#salute

Leggere… fa bene alla salute!

Secondo una recente ricerca, le persone che hanno capacità di lettura scarse tendono a sentirsi meno in salute di quelle che leggono facilmente. L’alfabetizzazione si rivela dunque un fattore importante di benessere personale…

La lettura migliora il nostro benessere psico-fisico

Leggere rende più concentrati, più attenti, più predisposti all’interazione, a impegnarsi nel sociale e anche più attivi fisicamente; in altre parole, migliora il benessere psico-fisico. Un articolo pubblicato dal blog inglese Sheer Balance approfondisce questo discorso e riflette sui benefici che la lettura arreca alla nostra persona…

I bambini che amano leggere hanno più successo a scuola

Tutti i recenti studi dimostrano che bambini e ragazzi che leggono quotidianamente per piacere personale ottengono migliori risultati a scuola: nelle prove di comprensione dei testi ottengono risultati più alti e hanno maggiore padronanza della grammatica. Alla luce di ciò, il Ministero della Pubblica Istruzione inglese si è impegnato a stilare un programma per promuovere la lettura…

La musica rende i bambini più bravi a leggere

Imparare a suonare uno strumento musicale quando si è piccoli, entro gli otto anni, rende più bravi a leggere. Esercitarsi a riconoscere le note sul pentagramma, infatti, allena il cervello a riconoscere più velocemente e facilmente le parole scritte. È il risultato ottenuto da uno studio dell’Università di Milano-Bicocca…

Leggere con i bambini sviluppa la loro intelligenza

Coinvolgere i bambini in letture ad alta voce insieme ai genitori, integrare la dieta dei più piccoli con olio di pesce e iscriverli in età prescolare si sono dimostrati efficaci strumenti per aumentare e sviluppare l’intelligenza dei bambini…

Shakespeare e Wordsworth aiutano più della psicanalisi

Proprio Wordsworth ha scritto che la ”mente umana è in grado di eccitarsi, senza l’impiego di stimolanti grossolani e violenti”. La ricerca inglese conferma la sua intuizione: leggere le opere impegnative dei più grandi scrittori, come il ”Re Lear” di Shakespeare o la poesia di Philip Larkin fa scattare una ”molla” al cervello…

La depressione? Adesso si combatte leggendo

Uno su cinque di noi si imbatte in episodi di depressione a un certo punto della vita, dice il Royal College of Psychiatrists. Ma in una colonna del British Medical Journal di questa settimana, Des Spence, medico di Glasgow, lancia un grido d’allarme: gli antidepressivi vengono prescritti con troppa facilità, per troppo tempo, e sono meno efficaci di quanto si pensi…