Cresciamo

I 10 consigli per insegnare ai propri figli ad amare la lettura

25092013101915_sm_5132

Da tempo la lettura si è imposta come uno dei più importanti strumenti di educazione. Se un bambino non sa leggere, non può imparare……

Oltre ad insegnare ai bambini le tecniche di lettura, è utile riuscire a trasmettere loro anche l’amore per i libri. Ecco i 10 consigli per far diventare i propri bambini i booklovers del futuro

MILANO – Da tempo la lettura si è imposta come uno dei più importanti strumenti di educazione. Se un bambino non sa leggere, non può imparare. La lettura diventa così una delle prime cose che deve essere insegnata ad un bambino. Nonostante questo, non deve essere vista soltanto come un mero strumento indispensabile per l’apprendimento. Quando viene insegnato a leggere ai bambini, è necessario riuscire ad insegnar loro anche ad amare la lettura. L’amore per la lettura proviene in primo luogo dalla casa, dalla famiglia, e ciò richiede uno sforzo non indifferente da parte dei genitori stessi. Non si tratta di una scintilla che scatta in automatico, ma deve essere coltivata amorevolmente giorno dopo giorno. In un recente articolo apparso sul blog Babble sono stati indicati dieci utili consigli non solo per insegnare ai bambini ad amare la lettura già in tenera età, ma soprattutto a mantenere questa passione anche con il passare del tempo.

1. INCOMINCIARE A LEGGERE AI PROPRI FIGLI MOLTO PRESTO –  E’ utile incominciare a leggere al bambino una favola tutte le sere prima della nanna sin dai primi giorni di vita. Se si comincia da subito a far entrare nella routine della nanna la lettura, esattamente come il lavare i denti e l’ indossare il pigiama, diventerà per lui un momento  naturale, e non vedrà l’ora di farlo.

2. COME INSEGNARE A LEGGERE AL BAMBINO – Un libro molto utile consigliato a tutte le mamme ed i papà è  “Teach Your Child to Read in 100 Easy Lessons” di Siegfried Engelmann, Phyllis Haddox ed Elaine Bruner. Qui vengono suggeriti molti modi su come insegnare a leggere, ma soprattutto a non scoraggiarsi se i risultati non sono immediatamente quelli sperati.

3. SCEGLIERE IL LIBRO GIUSTO – Spesso si rimane sconcertati da alcuni libri che si trovano sugli scaffali di alcune librerie: talvolta si tratta di testi scritti male, con una punteggiatura errata, o che sono terribilmente noiosi. Il primo modo per far amare la lettura ai propri bambini è quello di scegliere con cura ed estrema attenzione i libri da leggere. I criteri di selezione da mettere in atto sono molti, ma bisogna innanzitutto partire dall’età del bambino. In base a questa, si opterà per un libro con più immagini e meno testo, o testi con un determinato numero di pagine per lettori già più “esperti”. Importante è anche l’osservazione della trama, anche per quanto concerne il cosiddetto “happy ending”. Sino ad una certa età è auspicabile infatti che i bambini associno il lieto fine alla storia per poter maggiormente apprezzare il rito della lettura.

4. DIVENTARE PARTE ATTIVA DELLA STORIA – E’ molto importante, quando il bambino è ancora piuttosto piccolo, che senta l’entusiasmo del genitore nel raccontargli la storia, percependo l’emozione attraverso le parole che gli vengono lette. Se ad esempio  la trama prevede suspance, bisogna rallentare il ritmo della lettura, di modo da far sì che si crei la giusta atmosfera di attesa. Se invece la storia è triste, bisogna abbassare la voce e assumere un atteggiamento  malinconico. Se invece il tono della storia è allegro, questo deve  ben trasparire dal modo in cui il testo viene letto ed interpretato. In questo modo la lettura diventerà molto più coinvolgente per i bambini.  


5. DEDICARE ALLA LETTURA IL TEMPO ADEGUATO
– Quando si legge e si termina una pagina non bisognerebbe subito voltarla e procedere oltre. E’ utile che gli occhi del bambino abbiano tempo di osservare la pagina, così da comprendere meglio quanto letto sino a quel momento. Esattamente come quando si sfoglia una rivista non si leggono soltanto gli articoli ma si osservano le figure e quanto altro presente nella pagina per comprenderne meglio il contenuto, così avviene anche per i libri, e questo deve essere da subito trasmesso ed insegnato ai piccoli lettori. Un altro espediente molto efficace è quello di coinvolgere direttamente i bambini nella lettura, invitandoli a completare alcune frasi con parole intuibili dal contesto o dalle immagini che corredano le pagine.


6. PROPORRE DOMANDE DI COMPRENSIONE
– Al termine della lettura è molto utile lavorare sulla comprensione del testo, chiedendo ad esempio quale sia stata la parte preferita del libro appena concluso, il personaggio più simpatico e quello più antipatico, o quale sia il loro pensiero riguardo al finale. Le domande aiutano a migliorare la comprensione ma anche ad iniziare una riflessione più intima su loro stessi, ad esempio attraverso domande sul perché quel determinato libro abbia suscitato in loro determinate emozioni. Aiuterà inoltre il bambino a capire meglio quali siano i suoi gusti in fatto di lettura e quindi ad orientarsi nelle scelte letterarie future.


7. PARLARE DI LIBRI
– Attorno al tavolo all’ora di cena un ottimo argomento di conversazione potrebbero essere proprio i libri. Potrebbe essere utile intavolare un discorso sul testo che il bambino sta leggendo in quel momento. Questa azione gli permetterà di sentirsi maggiormente al centro dell’attenzione e quindi di essere invogliato a leggere altri libri in futuro.


8. ESSERE PAZIENTI
– Bisogna essere consapevoli del fatto che ciascun bambino impara in modi e tempi diversi. Spesso si rischia di commettere l’errore di confrontarsi con i genitori di altri bambini della stessa età e fare paragoni su tempi e modalità di apprendimento. Ciascun bambino impiega il proprio tempo nell’apprendere e nel far sue determinate dinamiche, per cui bisogna essere capaci di prendere il suo ritmo, senza sottoporlo a stress ma al contrario incoraggiarlo e complimentarsi con lui per ogni piccolo traguardo raggiunto.

9. PROPORRE SEMPRE LIBRI NUOVI – Se si ha nelle vicinanze una biblioteca o una libreria, potrebbe essere buona cosa farci un salto periodicamente, di modo da proporre sugli scaffali di casa testi sempre nuovi, che possano suscitare l’interesse dei piccoli lettori. Potrebbe essere inoltre auspicabile regalare ai propri figli libri durante le ricorrenze, a Natale o al compleanno, o come premio per un particolare traguardo raggiunto.

10. DARE IL BUON ESEMPIO – In ogni momento libero a casa bisognerebbe riuscire a dare il buon esempio ai propri figli, sedendosi alla scrivania o sul divano in compagnia di un buon libro o di una rivista interessante.  


25 settembre 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I 10 consigli per insegnare ai propri figli ad amare la lettura ultima modifica: 2013-09-25T00:00:00+00:00 da

© Riproduzione Riservata
Tags