Sei qui: Home » Storie » Mancini e Vialli, storia di un’amicizia come in un classico della letteratura
storie di amicizia

Mancini e Vialli, storia di un’amicizia come in un classico della letteratura

Il trionfo dell'Italia ad Euro 2020 ci ha regalato immagini indelebili, come l'abbraccio tra il commissario tecnico Roberto Mancini e Gianluca Vialli, membro dello staff e soprattutto amico di una vita

Una storia nella storia, quella tra Roberto Mancini e Gianluca Vialli, entrambi classe 1964. Un rapporto quasi fraterno, ultratrentennale, che affonda le sue radici verso la fine degli anni Ottanta e che sembra degno di un romanzo, proprio come il rapporto tra Frodo e Sam ne “Il Signore degli Anelli“, l’amicizia tra Harry Potter e Ron Weasley o quella tra Huckleberry Finn e Tom Sawyer. Scopriamo le varie tappe che hanno consolidato questa amicizia, una storia degna di un classico della letteratura, non priva di sconfitte e di difficoltà, ma a cui il destino ha voluto assegnare un lieto fine nella notte di Wembley.

 

Mancini e Vialli, la rivincita dopo 29 anni

Era il 20 maggio 1992 quando nel vecchio stadio di Wembley, al termine della finale di Coppa dei Campioni tra Sampdoria e Barcellona, Roberto Mancini e Gianluca Vialli si buttarono a terra, stanchi e sconfitti. I “gemelli del gol” che avevano l’anno prima vinto uno storico scudetto con la maglia blucerchiata persero il campionato europeo per club ai supplementari. Oggi, ad oltre 29 anni di distanza e sullo stesso campo, demolito e ricostruito, Roberto Mancini e Gianluca Vialli sono riusciti a prendersi una bella rivincita, stavolta in un torneo per Nazioni, vincendo la finale di Euro 2020 contro l’Inghilterra padrona di casa.

Le 10 amicizie più belle della letteratura

Le 10 amicizie più belle della letteratura

Da Sherlock Holmes e Watson a Huckleberry Finn e Tom Sawyer, ecco le dieci amicizie più forti e sincere che hanno appassionato i lettori di tutti i tempi

Mancini e Vialli oggi non indossano più la maglia blucerchiata, bensì l’azzurro della nazionale, quell’azzurro che da giocatori non li ha mai visti, per diversi motivi, come protagonisti, ma che adesso nelle vesti rispettivamente di  commissario tecnico e capo delegazione li vede sul tetto d’Europa.

Un rapporto oltre il campo da calcio

Prima di essere stati compagni di squadra e adesso membri dello staff della Nazionale,  Mancini e Vialli sono uomini, con i loro pregi ed i loro difetti, con le proprie virtù ed i rispettivi problemi.  Gianluca Vialli combatte dal 2017 contro un nemico invisibile: un tumore al pancreas. Un male con cui convive, ma che non gli ha evitato di poter dare il suo contributo per la Nazionale e di essere un esempio di grinta e tenacia per qui giocatori, come Florenzi, che dopo il trionfo di Wembley hanno voluto dedicare il trionfo proprio all’ex calciatore della Sampdoria.

Gianluca Vialli e l’esempio per il gruppo

Mancini sa bene quanto Vialli abbia lottato e continui ancora oggi ad andare avanti nonostante le difficoltà che la vita gli ha messo davanti Immaginiamo che anche per questo, avendo puntato tantissimo sui legami umani nell’allestire il “rinascimento italiano” della nazionale di calcio dopo la mancata qualificazione ai mondiali del 2018, lo ha voluto con sé nello staff della nazionale, insieme ad altri amici di quella Sampdoria come Attilio Lombardo e Fausto Salsano.

Altre storie di amicizia

La foto di quell’abbraccio resterà a lungo negli annali, oltre lo sport, perché è il simbolo della filosofia di una squadra capace di soffrire, un team che non crolla, si riorganizza e riparte, facendo leva in primis sui rapporti interpersonali. Rapporti interpersonali proprio come quelli tra giocatori, due in particolare: Giorgio Chiellini e Leonardo Bonucci.

Due calciatori che da oltre 12 anni condividono spogliatoio tra nazionale italiana e Juventus, oltre che andare d’accordo anche fuori dal campo come testimonia l’amicizia tra le rispettive famiglie e le vacanze che sono soliti trascorrere insieme. Per questo, anche quello tra Bonucci e Chiellini possiamo considerare un altro esempio di amicizia vera e sincera, che travalica ostacoli e sconfitte, proprio come siamo abituati a leggere in alcuni classici della letteratura.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Leonardo Bonucci (@bonuccileo19)

 

L’amicizia nella letteratura

Dal calcio torniamo alla letteratura: capita spesso che le storie raccontate nei libri di imbattersi in amicizie letterarie tra uomini. Nel nuovo secolo è stata coniata una parola apposita per definirle, “bromance”, nonostante questi rapporti siano vecchi di secoli, soprattutto per ciò che riguarda i romanzi. Alcuni esempi? Sherlock Holmes e Watson, Frodo e Sam, Huckleberry Finn e Tom Sawyer, Harry Potter e Ron Weasley. Tutte storie di solide amicizie, capaci di superare difficoltà e ostacoli, per arrivare a raggiungere grazie all’aiuto reciproco e allo spirito di gruppo grandi traguardi, proprio come capitato a Mancini e Vialli.

Photocredits: profilo Twitter Roberto Mancini

© Riproduzione Riservata