Arte e natura

Sculture sott’acqua, i musei subacquei in giro per il mondo

Il mare ospita dentro di sé pesci, alghe, coralli e ora anche opere d'arte immerse in veri e propri musei subacquei
Sculture sott'acqua, i musei subacquei in giro per il mondo

MILANO – “Il mare è come la musica: contiene e suscita tutti i sogni dell’anima” diceva Carl Jung. Gli oceani ospitano delle creature incredibili, dei pezzi di storia e dei tesori inestimabili. A questo proposito ecco che, dalla Spagna ai Caraibi, potete ammirare in piena armonia con la bellezza dei fondali marini, alcuni complessi di opere d’arte contemporanea che danno origine a dei veri e propri musei subacquei.

LEGGI ANCHE: Il mare arriva a Milano, l’iniziativa per la salvaguardia degli oceani

Immersione nell’arte

Il mare è un immenso deserto dove l’uomo non è mai solo, perché sente fremere la vita ai suoi fianchi“. Jules Verne descrive così l’oceano e se pensiamo che in esso vi abitano qualche migliaio di miliardo di creature, 250.000/274.000 sono solo le specie descritte fino ad ora, non potrebbe avere più ragione di così. Ma le “grandi acque blu” non sono solo popolate da pesci colorati e da sgargianti coralli; esse nascondo anche tesori, pezzi di storia, opere d’arte e, strano ma vero, persino musei di arte contemporanea, come questo all’isola Gili Meno in Indonesia.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

This underwater sculpture gallery has become so popular over the past months, hundreds of people visit it every day, snorkeling away from natural reefs and giving them time to regenerate and grow in peace. Freediving with @elliotgrafton at“The Nest” in Gili Islands 🙌🏼 • • • #jasondecairestaylor #mermaidlife #thenest #gilimeno #gilimenostatues #underwatermuseum #underwaterart #underwaterphotography #underwaterworld #underwaterlife #marineconservation #marinelife #saveouroceans #saveourseas #oceanlovers #indonesia #baliindonesia #balitravel #mermaidsofinstagram #underwaterlove #artificialreef #scubadiving #scubagram #divingpassport #artistsoninstagram #discoverocean #wondermore #speechlessplaces #visualsoflife #visualsofearth

Un post condiviso da Jason Decaires Taylor (@jasondecairestaylor) in data:

Questa suggestiva idea di collocare delle sculture in fondo al mare non fa altro che esaltare ancora di più la bellezza e la preziosità dell’arte e allo stesso tempo della natura che la circonda: le sculture possono quindi diventare sia una sorta di “abitanti dell’oceano”, sia parte della natura stessa, sia case artificiali per i pesci e le piante che popolano il mare fondendosi così con la flora e la fauna marine. L’iniziativa di istituire dei musei subacquei, ha anche lo scopo di proteggere il mare; i musei rendono protette le aree marine contribuendo così alla salvaguardia delle specie che abitano le barriere coralline e i fondali marino dove si trovano le sculture.

LEGGI ANCHE: Cosa fare per salvare il mondo della plastica

Cancun, Mexico

Uscendo dal Bel Paese possiamo trovare il “Musa, museo subacuático de arte” in Messico al largo di Cancun, tra Isla Mujeres e Punta Nizuc. Esso ospita la bellezza di 500 opere d’arte, tutte realizzate con materiali particolari che promuovono la sopravvivenza dei coralli. Tanti sono gli scultori internazionali che hanno che hanno scelto di dedicare all’oceano le proprie opere d’arte e uno tra questi è Jason deCaires Taylor, l’eco-scultore britannico che nel tentativo di riparare alcuni dei danni subiti dalla barriera corallina, ha creato un habitat artificiale per esporre le proprie opere in totale armonia con il mondo sottomarino. Proprio queste opere, visibili tramite immersioni, snorkeling e barche trasparenti, sono ora diventate la casa di tanti pesci e alghe.

