mafia

Sei qui: Home » Articoli taggati "mafia" (Page 3)
27072012174325 sm 2556

Simone Di Meo, ”Nel mio libro spiego perché le mafie puntano da 20 anni su uno sport così popolare come il calcio”

Come trasformare un gioco e un divertimento come il calcio in una macchina in cui investire denaro sporco e aumentare i guadagni in maniera illecita. A spiegarlo è Simone di Meo in ”Pallone Criminale”, un libro-inchiesta realizzato con Gianluca Ferraris in cui spiega come lo sport più popolare in Italia si stia trasformando, ormai da tempo, in un business sul quale le organizzazioni criminali hanno messo le proprie mani…

19072012002812 sm 2509

Attilio Bolzoni, ”Dopo la morte di Falcone, Paolo Borsellino fu lasciato solo dalle istituzioni”

SPECIALE PAOLO BORSELLINO – Il giornalista di Repubblica che da anni si occupa di Mafia e di Sicilia nel suo recente libro ”Uomini Soli” racconta la storia di chi, come Paolo Borsellino, mentre si batteva a Palermo per la legalità, venne lasciato solo dalle istituzioni, fino ad arrivare agli agguati e alle bombe. L’autore dedica un’intera pagina del libro a Paolo Borsellino, definendolo uomo di legge e di coraggio…

18072012112459 sm 2503

Francesco La Licata, ”Borsellino non si tirò indietro per onorare l’impegno preso con Giovanni Falcone”

SPECIALE PAOLO BORSELLINO – La figura e l’impegno di Paolo Borsellino raccontato da Francesco La Licata, giornalista de La Stampa, siciliano e attento conoscitore delle vicende legate alla piaga che dilania la sua terra e l’Italia intera: la mafia. La Licata racconta l’eredità, tecnica e soprattutto morale, lasciata da Paolo Borsellino e il suo ultimo, drammatico incontro con il giudice, pochi giorni prima della sua morte…

18072012125824 sm 2505

Giuseppe Ayala, ”Borsellino era un uomo di una ironia imbarazzante e dissacrante, era impossibile non ammirarlo”

SPECIALE PAOLO BORSELLINO – Il magistrato Giuseppe Ayala, membro del Pool Antimafia di cui fecero parte Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, ricorda il giorno della morte del collega e amico il 19 luglio 1992. La testimonianza della strage di via D’Amelio, avvenuta a pochi passi dalla sua abitazione, raccontata attraverso alcuni brani tratti dal libro ”Chi ha paura muore ogni giorno”, scritto dal magistrato in onore delle due figure che hanno sacrificato la vita per difendere le Istituzioni, la legalità e la libertà di tutti…

19072012000718 sm 2508

Crispino Di Girolamo, ”Le idee e l’impegno di uomini come Paolo Borsellino devono continuare a camminare sulle nostre gambe”

SPECIALE PAOLO BORSELLINO – L’omaggio a Paolo Borsellino da parte del responsabile di Di Girolamo Editore, la casa editrice siciliana sensibile alle questioni legate alla legalità, tanto da ideare una collana dedicata al tema della mafia e dell’antimafia nel mezzogiorno d’Italia e nel Mondo intitolata ”Mafia – antimafia e dintorni”, e pubblicare diversi libri sul tema, come ”A testa alta”, ”Mafia o sviluppo” e ”Le Voci dell’oblio…il silenzio di coloro che non possono più parlare”…

18072012145605 sm 2506

Giuseppe Di Piazza, ”Dopo la morte di Falcone, Paolo Borsellino sembrava smarrito”

SPECIALE PAOLO BORSELLINO – Il giornalista e scrittore Giuseppe Di Piazza, siciliano e palermitano, racconta il suo personale ricordo di Paolo Borsellino. Dalla notizia dell’attentato vissuta nella redazione romana de Il Messaggero all’ultimo incontro con il giudice poche settimane dopo la morte di Falcone: poco prima della sua morte gli occhi di Paolo Borsellino tradivano stanchezza e spaesamento…

26062012172729 sm 2409

Giuseppe Ayala, ”Nel mio libro spiego come la mafia sia un problema politico”

Il biennio tra 1992 e 1994 ha rappresentato un passaggio epocale per la storia del nostro Paese: dalle stragi mafiose alla fine della Prima Repubblica, sono tanti i dettagli che stridono nella ricostruzione di questo periodo. ”Troppe coincidenze”, ecco come le definisce Giuseppe Ayala, magistrato e uomo politico italiano, nel suo libro così intitolato, dove l’autore conduce un’analisi ragionata degli eventi di quegli anni e ci spiega come è cambiato l’agire della mafia oggi rispetto ad allora…