Come diventare scrittore

Come superare il blocco dello scrittore. Il decalogo di Margaret Atwood

La pagina bianca e il blocco della creatività rappresentano gli ostacoli più ostici per gli scrittori, vediamo insieme i consigli della Atwood per superare questi momenti di difficoltà

MILANO – La pagina bianca e il blocco della creatività rappresentano gli ostacoli più ostici per gli scrittori. Margaret Atwood, una tra le voci più autorevoli della narrativa mondiale, autrice con all’attivo più di trenta libri e candidata più volte per il Nobel, ha realizzato per il suo blog un decalogo di pronto intervento per scrittori in crisi. Ecco alcuni suggerimenti che possono tornare utili a tutti gli amanti della scrittura.

1. Uscite a fare una passeggiata, fate il bucato, o mettetevi a stirare, o piantate dei chiodi. Andate a fare una nuotata in piscina, fate uno sport, qualunque cosa che richieda concentrazione e comporti una ripetuta attività fisica. Al limite: fate una bella doccia, o un bel bagno.
2. Prendete in mano il libro che rimandavate da tempo.

3. Scrivete, ma in qualche altra forma: anche una lettera, o una pagina di diario, o la lista della spesa. Lasciate che quelle parole fluiscano attraverso le vostre dita.

LEGGI ANCHE: Blocco dello scrittore, ecco i 4 peggiori ostacoli e come superarli

4. Formulate con precisione il vostro problema, e quindi andatevene a dormire. Il mattino dopo potreste avere la risposta.

5. Mangiate del cioccolato. Non troppo. Deve essere scuro (almeno il 60% o più di cacao), organico, biologico.

6. Se state scrivendo fiction: cambiate il tempo verbale (dal passato al presente, o viceversa).

LEGGI ANCHE: Arriva il Pronto Soccorso Narrativo per curare il classico ”blocco dello scrittore”

7. Cambiate la persona (prima, seconda, terza).

8. Cambiate il genere (maschile/femminile).

9. Pensate al vostro libro in progress come a un labirinto. Avete incontrato un muro. Tornate al punto dove avete sbagliato direzione e ripartite da lì.

10. Non siate arrabbiati con voi stessi. Fatevi, anzi, un piccolo regalo di incoraggiamento.

Se nessuno di questi consigli fa effetto o funziona, mettete il libro in un cassetto. Potrete sempre tornarci su più avanti. E iniziate qualcosa d’altro.

LEGGI ANCHE: Cos’è il crampo dello scrittore?

© Riproduzione Riservata