Sei qui: Home » Storie » Cime tempestose, l’amore travolgente tra Heathcliff e Catherine

Cime tempestose, l’amore travolgente tra Heathcliff e Catherine

Protagonisti del romanzo “Cime tempestose” Heathcliff e Catherine vivono un amore sconvolgente e totalizzante

Il romanzo “Cime tempestose” di Emily Bronte racconta la storia di un amore travolgente e sconvolgente. Una di quelle storie che non smettono mai di emozionare dove il sentimento prevale sulle differenze e il destino. L’amore del nonostante tutto che va oltre la crudeltà della sorte e coinvolge i protagonisti dall’inizio alla fine. In questo articolo vogliamo raccontarvi la storia di Heathcliff e Catherine.

La nascita di un amore

È il 1771 quando Mr Earnshaw, rientrando a casa da un viaggio d’affari, porta con sé un bambino orfano e vagabondo di sei anni. Mr Earnshaw lo adotta dandogli il nome di Heathcliff e lo rende, così, parte della sua famiglia. I due figli, Hindley e Catherine, non accettano subito il nuovo arrivato. Con il tempo, però Catherine, cambia idea e instaura con Heathcliff una bella amicizia. Amicizia che con il tempo diventa sempre più forte e profonda nonostante l’odio covato dal fratello Hindley, nonostante le difficoltà dopo la morte del padre. Rapporto però interrotto dalla lunga permanenza di lei presso una ricca famiglia per potersi riprendere da un incidente, dove si infatua del giovane Edgar.

Il ritorno di Catherine e la partenza di Heathcliff

La permanenza di Catherine presso la famiglia dei Linton cambia definitivamente il modo della ragazza di percepire la realtà e i suoi sentimenti. Tornata a casa inizia a vedere l’amato Heathcliff con occhi diversi, la sua natura ribelle lo renderà grezzo e trasandato nell’immaginario ormai diverso di Catherine che, influenzata dai suoi stessi capricci e dallo stare benestante dei Linton, perde di vista il vero amore e due anni dopo si fidanza con Edgar pur amando ancora profondamente quel fratellastro piombato nella sua infanzia. Heathcliff ferito profondamente parte in cerca di fortuna senza lasciare alcuna traccia di sé. Catherine, colpita dall’abbandono di Heathcliff accusa una crisi di nervi che la porta quasi alla morte.

Il ritorno di Heathcliff

Heathcliff torna alla brughiera tre anni dopo con un’enorme fortuna accumulata nel suo continuo vagare. Catherine però, saputo del suo ritorno, peggiora drasticamente e le sue condizioni di salute precipitano. I due innamorati di incontrano e riescono finalmente a parlare a cuore aperto, dal profondo del cuore ed esprimere finalmente il loro reciproco e insaziabile amore. sentendosi profondamente amata ed essendo riuscita a confessare i propri sentimenti all’unico uomo che abbia davvero mai amato, Catherine muore dando alla luce una bambina. Un amore impossibile e sofferto il loro, straziato da odio e vendetta che si rifletterà anche nella generazione successiva.

 

L’amore oltre la morte

Anche Heathcliff muore, ma finalmente il suo spirito è libero di riunirsi con quello di Catherine dopo una vita di sofferenze e incomprensioni, liberi di amarsi senza gli intralci terreni che li hanno separati per troppo tempo. Un amore finalmente libero di esprimersi tanto che la tradizione locale vuole che i loro spiriti vaghino ancora insieme per la brughiera tenendosi per mano.

“Cime tempestose”

“Cime tempestose” è l’unico romanzo di Emily Brontë, scritto fra l’ottobre 1845 e il giugno 1846. Venne pubblicato per la prima volta nel 1847, sotto lo pseudonimo di Ellis Bell, mentre una seconda edizione postuma fu curata da sua sorella Charlotte nel 1850. Nonostante ora sia considerato un classico della letteratura inglese, Cime tempestose non venne accolto in maniera molto entusiastica dalla critica; la sua struttura innovativa, che è stata paragonata a una serie di matriosche, rese i critici perplessi quando apparve per la prima volta. Fin dall’inizio fu inoltre considerato controverso e ricevette recensioni contrastanti in quanto la sua raffigurazione della crudeltà fisica e mentale descritta era insolitamente forte.

© Riproduzione Riservata