Sei qui: Home » Frasi » Trasformare la solitudine in arricchimento, la lezione di Zygmunt Bauman
la frase del giorno

Trasformare la solitudine in arricchimento, la lezione di Zygmunt Bauman

Una frase di Zygmunt Bauman che invita a riflettere sulla solitudine come occasione di arricchimento

Per cominciare la giornata di oggi, vi proponiamo una bellissima riflessione di Zygmunt Bauman, tratta dal volume Cose che abbiamo in comune. 44 lettere dal mondo liquido (Bari, Laterza 2012).

“Quando si evita a ogni costo di ritrovarsi soli, si rinuncia all’opportunità di provare la solitudine: quel sublime stato in cui è possibile raccogliere le proprie idee, meditare, riflettere, creare e, in ultima analisi, dare senso e sostanza alla comunicazione. Certo, chi non ne ha mai gustato il sapore non saprà mai ciò che ha perso, ha lasciato indietro, a cosa ha rinunciato”

bauman

Zygmunt Bauman, perché oggi abbiamo così paura dell’amore

Perché oggi abbiamo così paura ad amare? Ci risponde il grande sociologo polacco con il libro “Amore liquido: sulla fragilità dei legami affettivi”

La solitudine per Zygmunt Bauman

Sono giorni particolari per tutti noi. Confinati fra le mura delle nostre case, ci troviamo a fare i conti con una nuova solitudine. Una benefica solitudine, direbbe Bauman. Non abbiamo più scuse per scappare da noi stessi. Niente palestra, né aperitivi con gli amici, nessuna chiamata urgente, nessun treno da prendere al volo. Sembra che non abbiamo davvero più possibilità di evadere da noi stessi. Dai nostri pensieri, dai nostri desideri reconditi, dalle nostre paure, da tutto quello che sedimenta nelle profondità del nostro io. Se fosse qui, Bauman ci direbbe di cogliere questa occasione per scoprire l’immensa ricchezza che abbiamo dentro, per viaggiare con la mente e creare universi nuovi e meravigliosi.

La tecnologia per Zygmunt Bauman allontana e avvicina

Durante il periodo della Pandemia, abbiamo compreso quanto la tecnologia è diventata fondamentale per le nostre relazioni. Lavoro e scuola da casa sono ormai diventati normalità. Molte delle nostre relazioni ormai sono mediate dalla tecnologia.  Zygmunt Bauman, come tutti i più grandi visionari aveva già anticipato che la solitudine è un tema con cui l’umanità dovrà fare i conti. In un’intervista realizzata per l’Espresso il 15 febbraio 2016 a firma Alessandro Gilioli, il grande sociologo affermava:

Internet rende possibili cose che prima erano impossibili. Potenzialmente, dà a tutti un comodo accesso a una sterminata quantità di informazioni: oggi abbiamo il mondo a portata di un dito. In più la Rete permette a chiunque di pubblicare un suo pensiero senza chiedere il permesso a nessuno: ciascuno è editore di se stesso, una cosa impensabile fino a pochi anni fa. Ma tutto questo – la facilità, la rapidità, la disintermediazione – porta con sé anche dei problemi. Ad esempio, quando lei esce di casa e si trova per strada, in un bar o su un autobus, interagisce volente o nolente con le persone più diverse, quelle che le piacciono e quelle che non le piacciono, quelle che la pensano come lei e quelle che la pensano in modo diverso: non può evitare il contatto e la contaminazione, è esposto alla necessità di affrontare la complessità del mondo. La complessità spesso non e un’esperienza piacevole e costringe a uno sforzo. Internet è il contrario: ti permette di non vedere e non incontrare chiunque sia diverso da te. Ecco perché la Rete è allo stesso tempo una medicina contro la solitudine – ci si sente connessi con il mondo – e un luogo di “confortevole solitudine”, dove ciascuno è chiuso nel suo network da cui può escludere chi è diverso ed eliminare tutto ciò che è meno piacevole.

Chi è Zygmunt Bauman

Fra i più grandi sociologi del nostro tempo, il polacco Zygmunt Bauman ha descritto e raccontato le dinamiche della società contemporanea attraverso un’immagine di notevole efficacia, che si può riassumere nella “teoria della società liquida”. Secondo Bauman, infatti, oggi siamo immersi e travolti da una liquidità che rende il mondo mutevole, effimero e privo di qualsiasi stabilità. E in questa società liquida nulla può consolidarsi, ogni cosa è destinata a liquefarsi nel grande mare dell’incertezza. Così anche l’amore, da solida struttura della società moderna, diventa liquido. Le relazioni diventano connessioni, l’amore si riduce a desiderio e, nel rincorrere la libertà a tutti i costi, finiamo per rimanere soli. 

 

© Riproduzione Riservata