Versi d'autore

“Ho sceso, dandoti il braccio” di Montale, l’amore davanti alla prova del tempo

Analizziamo una delle liriche più celebri di Eugenio Montale, una dichiarazione d'amore sentita nei confronti della moglie scomparsa a cui era legatissimo
"Ho sceso, dandoti il braccio" di Montale, l'amore davanti alla prova del tempo

Una delle liriche più conosciute di Eugenio Montale, dedicata alla moglie Drusilla Tanzi. Parliamo di “Ho sceso, dandoti il braccio”, scritta nel 1967 e contenuta all’interno della raccolta poetica nota come “Satura”.

Addio a Kiki Dimoula
kiki-dimoula

Addio a Kiki Dimoula, la più grande poetessa greca contemporanea

Canzoni come poesie
here-comes-the-sun

Il significato di “Here comes the sun” dei Beatles, un messaggio di speranza che illumina il mondo

Coronavirus
preside-zona-rossa

La lettera di una Preside dalla zona rossa: “Cerchiamo di aiutarci e facciamo vedere al resto d’Italia la nostra forza”

Dilemmi linguistici
"Defatigare" e "defaticare" sono sinonimi oppure no? L'errore da non fare

“Defatigare” e “defaticare” sono sinonimi oppure no? L’errore da non fare

Frasi sull'amore
Le più belle frasi sull'amore di Victor Hugo

Le più belle frasi sull’amore di Victor Hugo

Orchid Show
the-orchid-show

Lo spettacolo delle orchidee in fiore ai giardini botanici di New York

La citazione del giorno
citazione-franco-arminio

“C’è il rischio che il panico diventi una forma di intrattenimento” di Franco Arminio

Psicologia
amicizia-tossica

Come riconoscere un’amicizia tossica: tutti i segnali

Le parole dei film

Will Hunting, il discorso sull’Amore pronunciato da Robin Williams

#NonSeiSolo
non-sei-solo_articolo

#NonSeiSolo: racconta su Libreriamo la tua storia dalle zone in quarantena

Coronavirus
decreto-librerie

Coronavirus, gli editori chiedono di posticipare la Legge sul Libro

Coronavirus
buone-abitudini-sociali

Coronavirus, come educare i cittadini alla salute

Coronavirus
smart-learning

Perché non proporre lo smart learning agli studenti di scuole e università

Serie tv da non perdere
passeggeri-notturni

“Passeggeri notturni”, arriva su Raiplay la serie tv dai racconti di Carofiglio

Classifica dei libri più venduti
classifica-febbraio-3

Classifica dei libri più venduti. Elena Ferrante domina incontrastata

L’amica geniale
L’amica geniale 2, trama e commento degli episodi 5 e 6

L’amica geniale 2, trama e commento degli episodi 5 e 6

Obbligatorio baciarsi
torre-dell-orso

«In questo luogo è obbligatorio baciarsi»: il cartello apparso a Torre dell’Orso

I librai si raccontano
"Tra le Righe" di Roma, la libreria punto di riferimento per chi vive nel Quartiere Trieste

“Tra le Righe” di Roma, la libreria punto di riferimento per chi vive nel Quartiere Trieste

Per tirarsi su
10 libri da leggere per tirarsi su il morale quando si è tristi

9 libri da leggere per tirarsi su di morale quando si è tristi

Giochi e passatempi per bambini
attivita-per-distrarre-bambini-a-casa

Come ingannare il tempo con i propri bambini, al tempo del Coronavirus

Un lungo viaggio troppo breve con la moglie

Nei versi il poeta descrive con tenerezza la figura della moglie, ricordandola per il buon senso e la saggezza. L’utilizzo dell’iperbole “milione di scale” sottolinea la lunga durata della vita vissuta insieme alla compagna, il cui “vuoto” dovuto alla sua scomparsa provoca nell’autore un profondo senso di solitudine: Montale “ad ogni gradino” ripensa a tutte le difficoltà della vita che hanno passato assieme e si sente solo al suo ricordo. Le scale sono una metafora che indica la vita passata insieme, un “viaggio” apparentemente “lungo” ma in realtà “breve” perché non abbastanza passata insieme. “Il mio [viaggio]” del poeta dura tuttora ma nell’indifferenza nei confronti degli impegni giornalieri “coincidenze, prenotazioni”, le insidie della vita “trappole” e le delusioni “scorni”.

Un faro che indica il cammino

La seconda strofa della poesia riprende ancora più forte lo stretto legame “quattr’occhi” che univa Montale alla moglie. Attraverso la sineddoche “pupille, sebbene tanto offuscate”, chiaro riferimento alla miopia della moglie, Montale sottolinea la capacità delal sua amata compagna di saper in realtà penetrare il vero senso delle cose al di là delle apparenze, rappresentando per il poeta il faro che gli indicava il cammino, il sostegno ed la guida della sua vita.

Continua dopo la pubblicità

La poesia

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale
e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.
Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.
Il mio dura tuttora, né più mi occorrono
le coincidenze, le prenotazioni,
le trappole, gli scorni di chi crede
che la realtà sia quella che si vede.

Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio
non già perché con quattr’occhi forse si vede di più.
Con te le ho scese perché sapevo che di noi due
le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,
erano le tue.

Continua dopo la pubblicità

© Riproduzione Riservata