Sei qui: Home » Intrattenimento » Cinema » “Green Book”, l’incredibile storia vera vincitrice di 3 premi Oscar
Oscar in Tv

“Green Book”, l’incredibile storia vera vincitrice di 3 premi Oscar

In onda stasera su Rai 1 il film «Green Book», vincitore di 3 premi Oscar e tratto dall'incredibile storia vera di un pianista di colore.

Stasera, 17 Marzo, su Raiuno andrà in onda il pluripremiato film Green Book,  uscito nel 2018 e diretto da Peter Farrelly con Viggo Mortensen e Mahershala Ali. Premiato agli Oscar come miglior film e la migliore sceneggiatura originale, Green Book racconta l’amicizia fra un buttafuori italoamericano e un pianista afroamericano nell’America degli anni Sessanta. In questi giorni di reclusione, questo è un ottimo modo per passare una serata all’insegna del grande cinema.

Green Book e il tema del razzismo

Un film che parla, in maniera del tutto inedita e anche ironica, del tema del razzismo. Oggi abbiamo più che mai bisogno di riflettere su una tematica così complessa. Siamo totalmente immersi nel movimento “Black Lives Matters” e sentiamo viva l’esigenza di combattere i pregiudizi e le discriminazioni verso persone considerate di “razze inferiori”.
Green Book mette in luce la condizione dei neri del sud durante gli anni ’60. Anni in cui l’apartheid è stato condannato da personalità quali Martin Luther King, Malcom X e lo stesso presidente J.F. Kennedy. Un film che delinea la condizione discriminatoria in cui vivevano anche gli uomini neri più facoltosi.

Tratto da una storia vera

Abbiamo bisogno di storie vere, di vivere con empatia le vite di chi ha cambiato la nostra storia. Abbiamo bisogno di esempi di coraggio. Green Book è ispirato proprio alla storia di Don Shirley. Nato in Florida nel 1927, Don Shirley è stato un pianista e compositore statunitense di grande successo negli anni Sessanta. Bambino prodigio, a soli due anni iniziò a suonare il pianoforte e a nove frequentava già il conservatorio di Leningrado.  Raggiunge un successo popolare  con il singolo Water Boy del 1961, piazzato addirittura al 40esimo posto della Billboard Hot 100. Come raccontato nel film, l’artista afroamericano decise a quel punto di andare in tour negli Stati del sud degli USA, dove ancora il razzismo dilagava ferocemente. Fu un vero gesto di sfida, in grado nel suo piccolo di accendere i riflettori sulle contraddizioni che animavano i salotti dell’America post bellica.

Il lockdown e il buon cinema

Se possiamo cogliere un aspetto positivo dello stare in quarantena, è sicuramente quello dell’apprezzare e riscoprire i grandi capolavori del cinema. Lo streaming, ci ha dato e ci dà accesso a serie TV e pellicole in grado di tenerci compagnia e farci riflettere enormemente. Fortunatamente anche i palinsesti televisivi, come quello di Rai 1, ci danno l’opportunità di vedere film importanti quanto Green Book, in onda stasera.
Un modo per riflettere in famiglia, creare un momento di condivisione attraverso il cinema.  Quindi di nuovo: un aspetto positivo di questo ennesimo momento di “reclusione”, è la possibilità che abbiamo di creare uno spazio di intrattenimento costruttivo, all’interno delle nostre case. 

© Riproduzione Riservata
Commenti
Precedente

Rocco Schiavone, i libri da leggere e i racconti che hanno ispirato la serie tv

Giornata mondiale del riciclo, i libri da leggere per una vita più sostenibile

Successivo

Lascia un commento