Il mare arriva a Milano, l’iniziativa per la salvaguardia degli oceani

A Milano "arriva il mare" con "Immergiti nel blu" l'iniziativa di MSC per salvaguardare gli oceani e la pesca sostenibile
Il mare arriva a Milano, l'iniziativa per la salvaguardia degli oceani

MILANO – In questi giorni a Milano davanti alla meravigliosa Basilica di San Lorenzo e più precisamente tra le Colonne che prendono il nome dall’omonimo Santo, balza all’occhio con grande sorpresa dei passanti un grande spiazzo blu con sculture di animali marini che lo abitano. Se vi state chiedendo cosa sia, la risposta è “Immergiti nel blu”, un’iniziativa di MSC Marine Stewardship Council in vista della Giornata Mondiale degli Oceani (8 giugno) che ha lo scopo di sensibilizzare il pubblico sulla salvaguardia del mare e di tutte le creature che ci abitano, promuovendo anche la pesca sostenibile

LEGGI ANCHE: 10 libri per bambini che insegnano ad amare l’ambiente

Il mare a Milano

Ormai è consolidato che la zona Colonne di Milano, anche per la sua posizione centrale a metà strada tra zona Navigli e Piazza del Duomo, è un luogo ricco di eventi e di iniziative. Proprio in questi giorni un’installazione di colore blu caratterizza questa zona. Si tratta infatti di “Immergiti nel blu” (dal 4 giugno fino al 6 giugno), un’iniziativa promossa da MSC Marine Stewardship Council, in vista della Giornata Mondiale degli Oceani (8 giugno), che ha lo scopo di sensibilizzare il pubblico sulla salvaguardia del “grande mare blu, di tutte le creature che lo abitano e della pesca sostenibile. Ma come concretizzare un obbiettivo così importante nel centro di una città dove, peraltro, il mare non c’è? L’idea parte da un tappeto di erba naturale di 500mq tinto con vernice blu, rigorosamente ecologica, in modo da ricordare l’oceano. Su di esso vi sono poi delle sculture di animali marini che ci fanno capire e ci ricordano che il mare è abitato da creature che a causa dell’inciviltà dell’uomo stanno soffrendo e scomparendo, causando così l’instabilità di tutto l’ecosistema planetario.

LEGGI ANCHE: “Cosa fare per salvare il mondo della plastica”

Per sostenere questa causa, MSC invita tutti gli utenti a postare sui social una loro foto con maschera e boccaglio con l’hashtag #StavoltaMiTuffo dimostrando così il loro sostegno e la loro adesione a questa iniziativa di salvaguardia del mare e della pesca sostenibile. A proposito di pesca sostenibile il 6 giugno, ultimo giorno in cui MSC sarà presente in Colonne, il “mare di Milano” si animerà di giochi e concorsi a premi tutti  rigorosamente in tema ittico per spiegare giocando il difficile concetto di pesca etica e sostenibile.

LEGGI ANCHE: Michele Gentile, il libraio che regala libri in cambio di bottiglie di plastica

 

Visualizza questo post su Instagram

 

#stavoltamituffo 🌊🐠 @msc_italia

Un post condiviso da Sofia Del Duca (@sofia_delduca) in data:

MSC con questa iniziativa vuole quindi ricordare agli abitanti della città meneghina che il mare non è così poi distante da dove abitano e che anche loro, sebbene non vivano in riva ad una spiaggia, possono contribuire alla salvaguardia dell’oceano facendo scelte più consapevoli sui prodotti che acquistano; dopotutto Milano è la città consumista per eccellenza e un approccio più green e etico nei confronti del mare se applicato dagli abitanti del capoluogo lombardo, come da qualsiasi altra persona, può davvero fare la differenza.

LEGGI ANCHE: 5 applicazioni per essere più ecologici

Le colonne di San Lorenzo

16 colonne in marmo, alte 7 metri e mezzo con straordinari capitelli corinzi abitano il centro della città di Milano sorgendo davanti all’incredibile Basilica di San Lorenzo, da cui prendono il nome. Queste, appunto, Colonne di San Lorenzo sono in piedi dal II/III secolo d.C. e in origine probabilmente erano parte di un tempio pagano sito nell’area dell’attuale piazza Santa Maria Beltrade.

Nel corso del tempo hanno progressivamente cambiato il loro aspetto e prima di trovarsi dove sono adesso completando così il corredo architettonico della Basilica, esse vennero assemblate tra l’XI e il XII secolo, in epoca medioevale, con l’aggiunta di capitelli corinzi che nonostante siano di altezze differenti risultano alti alla pari poiché per livellarli vi è stato aggiunto uno spessore in laterizio.

LEGGI ANCHE: Oggi è la Giornata Mondiale dell’Ambiente, ecco perché si festeggia

https://www.flickr.com/photos/lizadaly/

Oggi questo luogo che in gergo milanese prende semplicemente il nome di Colonne è diventato un punto di ritrovo della movida della città, nonché un covo di turisti e cittadini che amano trascorre del piacevole tempo tra l’artistica bellezza architettonica della Basilica, il fascino antico delle colonne e la spensieratezza del mondo moderno che qui si ritrova in bar, ristoranti, originali boutique e alternativi negozietti. Questa zona, ora centrale, di Milano un tempo non era parte del centro della città, anzi essa fino al 1935 era considerata la periferia di Milano; tant’è vero che nell’attuale piazzale dove ora si elevano le Colonne, la Basilica e dal 1937 la statua in bronzo di “Costantino Imperatore” (copia di un originale tardoantico conservato a Roma), sorgeva un intero isolato di vecchi edifici popolari, poi abbattuti per dare maggiore respiro e monumentalità alla basilica.

Foto di High Contrast; https://it.wikipedia.org/wiki/File:Fassade_der_Basilica_di_San_Lorenzo,_Mailand.jpg

La nuova piazza venne poi occupata dai binari del tram che prima passavano sotto le colonne e ora invece passano al loro fianco regalando comunque una piacevole vista ai pendolari e rendendo più piacevole il loro tragitto.

LEGGI ANCHE: “La guida pratica per eliminare la plastica dalla propria vita”

© Riproduzione Riservata