Libri

10 parole che delineano 10 sentimenti indescrivibili

10 parole che delineano 10 sentimenti indescrivibili

Torniamo a parlare di un argomento interessante come le lingua italiana. Ecco un elenco di parole che descrivono 10 sentimenti inspiegabili…

MILANO – Esistono delle sensazioni che le parole non sono in grado di descrivere. Avete in mente quel senso di nostalgia, misto a malinconia e tristezza che vi affligge non appena un ospite si allontana da cosa vostra? Come lo descrivereste? Ecco solo uno degli esempi di emozioni che la lingua italiana non è in grado di descrivere, ma esistono alcune parole straniere che sono in grado di rispondere a questa esigenza. Ecco, grazie a un articolo dell’huffingtonpost10 parole che descrivono sensazioni inspiegabili. La psicologa Tiffany Watt Smith, ricercatrice alla Queen Mary University di London, ha pubblicato il libro The Book of Human Emotions nel quale presenta 154 parole che indicano emozioni e sensazioni particolari.

 

Awumbuk

La parola è usata nella Papua Nuova Guinea e indica quel sentimento di mancanza e vuoto che si avverte quando si allontanano gli ospiti di casa. Tutto d’un tratto si percepisce la casa vuota e si inizia a provare un senso di malinconia e di nostalgia. Per colmare questo vuoto in Nuova Guinea, il popolo Baining riempie una ciotola di acqua e la lascia nella stanza per attirare tutta l’aura negativa della casa. Il giorno dopo, la famiglia tutta riunita, getta l’acqua che ha intrappolato tutta l’energia negativa.

 

Basorexia

La basorexia è la tentazione irrazionale di baciare qualcuno improvvisamente, che esso sia uno sconosciuto, una persona qualsiasi o anche un amico. Il termine deriva dal francese “baiser” che si traduce per l’appunto con “bacio”.

 

L’appel du vide

Vi è mai capitato, davanti a un treno in corsa, di immaginare di buttarvi sotto? I francesi, per indicare questa emozione, hanno coniato il temine appel du vide che si traduce come “il richiamo del vuoto” e delinea quella forza indescrivibile  che ci vorrebbe trascinare verso il basso, quasi a farci cadere.

 

Torschlusspanik

Una scadenza è alle porte, il tempo scorre inesorabile e sembra di non avere assolutamente la possibilità di farcela. Se anche voi avete capita di provare questa sensazione, allora da oggi potete definirla Torschlusspanik. Questa parola tedesca è stata coniata nel Medioevo e delinea l’ansia e preoccupazione che provavano i soldati quando vedevano l’esercito nemico avvicinarsi e le forze ausiliari non erano ancora arrivate in soccorso.

 

Ilinx

Alzi la mano chi, davanti a una bella collezione di porcellana, non ha mai provato lo strano desiderio di far cadere e distruggere tutto. Questa sensazione non è innaturale, ma si chiama ilinx e delinea quella strana voglia di rompere qualcosa. Secondo la psicologia questo istinto nasce dal desiderio di rompere le regole, in una società in cui si è sempre costretti a rimanere al proprio posto.

 

 Amae

Essere viziati può non avere solo l’accezione negativa che siamo comunemente propensi ad attribuirle. Esiste anche un’accezione positiva del termine, che viene comunemente definito con la parola giapponese Amae che indica il desiderio di essere coccolati da qualcuno.

 

Saudade

La parola suadade deriva dal portoghese e indica una particolare forma di malinconia che scaturisce dall’idea di aver lasciato qualcuno e provare il forte desiderio di rivederlo presto. Come quando un amato parte e si scruta l’orizzonte nell’attesa di vederlo tornare.

 

Matutolypea

Non è sicura quale sia l’origine di questo termine, ma la parola indica lo “svegliarsi con la luna storta”. La parola delinea il sentimento che si verifica quando ci si sveglia di cattivo umore senza un preciso motivo.

 

Malu

La parola malu delinea quel sentimento di inferiorità che si può provare al cospetto di qualcuno di più importante o nostro superiore. Può succedere, ad esempio, che davanti al capo, proviamo una forte vergogna o timidezza e per questo ci sentiamo frustrati.

 

Pronoia

Pronoia è quella sensazione che si prova quando crediamo di avere il destino a nostro favore, che tutto ruoti nel verso giusto. La parola deriva dal greco e potrebbe essere definita come il contrario della provvidenza, tradotta come la capacità del fato di governare le vicende degli uomini.

 

10 parole che delineano 10 sentimenti indescrivibili ultima modifica: 2018-04-18T09:22:01+00:00 da Salvatore Galeone

© Riproduzione Riservata
Tags