Curiosità su George Orwell

George Orwell, 10 curiosità sull’autore di 1984

10 curiosità su George Orwell, il famoso giornalista, saggista e attivista britannico che scrisse il celebre romanzo distopico 1984...

MILANO – Nasceva il 25 giugno 1903 George Orwell, lo scrittore capace di creare nel suo capolavoro “1984” un universo distopico che ancora oggi inquieta i lettori. Spesso quando si parla di George Orwell si parla molto delle opere che ha scritto, come appunto “1984 o “La fattoria degli animali“, e poco, invece, della sua figura come uomo e come poeta. Ecco quindi che il sito Flavorwire.com ha raccolto diverse curiosità che molti non sanno sul leggendario scrittore.

Orwell non era il suo vero nome

Nato con il nome “Eric Arthur Blair” assemblò il suo nome unendo “St George” e il fiume “Orwell”.

Suo padre non voleva che scrivesse

Spinto a diventare un membro della polizia imperiale del Paese dal padre, venne spedito a Burma e ritornò in Inghilterra dopo aver contratto una malattia infettiva. A quel punto decise di diventare uno scrittore.

Aveva molti tatuaggi

Nel periodo di tempo che passò a Burma, imparò fluentemente la lingua del posto, e secondo alcuni si fece diversi tatuaggi, anche un piccolo cerchio blu su ogni nocca.

Coniò il termine “guerra fredda”

In un saggio intitolato “You and the Atomic Bomb” George Orwell fu il primo a coniare il termine di “Cold War” per delineare i rapporti di forza tra l’Urss e gli Stati Uniti d’America.

Combatté nella guerra civile spagnola

Tra il 1936 e il 1937 Orwell combattè nella guerra civile spagnola nelle file dei repubblicani contro le forze nazionaliste di Francisco Franco. Fu colpito da un cecchino al collo e il proiettile evitò l’arteria per pochi millimetri. Fu talmente forte lo shock che non andò mai più in battaglia e ricevette cure a base di elettroshock nell’ospedale in cui si trovava.

Da lì prese ispirazione per “La fattoria degli animali”

Proprio le sofferenze provate durante la guerra ispirarono “Homage to Catalonia” e seminarono i pensieri che diedero poi vita a “Animal Farm”.

Fu sospettato di essere filosovietico

Un membro del movimento anti – comunista inglese, riportò il nome dello scrittore su una lista che ne comprendeva altri 37 che erano sospettati di sostenere segretamente l’Unione Sovietica.

La sua prima parola non fu “mamma”

Si dice che la prima parola dello scrittore inglese sia stata “Beastly”, bestiale.

Ha dato l’idea per un pub

Nel 1946 Orwell scrisse un saggio sul suo pub dei sogni chiamato “The Moon Under Water” che tra le tante qualità doveva avere anche la possibilità di offrire aspirine per chi ne avesse avuto bisogno. In Inghilterra ora hanno aperto un pub con questo nome.

Si interessò di stregoneria

Imparò le arti magiche e le praticò sull’effige di un bullo della scuola. Dopo che il ragazzo si ruppe una gamba, si ammalò di leucemia e morì. Orwell passò tutta la vita credendo di averlo ucciso a causa della sua pratica Vodoo.

© Riproduzione Riservata