Sei qui: Home » Arte » Agrigento, riapre il Giardino di Villa Aurea nella Valle dei Templi
Bellezze italiane

Agrigento, riapre il Giardino di Villa Aurea nella Valle dei Templi

Una nuova bellezza va a corredare la meravigliosa Valle dei Templi. Sono i giardini lussureggianti di Villa Aurea, un luogo ricco di storia

MILANO – Una nuova attrazione è pronta ad accrescere il fascino della Valle dei Templi di Agrigento, dal 1997 Patrimonio dell’Umanità Unesco. Da domenica 25 agosto è stato aperto al pubblico il Giardino di Villa Aurea, creato negli anni Venti da un mecenate grandissimo e dimenticato, il capitano della Marina inglese Sir Alexander Hardcastle.
Tra la vegetazione lussureggiante mediterranea, piante esotiche e rare, i visitatori potranno scoprire i resti di una necropoli paleocristiana ricca di tombe e ipogei, lasciando poi spaziare lo sguardo su spettacolari scorci dei templi magno-greci fino all’azzurro del mare.

LEGGI ANCHE: Viaggio nella Sicilia di Camilleri, tutti i luoghi del commissario Montalbano

La storia di Sir Hardcastle

Questo nuovo percorso è anche un’occasione per conoscere la storia di un personaggio importante per la storia della Valle dei Templi: “un mecenate d’altri tempi che ha veramente fatto rinascere la Valle e a cui dobbiamo moltissimo”, spiega il direttore del Parco archeologico e paesaggistico agrigentino Roberto Sciarratta.
Chi era dunque Alexander Hardcastle? Fino a che punto il suo destino si intreccia con le vicende di uno dei più preziosi siti archeologici italiani? Qual è la storia di Villa Aurea?
Il capitano ha 49 anni quando giunge ad Agrigento in treno, da turista. Si è battuto nella Guerra Anglo-Boera e nella Prima Guerra Mondiale tra le fila della Royal British Navy, ma la sua passione più grande è l’archeologia. Nel 1921 il concetto stesso di “Valle dei Templi” è ancora da venire. Nonostante le splendide parole ispirate a Goethe già nel 1787, i resti maestosi dell’antica Akragas appaiono coperti di sterpaglie e ospitano pascoli, ovili, abitazioni di campagna. Per Hardcastle è amore a prima vista.
Nell’indifferenza generale si mette al lavoro: acquista terreni, li ripulisce, vi porta acqua ed elettricità, finanzia scavi e restauri.
Grazie all’impegno dei due tornano alla luce i templi di Eracle, Vulcano, di Esculapio, quello dei Dioscuri, nonché la cinta muraria orientale di Akragas e le fondamenta del tempio di Demetra nascoste sotto una chiesetta medievale. Hardcastle acquista una villa a ridosso delle rovine e ne fa la propria dimora: la chiama Villa Aurea, in omaggio alla vicina Porta Aurea da cui nel 210 a.C. i soldati romani entrarono in città dopo sei mesi di assedio.

Via: Arte.it

© Riproduzione Riservata
Commenti
Precedente

“A una passante” di Baudelaire, gli incontri inattesi che salvano la vita

C’è una città in Norvegia dove ci sono più libri che persone

Successivo

Lascia un commento