LEGGI ANCHE: Slow looking, la guida del Tate su come guardare con calma un’opera d’arte

Lanzarote, Canarie

Sempre Taylor è protagonista di un’altro museo subacqueo, ossia il “Museo Atlantico” dell’isola spagnola di Lanzarote, nelle complesso delle Canarie. Sta volta Taylor abbraccia qui una causa che in questo periodo sta vedendo protagoniste migliaia di vittime, ossia il viaggio dei migranti: a 12 metri di profondità si trovano le sculture “The Raft of Lampedusa” e “The Rubicon” che denunciano e celebrano la tragedia dei migranti, che nel loro tragitto verso Europa tramite il mare hanno in esso perso la vita.

LEGGI ANCHE: La piramide del Louvre sprofonda negli abissi, l’opera d’arte di JR

 

Visualizza questo post su Instagram

 

A curious triggerfish inspects “The Raft of Lampedusa” This sculpture depicts 13 refugees on a raft, drifting towards an uncertain future. Quite similar to the world’s coral reefs facing uncertainty in their survival. #saveouroceans 🐠 • • • #jasondecairestaylor #theraftoflampedusa #museoatlantico #underwatersculpture #underwatermuseum #adeeperlove #sculptureart #artistsoninstagram #artist #art_spotlight #artoftheday #artofinstagram #水下摄影 #水肺潜水 #艺术品 #artbaselhongkong #oceanlove #oceano #esculturas #underwater #underwaterworld #underwatershots #underwaterart #underwaterlife #triggerfish #refugeecrisis #allinoneboat #forabetterfuture #wecandothis

Un post condiviso da Jason Decaires Taylor (@jasondecairestaylor) in data:

Grenada, Caraibi

Jason deCaires Taylor ha realizzato anche numerose opere per il Parco di sculture sottomarine di Grenada, ai Caraibi. Il Parco è una galleria subacquea situata a diverse profondità nell’area marina protetta di Molinere Beauséjour di Grenada e perfettamente integrata nell’ambiente marino. Sono 65 le sculture che popolano queste meravigliose acque tropicali. Ma tra tutte queste opere spicca in particolare quella dal titolo “Vicissitudes” raffigurante un gruppo di bambini a grandezza naturale in cerchio mentre si tengono per mano e, nel corso del tempo, rimodellata dall’acqua, dalle alghe e dai coralli che la ricoprono.

LEGGI ANCHE: La guida pratica per eliminare la plastica dalla propria vita

 

Visualizza questo post su Instagram

 

“Vicissitudes”📍Grenada, this was the world’s first underwater sculpture museum. Why it’s called a museum? Because it’s a place of education, conservation and preservation, a place where we keep things of great value. Our oceans are sacred. • • • #jasondecairestaylor #grenanda #coralreef #vicissitudes #coraladdict #marineconservation #artificialreef #reefbuilders #coralreefconservation #reefconservation #oceanlovers #discoverocean #oceanlover #underwater_world #artistsoninstagram #art_spotlight #artofinstagram #artoftheday #reefsofinstagram #artificialreefs #escultura #artoftheworld #artedelmundo #underwaterphotography #underwaterpic #underwatersculpture #underwatermuseum #scubagram

Un post condiviso da Jason Decaires Taylor (@jasondecairestaylor) in data:

Protetta da una gola naturale nella barriera corallina, “The Lost Correspondent” è l’altra scultura che cattura l’attenzione dei sub-visitatori; essa rappresenta un uomo mentre lavora alla sua scrivania, ricoperta di ritagli di giornale che documentano vicende storiche tra Grenada e Cuba. Per completare questa “immersione nell’arte” occorre vedere “Tamcc Faces”, un progetto che ha coinvolto gli studenti del college della comunità locale e che rappresenta una serie di volti a grandezza naturale di etnie e di espressioni facciali diverse, inseriti in un grande masso di corallo a simboleggiare la convivenza pacifica di genti diversi tra loro, anche in luogo così grande come l’oceano dove potrebbero tranquillamente vivere speratamene.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

One of my first yet favorite works #grenada

Un post condiviso da Jason Decaires Taylor (@jasondecairestaylor) in data:

© Riproduzione Riservata