Il veterano della Seconda Guerra Mondiale e la sua amata si ritrovano dopo 75 anni

Il veterano di 98 anni e il suo primo amore di 92, si sono rivisti dopo l'ultimo saluto prima di partire per la guerra nel 1944

MILANO – Il primo amore non si scorda mai: molti tentano di dimenticarlo, senza riuscirci, altri lo razionalizzano a solo “una cotta giovanile”, altri ancora non fanno proprio a meno di pensarci. Ognuno può ricordarlo come meglio preferisce, facendo finta di niente o accettandone la fine, ma quello che è sicuro è che in quell’amore giovanile il cuore dei due amanti ha battuto all’impazzata creando l’idea di un amore perfetto, nella speranza che esso duri per sempre. C’è chi rimane insieme per tutta la vita e chi invece si lascia lungo la strada. Ma chi lo dice che coloro che da giovani si sono amati e poi si sono sperati, hanno preso volontariamente vie diverse che non potranno mai più incrociarsi durante la lunga strada della vita? Questa non è altro che la storia d’amore tra il 98enne Kara Troy Robbins, veterano americano della Seconda Guerra Mondiale, e la 92enne francese Jeanine Ganaye che, separati dalla guerra, si sono ritrovati dopo 75 anni.

LEGGI ANCHE: Marc e Bella Chagall, storia di un amore surreale

Ti ho sempre amato Jeanine. Non hai mai lasciato il mio cuore

Kara Troy Robbins, veterano americano della Seconda Guerra Mondiale

Separati dalla guerra

Quando il mondo era in balia dell’orrore della Seconda Guerra mondiale, quando la fame e la miseria imperversavano nelle case delle persone, quando la follia dell’uomo non distingueva i soldati dai civili, quando i soldati non erano considerati esseri umani ma macchine da combattimento, quando le persone erano viste come carne da macello, c’era chi riusciva lo stesso a trovare spazio per amare ed essere ancora felice; difficile credere che questo sia possibile in un tempo in cui paradossalmente i primi a morire erano i giovani che, chiamati dalla patria, dovevano correre al fronte con poche possibilità di tornare a casa.

LEGGI ANCHE: Le storie d’amore più belle legate al mondo della letteratura

Uno di questi giovani era Kara Troy Robbins che nel 1944 era un soldato americano inviato in Francia di soli 23 anni, innamorato della francese 17enne Jeanine Ganaye. I due intrapresero una relazione di soli 2 mesi, i 2 mesi più belli della loro vita. Ma il fiabesco momento che gli amanti stavano vivendo venne presto interrotto: la guerra continuava a farsi sentire e la patria a stelle e strisce non esitò a fare un fischio e a chiamare sugli attenti i giovani del Paese, tra cui Troy che partì per il fronte e salutò così la sua Jeanine in un addio che pensava sarebbe durato per l’eternità.

LEGGI ANCHE: I 10 romanzi d’amore preferiti dai lettori

La Grande Guerra nel ’45 terminò e Troy era ancora vivo. Ma Jeanine? Dov’era finita? Chi l’aveva più rivista? Troy alla fine della guerra tornò in America e a lui di lei, non rimasero che uno splendido ricordo e una bella foto in bianco e nero, poi null’altro. Jeanine era viva, in Francia, distante da Troy e, proprio come lui, pensava non si sarebbero mai più ritrovati. A lei, come a lui, rimase solo l’intramontabile ricordo di quei 2 incredibili mesi. La guerra li aveva separati e ognuno intraprese la propria vita: Troy si sposò con un’altra donna, Jeanine con un altro uomo, un soldato francese da cui ebbe poi 5 figli. Gli anni passavano, loro invecchiavano e alla fine ambedue rimasero vedovi del loro consorte.

LEGGI ANCHE: La lettera d’amore che Pasternak scrisse alla sua Olga

Una dolce sorpesa

Ma quest’anno è arrivata una dolce sorpresa: il canale televisivo francese France 2 inizia a girare un documentario sui veterani dello sbarco di Normandia e Troy non ha potuto fare a meno di raccontare all’emittente televisivo della sua appassionante storia d’amore giovanile. Il canale francese si è messo così sulle tracce di Jeanine che, ancora viva, si trova in una casa di riposo a Montigny-lès-Metz, un piccolo comune francese di poco più 20 mila abitanti. In onore della ricorrenza dello sbarco di Normandia, Troy si reca in Francia e dichiara di incrociare (scrive il quotidiano locale «Le Républicain lorrain) “una donna elegante che sembra essere uscita da un romanzo di Agatha Christie“.

LEGGI ANCHE: “Il più bello dei mari” di Nazim Hikmet e la ricerca della felicità

Quella donna è Jeanine, che lo riconosce. Ed ecco che dopo 75 anni di lontananza i due anziani signori pieni di rughe e coi capelli bianchi tornano giovani per un momento, baciandosi e gioendo come in quel lontano 1944. I due hanno dichiarato di non essersi mai scordati l’uno dell’altro e dopo l’incontro immortalato da France 2 si sono separati ancora, ma si sono ripromessi a vicenda di rivedersi presto. Avranno anche 90 anni suonati, ma per un momento sono tornati giovani ed in questo ultimo bacio hanno unito 2 mesi di amore e 75 anni di speranza e di ricordi, isolandosi dal resto del mondo per creare uno spazio tutto loro, come fossero soli. Ma sapete una cosa? Lasciamoli soli, perché tanto come direbbe Jacques Prevert “I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno” (poesia I ragazzi che si amano), anche se ragazzi non lo sono più.

LEGGI ANCHE: Picasso e Dora Maar, quando l’amore è morboso

© Riproduzione Riservata