Il giallo è in testa alla classifica settimanale degli ebook più venduti di Amazon

Il giallo domina la classifica di Amazon degli ebook più venduti della settimana. In vetta si posiziona il primo episodio di una trilogia che, con milioni di copie vendute nel mondo, promette di far concorrenza a ''Millenium'' di Stieg Larsson. Si tratta di ''Sconsacrato'', primo atto della ''Carnivia Trilogy'', di Jonathan Holt...
“Sconsacrato”, primo atto della “Carnivia Trilogy” di Jonathan Holt, si piazza in prima posizione davanti a “Lorenza e il commissario” di Davide Camaiore. Conquista il terzo posto “Il trono vuoto” di Roberto Andò
MILANO – Il giallo domina la classifica di Amazon degli ebook più venduti della settimana. In vetta si posiziona il primo episodio di una trilogia che, con milioni di copie vendute nel mondo, promette di far concorrenza a “Millenium” di Stieg Larsson. Si tratta di “Sconsacrato”, primo atto della “Carnivia Trilogy”, di Jonathan Holt. Dietro, in seconda posizione, un giallo d’autore targato Sellerio, “Lorenza e il commissario” di Davide Camarrone. Sul terzo gradino del podio si piazza invece “Il trono vuoto” di Roberto Andò, romanzo giocato su un intreccio politico.
In “Sconsacrato”, a Venezia la notte della Befana un cadavere affiroa dal Canal Grande: una donna, con indosso le vesti di un sacerdote. È la prima volta che il capitano dei carabinieri della città, la giovane e ambiziosa Caterina Taddei, affronta un caso di omicidio. L’indagine la condurrà a un ospedale psichiatrico abbandonato sull’isola deserta di Poveglia e infine alla scoperta di un misterioso sito web criptato: Carnivia.com, che racchiude e diffonde i più oscuri segreti della città. Lungo la strada Caterina si imbatterà in due strani ma fondamentali personaggi, il sottotenente Holly Boland, una giovane donna soldato dell’esercito degli Stati Uniti cresciuta in Italia, e Daniele Barbo, un hacker di nobili origini intelligente e schivo, creatore proprio di Carnivia.com. Le tracce si perdono nel passato: non c’è nessuna prova certa, solo qualche indizio, che fa pensare a un’antica cospirazione in cui sono coinvolti la Chiesa, la CIA e il crimine organizzato. 
In “Lorenza e il commissario” i protagonisti sono una squillo d’alto bordo che si trova coinvolta come principale sospettata in un caso d’omicidio, e il commissario Paternò. Lorenza vive a Roma come una specie di dandy al femminile, ma torna spesso nella natia Palermo per incontrare qualcuno dei suoi riservati e selezionati clienti e per alimentare certe colte malinconie di cui è cultrice. Una notte riceve un messaggio da un cliente, un ricco avvocato, ma arrivata nel luogo dell’appuntamento a piazza Repubblica, lo trova morto. Si tratta di un omicidio nel giro della cocaina, Lorenza sembra inizialmente una testimone di routine. E invece un vortice di persecuzione l’avvolge, un killer che le semina dietro cadaveri, e lei si ritrova a essere la prima indiziata. L’aiuta l’unica persona che vuole crederle, il commissario Paternò. Enigmaticamente la pista principale sembra connessa all’eredità del nonno, un cofanetto, una collana preziosa dono di un soldato irlandese e un diario di prigionia. Ma ogni cosa, ogni transitoria certezza nell’indagine, sembra mutarsi immediatamente ai loro occhi. E a Lorenza e Paternò non rimane che tuffarsi nel passato.
Ne “Il trono vuoto”, Il segretario del maggiore partito d’opposizione, Salvatore Oliveri, dopo il crollo dei sondaggi e l’ennesima, violenta, contestazione, decide di scomparire e si rifugia in segreto a Parigi, in casa di un’amica che non vede da trent’anni, Danielle, una segretaria di edizione conosciuta all’epoca in cui ancora accarezzava l’idea di fare il regista. Unici, e parziali, depositari della scomoda verità, Andrea Bottini, collaboratore di Oliveri, e Anna, la moglie dell’onorevole, in realtà continuano ad arrovellarsi sul perché della fuga e sulla possibile identità di un eventuale complice. Bottini propone ad Anna di usare il fratello gemello di Oliveri, un filosofo geniale segnato da una depressione bipolare, come sostituto dello scomparso. Il filosofo si trasferirà a casa sua, avviando uno strano ménage e un’involontaria carriera politica. 
1. Jonathan Holt – Sconsacrato – Newton Compton
2. Davide Camarrone – Lorenza e il commissario – Edigita
3. Roberto Andò – Il trono vuoto – RCS
4. Darcie Chan – Cronache di piccoli miracoli – Nord
5. Leah Fleming – La strada in fondo al mare – Newton Compton
6. J.R. Moehringer – Pieno giorno – Edizioni Piemme
7. Andrea Frediani – 300 guerrieri – Newton Compton
8. Tom Rachman – Gli imperfezionisti – Saggiatore
9. Vanna De Angelis – Il bambino con la fionda – Edizioni Piemme
10. Khaled Hosseini – E l’eco rispose – Edizioni Piemme
26 luglio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti