Sei qui: Home » Storie » “Whatever it takes”, il discorso di Mario Draghi apprezzato dalla Treccani
costi quel che costi

“Whatever it takes”, il discorso di Mario Draghi apprezzato dalla Treccani

Mario Draghi ha accettato con riserva l'incarico di formare un nuovo governo. L'ex presidente della Banca Centrale Europea era già conosciuto per un altro discorso, che gli fede guadagnare una voce anche nell'Enciclopedia Treccani.
Mario Draghi, convocato dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ha accettato con riserva l’incarico di formare un nuovo governo. Combattere la pandemia e rilanciare l’Italia sono stati gli obiettivi dichiarati da Draghi durante il discorso nel quale ha ufficialmente accettato l’incarico. L’ex presidente della Banca Centrale Europea era già conosciuto per un altro discorso, che gli fede guadagnare una voce anche nell’Enciclopedia Treccani.

Whatever it takes

“Nei limiti del nostro mandato, la Bce è pronta a fare qualsiasi cosa – whatever it takes – per salvare l’euro. E credetemi, sarà abbastanza”. Queste le parole di Mario Draghi a Londra il 26 luglio 2012, nel mezzo della crisi del debito sovrano che, mettendo sotto pressione i titoli di Stato italiani rischiava di frantumare l’eurozona. In particolare la pronuncia di quelle tre parole inglesi “whatever it takes” sono state suffficienti a cambiare la storia dell’unione europea.

Il discorso di Mario Draghi

Invitato dall’allora premier britannico David Cameron a parlare davanti a una platea di investitori alla Lancaster House, nel West End della capitale britannica, Draghi lancia un messaggio forte, che non lascia dubbi sulle intenzioni della Bce. Il discorso viene pronunciato in uno e momenti più drammatici della crisi che ha preso di mira i Paesi più fragile della zona euro, in particolare l’Italia e il suo enorme debito pubblico. Il “wahtever we takes” ha conquistato una pagina dedicata all’interno dell’enciclopedia Treccani. “Da quel momento – si legge sul sito Treccani – si può dire che l’Europa diventi l’Europa di Mario Draghi. A posteriori, lo riconoscono sia gli estimatori, sia i detrattori.”

Costi quel che costi ai tempi del Covid

Il modo di dire inglese è stato emblematico nella coscienza dei politici, degli operatori economici e quindi anche dei media, a tal punto da tornare ricorsivamente come marcatore linguistico-temporale. Il “costi quel che costi” di Mario Draghi ha fatto scuola, tanto da essere utilizzato dai principali leader europei negli ultimi tempi, quando la pandemia ha iniziato a sconvolgere l’Europa e poi il resto del mondo. Un modo per sottolineare la gravità del momento e al tempo stesso la determinazione nel fare tutto ciò che è necessario.

 

 

© Riproduzione Riservata