Sei qui: Home » Poesie » “Soffia, soffia, vento d’inverno”, la poesia di Shakespeare tratta dall’opera “Come vi piace”
La poesia

“Soffia, soffia, vento d’inverno”, la poesia di Shakespeare tratta dall’opera “Come vi piace”

“Soffia, soffia, vento d’inverno” è un poema lirico che si trova all’interno dell’opera “Come vi piace” del 1600

Per accompagnare queste giornate invernali vi proponiamo “Soffia, soffia, vento d’inverno”, una poesia di William Shakespeare parte dell’opera “Come vi piace”, una commedia pastorale in cinque atti basata sul romanzo “Rosalynde” di Thomas Lodge, composta dall’autore inglese tra il 1599 e il 1600.

“Soffia, soffia, vento d’inverno”

Soffia, soffia, vento d’inverno
tu non sei così crudele
come l’ingratitudine dell’animo umano;
non è sì affilato il tuo dente
proprio perché nessuno t’ha visto,
anche se hai rude il respiro.
Ehi-oh, canta, ehi-oh al verde agrifoglio
se fingendo maggiore amicizia,
fu amorevole mera follia
allora, ehi-oh, agrifoglio!
Molto allegra è davver questa vita.
Raggela, raggela l’amaro tuo cielo
che non punge perché sì vicino,
giacché immemore d’ogni vantaggio
fai tu corrugare le acque,
la tua fitta non è tanto acuta
che un amico non la ricordò.
Ehi-oh, canta, ehi-oh al verde agrifoglio.
Se fingendo maggiore amicizia
fu amorevole mera follia,
allora, ehi-oh agrifoglio;
molto allegra è davver questa vita.

L’inverno e l’animo umano

Nel secondo atto, scena 7 per la precisione, Amiens canta la canzone “Soffia, soffia, vento d’inverno” e commenta su come vanno le cose del mondo. In particolare, parla dell’ingratitudine umana che secondo lui è più frustrante di un vento invernale. All’inizio del suo canto si rivolge direttamente all’inverno e dice che il vento che soffia impetuoso non sarà mai così forte e freddo quanto freddo, crudele e ingrato è l’animo umano. L’aria gelida dell’inverno, infatti, non è così maligna perché non si può vedere. Il gelo e il ghiaccio non possono quanto invece feriscono quelle persone nella nostra vita che si dimenticano del valore dell’amicizia. È questo il senso della poesia riportata nell’opera.  

il-magico-natale-poesia-rodari-1201-568

“Il magico Natale”, la poesia natalizia di Gianni Rodari

“Il magico Natale” è una filastrocca di Gianni Rodari che celebra lo spirito natalizio rivolta a grandi e piccini

 

William Shakespeare

William Shakespeare nacque a Stratford-upon-Avon il 23 aprile 1564. È stato un drammaturgo e poeta inglese, considerato tra i più importanti della cultura occidentale. La sua famiglia apparteneva alla classe benestante inglese. Il padre era una un facoltoso mercante mentre la madre si fregiava del blasone di un casato della piccola nobiltà terriera. Per alcuni biografi Shakespeare frequentò la King’s New School, istituto gratuito per i maschi della cittadina. Diversi documenti del 1592 ci informano del successo di Shakespeare in ambito teatrale. Delle sue opere sono stati ritrovati, incluse alcune collaborazioni, 37 testi teatrali, 154 sonetti e una serie di altri poemi.

Alice Turiani

© Riproduzione Riservata