’uomo che è già con un piede sulla scala. Ma il quadro ha anche un grande significato risorgimentale: infatti l’uomo ha i colori della bandiera italiana mentre la donna ha i colori della Francia, nostra alleata e amata. Il quadro esprime il sentimento puro e passionale, tipico del Romanticismo italiano.

 

1.

GUSTAVE KLIMT – “Il bacio” famoso quanto il primo è certamente quello del grane artista austriaco realizzato nel 1907 e conservato a Vienna nella Osterreichische Galerie. Quest’opera, in pieno accordo con i canoni dello stile Liberty, è dipinta su tela con decorazioni e mosaici in color oro sullo sfondo. Rappresenta l’estasi che provoca l’amore. L’uomo e la donna sembrano appartenere ad un unico corpo che a sua volta diventa un tutt’uno con l’universo. I fiori e i germogli sui quali sono appoggiati i due amanti rappresentano la carica vitale che viene generata dall’amore.

 

 2

.

RENÉ MAGRITTE – “Gli Amanti” è un dipinto del pittore belga surrealista René Magritte dipinto nel 1928. Il dipinto raffigura una coppia coperta da un velo che si abbraccia e si bacia. Ovviamente simbolico, molti hanno speculato sul perché la coppia sia velata, mentre altri hanno interpretato il dipinto in modi diversi; in ogni caso l’interpretazione più comune è ‘L’amore è cieco’.

 

 3

.

GIOTTO – L’Incontro di Anna e Gioacchino alla Porta d’Oro è un affresco di Giotto, databile al 1303-1305 circa e facente parte del ciclo della Cappella degli Scrovegni a Padova. È l’ultimo delle Storie di Gioacchino e Anna nel registro più alto della parete destra, guardando verso l’altare. Il commovente incontro può essere considerato come il primo bacio dipinto nella storia della pittura.

 

 4

.

EDVARD MUNCH – “Il bacio con la finestra” è un dipinto del 1892 conservato al National Museet for kunst di Oslo. Il dipinto fa parte di un gruppo di opere sul tema del ciclo della vita, della morte e dell’amore. Il rapporto fra uomo e donna è un tema spesso affrontato da Munch. Le due figure abbracciate, impossibili da distinguere separatamente, rappresentano la perdita di identità. Il rapporto tra uomo e donna si configura come tensione tra desiderio di amare e paura di amare. Il rapporto ambiguo è espresso dalla fusione fisica delle due figure che si abbracciano nel tentativo di annullarsi o assimilarsi. In ciò Munch trasferisce quel doloroso senso di solitudine legate al suo vissuto personale.

 

5.

MARC CHAGALL – Il suo “Compleanno”, realizzato nel 1915, fa parte della serie di dipinti che inneggiano l’amore dell’artista per la prima moglie. Bella, nel suo libro, racconta che, mentre decorava la stanza con dei fiori per il compleanno del marito, Chagall le chiese di fermarsi perché voleva ritrarla. L’immagine è caratterizzata dai due sposi sospesi nell’aria e l’artista che, per baciare la moglie, assume un’angolazione impossibile. Chagall dipinge minuziosamente ogni cosa, ad indicare che quando è con la moglie Bella ogni cosa della realtà è perfetta e sembra che lei possa portargli la felicità.

 

 6

.

WILLIAM ADOLPHE BOUGUEREAU – “Amore e Psiche, bambini”, è un dipinto ad olio del 1890, che si trova in una collezione privata e costituisce una delle opere più famose dell’autore. L’opera è erroneamente conosciuta come “ Il primo bacio”, simboleggia l’amore puro, la dolcezza infantile e l’aspetto più puro dell’amore.

 

7.

AGNOLO BRONZINO – “L’Allegoria del trionfo di Venere” è un dipinto a olio su tavola di Agnolo Bronzino, databile al 1540-1545 circa e conservato dal 1860 alla National Gallery di Londra. È considerato uno tra i più raffinati capolavori del primo Manierismo italiano.

 

 8

.

ROY LICHTENSTEIN ¬ Decisamente effervescente il bacio dell’ artista statunitense, tra i più celebri esponenti della Pop Art.

0606

 9

.

CORREGGIO – Il dipinto, databile al 1532-1533 circa, realizzato dal celebre pittore emiliano, è dedicato alla vicenda di Io, sacerdotessa di Era, così come narrata nelle Metamorfosi, il poema epico-mitologico di Ovidio: invaghitosi di lei ma timoroso della gelosia di sua moglie, Giove fece calare una fitta nebbia sulla terra e sedusse l’affascinante fanciulla.

 

 10

 

LEGGI ANCHE: I 5 baci più belli della storia della fotografia

 

I 10 baci più belli della storia dell’arte ultima modifica: 2016-07-06T10:30:00+00:00 da

© Riproduzione Riservata
Tags