5 curiosità legate alla paura di venerdì 13

Oggi è venerdì 13 e, per sfidare le superstizioni, vi raccontiamo i retroscena di questa antica superstizione
13

Legato soprattutto alla cultura anglosassone, venerdì 13 è uno dei giorni più temuti dell’anno, tanto da aver ispirato film horror e superstizioni di ogni tipo. Ma cosa sappiamo davvero di questa giornata sfortunata?

Ecco, 5 curiosità legate a questa giornata.

1. L’origine

L’origine della sfortuna del numero 13 è attribuita alla mitologia scandinava secondo cui i semidei in origine erano dodici ma si aggiunse un tredicesimo, Loki, che però era crudele con gli uomini.

2. L’ultimo venerdì

Un’altra spiegazione risale all’episodio biblico dell’Ultima Cena di Cristo. Infatti, i commensali erano proprio 13 e così, già nei secoli dell’era cristiana, il numero divenne sinonimo di portatore di morte. Anche oggi sopravvive l’antica superstizione di non sedersi in 13 attorno a uno stesso tavola.

3. Perché il venerdì?

Venerdì 13 °ottobre 1307 il re Filippo di Francia arrestò la maggior parte dei Cavalieri Templari. La teoria che fa risalire le origini della paura legata a venerdì 13 all’arresto dei Templari non ha alcun fondamento storico, ma è diventata celebre grazie allo scrittore Dan Brown, che la racconta ne Il Codice da Vinci.

4. La triscaidecafobia

Esiste una parola, derivante dal greco treiskaídeka, “tredici”, e phóbos, “paura”, che esprime la paura irragionevole del numero 13, principalmente legata alla cultura popolare e alla superstizione. Il termine fu coniato da Isador Coriat nell’opera Abnormal Psychology.

5. Vietato il 13 in aereo

Molte compagnie aeree nel mondo non hanno il posto 13, persino molti edifici non hanno il tredicesimo piano.

Altri numeri sfortunati nel mondo

Ma il 13 nonè il solo numero sfortunato del mondo. A seconda dei Paesi e delle diverse culture, i numeri portasfortuna sono diversi.

IL 17
Si chiama eptacaidecafobia ed esiste soltanto in Italia. La storia della paura verso il numero 17 affonda le sue origine nella civiltà greca, infatti il 17 è stato associato alla sfera del maligno prima dai greci, poi dai romani e infine dalla Smorfia napoletana.

IL 4 E IL 7 
In Cina, Giappone e Corea del Sud, il numero 4 porta sfortuna perché la pronuncia cinese (shi) è simile a quello della parola morte. Ma bisogna stare alla larga anche dal numero 7, perché il settimo mese del calendario cinese è legato ai fantasmi, e corrisponde al ritorno delle anime dei defunti sulla Terra.

666
Nel libro Apocalittico della Rivelazione della Bibbia, Giovanni l’Apostolo fa riferimento al 666 come “il numero della bestia”. Questa “bestia” è da tanti interpretata come l’Anticristo, per cui questo numero fa un po’ paura a tutti, anche a chi non è superstizioso.

 

© Riproduzione Riservata