I libri più amati

Giornata mondiale del libro, i 10 libri più amati dai lettori

Abbiamo chiesto ai lettori di Libreriamo quali sono i loro libri più amati, che hanno letto (e a volte rileggono) con piacere. Ecco le risposte più ricorrenti
17 libri da rileggere per trovare il significato nascosto nella trama

Chi ama la lettura adora ciò che legge. Ma ci sono libri più amati rispetto ad altri. In occasione della Giornata Mondiale del Libro, abbiamo voluto chiedere ai lettori di Libreriamo sulla pagina Facebook quali fossero i loro libri più amati, che hanno letto (e a volte rileggono) con piacere. 

Prima di iniziare con la classifica dei libri più amati, ci piaceva menzionare una lettrice id Libreriamo, intervenuta dicendo:

“Non ho un libro preferito, perché tutti quelli che leggo li amo, poi qualcuno di essi mi lascia forti emozioni e li ricordi bene, altri dopo anni devo rileggerli e ogni volta è sempre un susseguirsi di ricordi indelebili nella mia mente.”

Un intervento apprezzato da tutti, il cui concetto è stato ripreso anche in altri interventi. Dovendo fare una selezione, però, ecco la classifica dei 10 libri più amati dai lettori.

 

Orgoglio e pregiudizio

 

Romanzi classici da leggere durante l’adolescenza, proposti in una nuova veste grafica. Elizabeth Bennet è carina, brillante, una perfetta ragazza da marito. Ma, a differenza delle sorelle e in barba ai consigli della madre, non smania per darsi in sposa al primo pretendente. Ha un sogno: vuole innamorarsi e una vera eresia per i suoi tempi – sposare l’uomo che ama. Non sembra cosa facile, ma quando si presenta alla porta di casa Bennet un nuovo interessante vicino, il giovane Mr Darcy, il più appare fatto.

Cime tempestose

 

Tra i libri più amati è stato più volte citato “Cime tempestose”. Si tratta di un romanzo selvaggio, originale, possente, si leggeva in una recensione della ‘North American Review’, apparsa nel dicembre del 1848, e se la riuscita di un romanzo dovesse essere misurata unicamente sulla sua capacità evocativa, allora “Wuthering Heights” può essere considerata una delle migliori opere mai scritte in inglese. 

I miserabili

 

Esaltato come lo Shakespeare del romanzo, paragonato a Omero da un grandissimo rivale come Dostoevskij, artefice, secondo Rimbaud, di un linguaggio simile per intensità a quello della poesia, Victor Hugo fu ritenuto il più grande scrittore in prosa della sua generazione. Adorato dai lettori contemporanei per la terribile bellezza dei suoi libri, Hugo, nel Novecento, è diventato estraneo, proprio per i caratteri iperbolici del suo genio, alla più diffusa sensibilità contemporanea.

Anna Karenina

Uno dei più famosi scritti di Tolstoj e forse della storia del romanzo in generale, anche grazie alle trasposizioni cinematografiche di cui è stato oggetto. Narra le vicende della nobildonna Anna Karenina, sposata senza amore ad Alessio Karenin, e della sua passione per il giovane ufficiale Vronskij. Un capolavoro assoluto. 

L’ombra del vento

Uscito in sordina in Spagna nel 2001, L’ombra del vento è divenuto un incredibile successo grazie al solo tam-tam dei lettori. L’esordio sulla scena internazionale di uno straordinario narratore. 

Cent’anni di solitudine

Tra i libri più amati, è stato diverse volte nominata una delle più importanti opere di Gabriel Garcia Marquez. Grandezza e decadenza della città di Macondo e della famiglia Buendia, in una successione appassionante di avvenimenti favolosi e grotteschi tra cronistoria e leggenda. Un romanzo che portò un soffio nuovo nella letteratura mondiale, aprendo l’Europa alla narrativa sudamericana. 

Mille splendidi soli

 

Memorie di una geisha

Piccole Donne

 

L’amica geniale

La solitudine dei numeri primi

 

© Riproduzione Riservata
Commenti