Sei qui: Home » Libri » Autori » George Orwell, perché il suo ”1984” è più che mai attuale
Il libro

George Orwell, perché il suo ”1984” è più che mai attuale

Oggi ricorre l' anniversario della nascita di George Orwell, autore del capolavoro "1984". Libro che fu a lungo censurato ma che è ancora oggi molto attuale.

Oggi ricorre l’ anniversario di George Orwell Nato a Motihari il 25 giugno 1903 e morto a Londra il 21 gennaio 1950. Trai suoi i libri spicca il celebre e più che mai attuale “1984“. A lungo censurato, questo romanzo è di una tale modernità da risultare attuale in qualsiasi momento.

Coronaviru e restrizioni, c'è chi si sente come in "1984" di George Orwell

Coronavirus e restrizioni, c’è chi si sente come in “1984” di George Orwell

Il tweet del consigliere regionale Lazio Barillari che cita 1984 di Orwell, chiaro riferimento al nuovo Dpcm, ha subito scatenato il mondo dei social

“1984”, la trama

“1984” è un romanzo distopico che racconta un ipotetico mondo futuro, ambientato nella Londra del 1984 , controllato da un governo fortemente totalitario. Nel romanzo la società è infatti dominata dal Grande Fratello, un misterioso personaggio che nessuno ha mai incontrato di persona e che tiene costantemente sotto controllo la vita dei cittadini, mediante l’uso di speciali teleschermi. In questo mondo in cui la libertà è stata del tutto abolita, il protagonista del romanzo, Winston Smith, decide di ribellarsi e inizia a scrivere un diario. Winston è deciso a fare di tutto per rovesciare la società e inizia a indagare sul passato nella speranza di poter analizzare più chiaramente il suo nemico.

George Orwell, 10 curiosità sull'autore di "1984"

George Orwell, 10 curiosità sull’autore di “1984”

10 curiosità su George Orwell, il famoso giornalista, saggista e attivista britannico che scrisse il celebre romanzo distopico 1984…

 

L’attualità di “1984”

In “1984” Orwell ci esorta a dubitare del nostro stesso pensiero perché potrebbe essere condizionato dal linguaggio costruito apposta per incarcerare la nostra mente. Questo romanzo è attualissimo. Oggi più di ieri e sospetto che domani lo sarà ancor di più. George Orwell vuole mandare un messaggio di ammonimento contro l’indifferenza che tollera forze che tendono ad annullare la libertà e la dignità individuale. Se non si combattono le ingiustizie, si rischia di essere sopraffatti da persone senza scrupoli. Orwell intende esprimere un monito contro gli abusi di potere e

le sopraffazioni mentali compiute da certe ideologie che derivano dall’accentuazione del nazionalismo e del fanatismo religioso.

George Orwell

George Orwell, pseudonimo di Eric Arthur Blair, nacque nel 1903 in India. Trascorse l’infanzia in Inghilterra dove frequentò il college di St Cyprian a Eastbourne e in seguito, grazie a una borsa di studio, s’iscrisse al prestigioso Eton College. Orwell decise di non andare all’università e tornò in India. Qui si arruolò nella Polizia Imperiale in Birmania e vi rimase dal 1922 al 1927. Ritornato a Londra, Orwell decise di condurre un esperimento sociale che gli permettesse di scrivere in modo realistico dei problemi e delle difficoltà affrontate dalle classi più povere. Dal 1941 iniziò a lavorare per la BBC e successivamente diventò editore per il Tribune. Morì nel 1950 poche settimane dopo la pubblicazione di “1984”.

 

© Riproduzione Riservata