Sei qui: Home » Società » 5 parchi da visitare assolutamente in Italia
la classifica

5 parchi da visitare assolutamente in Italia

In occasione della Giornata Europea dei Parchi, vi proponiamo i 5 parchi più belli da visitare in Italia sfruttando l’arrivo della bella stagione

Il 24 maggio si festeggia la Giornata Europea dei Parchi: la data ricorda l’istituzione dei primi nove parchi nazionali in Svezia, nel lontano 1909. In questo articolo vi proponiamo i 5 parchi più belli da visitare in Italia.

La Giornata Europea dei Parchi

La Giornata Europea dei Parchi  quest’anno ha come tema “Respiro nei parchi, respiro dei parchi”. Con ciò si intende richiamare l’attenzione sulla necessità di ritrovare l’equilibrio fra uomo e natura e il ruolo fondamentale che i parchi possono svolgere su questo tema. Un contributo che si aggiunge alla loro missione primaria di tutela della biodiversità e alla funzione che le aree protette forniscono per uno sviluppo sostenibile e a misura d’uomo, a partire da un turismo slow e consapevole. 

Parco giardino Sigurtà, Veneto

Il Parco Giardino Sigurtà è un parco naturalistico di 60 ettari situato a Valeggio sul Mincio, in provincia di Verona, a 8 km da Peschiera del Garda. Il Parco ospita attrazioni naturalistiche e storiche: nei mesi di marzo e aprile si possono ammirare un milione di tulipani, che rappresentano la fioritura più importante in Italia e la più ricca del Sud Europa; il viale delle rose, che da maggio a settembre accoglie 30.000 rose rifiorenti; un labirinto, diciotto specchi d’acqua, dove tra giugno e luglio fioriscono le piante acquatiche, e immensi prati verdi. Senza dimenticare il Castelletto, commissionato dal marchese Antonio Maffei, antica sala d’armi, oggi invece luogo dove sono conservate le memorie storiche, letterarie e scientifiche della famiglia Sigurtà.

Isola del Garda, Lombardia

L’isola di Garda, originariamente Monastero Longobardo connesso a Brescia, della regina Ansa, era detta anche Schwaben, è la più grande isola del lago omonimo. Distante poco più di 200 metri da Capo San Fermo, promontorio che divide il golfo di Salò dalla baia dello Smeraldo, misura all’incirca un chilometro di lunghezza ed è larga in media 60 metri. A sud dell’isola si trova una catena di scogli e bassi fondali, alla fine dei quali emerge l’isolotto di San Biagio; in prossimità dell’isola si trova lo Scoglio dall’Altare, così chiamato in quanto si racconta che su di esso una volta all’anno venisse celebrata una messa alla quale assistevano i pescatori provenienti da tutto il lago a bordo delle loro barche.

Parco delle Cinque Terre, Liguria

Il Parco nazionale delle Cinque Terre è un parco nazionale istituito nel 1999 che si trova in Liguria, in provincia della Spezia. Il parco si può suddividere in tre parti: la zona costiera, il vero e proprio parco nazionale e la zona marina, l’area naturale del porto protetta. Caratteristico tratto costiero delle Cinque Terre con i monti dell’Appennino che giungono a picco sul mare creando una costa unica nel suo genere. Il parco tutela una zona costiera dove l’uomo ha creato una vita stabile e di reciproca convivenza tra sé e la natura. I borghi e i terrazzamenti con i muri a secco sono immersi in un ambiente costiero tipicamente mediterraneo e rendono il parco un luogo unico.

Parco del Conero, Marche

Il parco regionale del Conero è un’area naturale protetta delle Marche istituita nel 1987 e che si estende sul promontorio omonimo, in provincia di Ancona. Il Parco del Conero è un parco dalle mille sfaccettature, a picco sul mare e con una zona collinare che si incunea nell’entroterra, ci sono punti da cui potete godere di panorami mozzafiato che spaziano sull’intera Riviera del Conero, ma anche visitare siti storici di particolare fascino. Il Conero, monte altro 512 m, ha ben 5 milioni di anni, è ricco di cave di pietra da cui veniva estratta la pietra bianca del Conero, con la quale sono costruiti molti edifici della zona.

 

Parco Paternò del Toscano, Sicilia

Alle pendici dell’Etna, un’antica colata lavica accoglie rare piante tropicali integrate armoniosamente nella vegetazione boschiva della macchia mediterranea. per circa 3 ettari si estende il Parco Paternò del Toscano, uno speciale giardino roccioso a terrazze, progettato dal paesaggista Ettore Paternò. La casa padronale venne costruita negli anni Cinquanta del Novecento, nel punto più alto della proprietà. Il parco si compone di agrumeti e vigneti, caratteristici del paesaggio siciliano, e dal giardino vero e proprio, composto piante mediterranee ed esotiche provenienti da tutto il mondo.

© Riproduzione Riservata