Sei qui: Home » Poesie » Una scuola grande come il mondo, la poesia di Rodari sulla bellezza di imparare
poesie d'autore

Una scuola grande come il mondo, la poesia di Rodari sulla bellezza di imparare

Ci mancano le scuole, i banchi scarabocchiati, le chiacchiere con i professori, le battute con gli amici. Questa poesia di Gianni Rodari è per tutti i ragazzi che, domani, potranno tornare nel luogo che gli è tanto mancato: la scuola.

La scuola è parte della nostra vita, le ore sui banchi rappresentano, per ognuno di noi, i momenti più importanti. Con questa pandemia, purtroppo, la scuola ci è stata tolta ed è stata sostituita con lunghe ore passate davanti al computer. Ma ora ci manca, ci mancano i momenti da condividere con i nostri coetanei. In vista del rientro in classe di molti ragazzi, domani 25 gennaio 2021, rileggiamo una poesia di Gianni Rodari intitolata “Una scuola grande come il mondo”. Un pensiero e parole profonde per riflettere su quello che significa “imparare”, sempre, ovunque.

Una scuola dove imparare ogni giorno

C’è una scuola dove possiamo imparare ogni giorno: il mondo. È la vita che tutti i giorni ci insegna qualcosa. Per questo Gianni Rodari la chiama “scuola grande come il mondo”; perché qui ci insegnano tutti “maestri e professori, avvocati, muratori, televisori, giornali, cartelli stradali, il sole, i temporali, le stelle.” Ogni momento è in grado di darti qualcosa, un motivo di crescita. E perciò viviamo contornati da insegnanti, in realtà, e affrontiamo tutti i giorni lezioni facili e difficili. Nella vita, come tra le mura di una scuola, impariamo a giocare, dormire, amare. Impariamo, come ogni lezione, minuto dopo minuto, secondo dopo secondo.

Gianni Rodari, le filastrocche più belle

Gianni Rodari, le poesie e le filastrocche più belle

Gianni Rodari è l’autore più amato da generazioni. La sua forza è quella di far breccia nel cuore dei bambini e degli adulti

Lo abbiamo fatto in questo anno, così difficile e così diverso, dove siamo stati ri-educati su qualsiasi aspetto del quotidiano. L’hanno fatto i bambini, i ragazzi, ogni studente in ogni parte del mondo. Hanno rinunciato alla loro zona confort, alla loro sicurezza su un banco di scuola. E si sono immersi nel mondo, nella vita che cambia e ti porta a cambiare con lei.
In questo mondo in cui non si smette di imparare mai. Se amiamo imparare, perciò, basta fare come Gianni Rodari scrive: “apri gli occhi e anche tu sarai promosso!”

La poesia

C’è una scuola grande come il mondo.
Ci insegnano maestri e professori,
avvocati, muratori,
televisori, giornali,
cartelli stradali,
il sole, i temporali, le stelle.
Ci sono lezioni facili
e lezioni difficili,
brutte, belle e così così…
Si impara a parlare, a giocare,
a dormire, a svegliarsi,
a voler bene e perfino
ad arrabbiarsi.
Ci sono esami tutti i momenti,
ma non ci sono ripetenti:
nessuno può fermarsi a dieci anni,
a quindici, a venti,
e riposare un pochino.
Di imparare non si finisce mai,
e quel che non si sa
è sempre più importante
di quel che si sa già.
Questa scuola è il mondo intero
quanto è grosso:
apri gli occhi e anche tu sarai promosso!

 

Stella Grillo

 

© Riproduzione Riservata