Sei qui: Home » Intrattenimento » Cinema » “L’anatra all’arancia”, il film con Monica Vitti e Ugo Tognazzi
Il film

“L’anatra all’arancia”, il film con Monica Vitti e Ugo Tognazzi

“L’anatra all’arancia” è un film del 1975 diretto da Luciano Salce che racconta le vicende di un matrimonio fallito

Questa sera in tv su Cine 34, canale 34, andrà in onda “L’anatra all’arancia” per celebrare i novant’anni di Monica Vitti, straordinaria attrice nata proprio il 3 novembre del 1931. Un film che racconta le vicende di un matrimonio fallito in cui sia lui che lei hanno un amante.

“L’anatra all’arancia”, la trama

In dieci anni di matrimonio Livio e Lisa, ricchi, affermati e affascinanti, ma soprattutto scontenti del proprio partner, si sono regolarmente traditi lasciandosi pervadere dalle facili avventure, mantenendo però sempre un sottile equilibrio. Ora però la situazione sta per cambiare definitivamente perché Livia si è innamorata di un giovane francese e sembra volerlo seguire in Francia. Livio a questa novità reagisce malissimo, è geloso di quella donna che, a modo suo, ama ancora. Astutamente allora, le propone di passare un ultimo fine settimana insieme nella loro villa al mare, invitando anche Jean-Claude, con cui dichiara di voler diventare amico. Si unirà a loro anche l’amante di Livio, Patty.

febbre-da-cavallo-commedia-gioco-1201-568

“Febbre da cavallo”, la commedia sul vizio del gioco con Gigi Proietti

“Febbre da cavallo” è un film italiano del 1976 diretto da Steno che racconta il vizio del gioco sotto molte sfaccettature

 

Un film discreto

Sicuramente non la migliore interpretazione della grande Monica Vitti che con la sua filmografia avrebbe forse meritato la messa in onda di una pellicola qualitativamente migliore. Ciononostante “L’anatra all’arancia” resta una commedia degli equivoci ben strutturata e i due protagonisti ne rappresentano perfettamente lo scopo con le battute botta e risposta azzeccatissime e cariche di una forte chimica per quanto riguarda la recitazione di coppia. Anche in questo caso la bellezza dei del cast sta nello scadere raramente nella volgarità e, al contrario, di essere in grado di regalare anche qualche nota drammatica.

© Riproduzione Riservata