Sei qui: Home » Poesie » “La cosa più bella” di Saffo, una poesia per tutti i tipi di amore
Poesia d'amore

“La cosa più bella” di Saffo, una poesia per tutti i tipi di amore

"La cosa più bella" è una poesia di Saffo, poetessa Greca, che celebra ogni tipo di amore, a prescindere dall'orientamento sessuale.

Nella giornata contro l’Omofobia, vogliamo celebrare l’amore. E lo facciamo con una poesia di Saffo, poetessa greca che ci sa, tutt’oggi, raccontare la potenza di questo sentimento. Una potenza che conosce diverse sfaccettature, positive e grafiche. Davanti ai beni materiali, la poetessa sottolinea l’importanza e la ricchezza dell’amore, considerato il dono più prezioso che la visa sa donarci. 

Questa celebrazione all’amore la vogliamo fare proprio oggi che cerchiamo di combattere quello che è l’odio verso la libertà e la dignità che l’amore stesso richiede. A prescindere dall’orientamento sessuale, la cosa più bella, rimane AMARE. 

La potenza dei sentimenti 

Nella giornata contro l’omofobia si deve ricordare e celebrare soprattutto l’amore. Perchè davanti all’amore non può esserci odio e discriminazione. La società non può incatenare o limitare chi, semplicemente, ama con libertà e dignità. 

Per questo motivo abbiamo scelto la poesia di Saffo intitolata “La cosa più bella”, per renderci conto che anche migliaia di anni fa, l’amore era qualcosa di immensamente prezioso e potente. E poi, la stessa Saffo, nutriva una forte passione per  Anattoria, la sua amata lontana, che ella preferirebbe a qualsiasi altro bene materiale. Una poesia che mette a nuda una donna che, oggi, sarebbe sicuramente un’attivista e protagonista del movimento LGBT.

Davanti alla guerra, infatti, ai bottini d’oro o qualsiasi altro bene materiale, la poetessa greca vede la vera preziosità nell’amore. E per questo motivo riporta l’esempio di Elena che, davanti all’amore, ha abbandonato i privilegi, le ricchezze che possedeva insieme al suo potente marito. Consapevole dell’oltraggioso gesto, Elena ha seguito il suo “animo incostante”, che l’ha fatta agire d’istinto, ma spinta dal vero amore. 

La poesia si conclude con una nota a quell’infelicità dalla quale noi non possiamo scappare. Perchè la vita è sofferenza ed è fatta anche di battaglie. Dove sta il nostro potere? Beh, nello scegliere l’amore. Abbiamo il potere di vivere con quel prezioso dono che è l’amore. 

La cosa più bella, la poesia di Saffo

“Alcuni un esercito di cavalieri, altri di fanti,
altri di navi dicono esser la cosa più bella
sulla nera terra, io invece
quello che s’ama.

Assai facile è farlo capire a chiunque,
infatti colei che molto eccelleva
per bellezza fra gli uomini, Elena,
lasciato lo sposo di grande valore,

partì per Troia, in nave,
né ripensò alla figlia, né agli amati genitori,
per nulla, ma la traviò Afrodite,
lei, innamorata;

subito infatti, col suo animo incostante,
facilmente ignorò nel cuore gli affetti;
lei ora mi desta il ricordo di Anattoria,
che non è qui,

ah, vorrei poter vedere il suo amato incedere
e lo splendore raggiante del suo viso
invece che carri lidi e fanti
pronti alla battaglia.

Agli uomini non è concesso d’essere del tutto felici,
ma possono pregare d’averne parte”

 

 

 

Stella Grillo

© Riproduzione Riservata