La terza stagione de ‘La casa di carta’ è in arrivo in Piazza Affari

La terza stagione de La casa di carta uscirà il 19 luglio, ma già oggi in Piazza Affari a Milano Netflix ha organizzato una proiezione aperta a tutti
La terza stagione de 'La casa di carta' è in arrivo in Piazza Affari

MILANO – La casa di carta è una delle serie originali Netflix di maggior successo degli ultimi anni. Il Professore, Rio, Denver, Tokio, Nairobi e tutti gli altri personaggi mascherati alla Dalì sono entrati nel cuore del pubblico italiano, che ora attende con ansia l’uscita della terza stagione.

La casa di carta in Piazza Affari

La data di uscita de La casa di carta è prevista per venerdì 19 luglio, e sarà costituita da 10 episodi. Già oggi, però, per il pubblico milanese sarà possibile vedere in anteprima le prime due puntate. Netflix ha organizzato una proiezione all’aperto gratuita rivolta a tutti in Piazza Affari a Milano, questa sera alle 21.30. E le sorprese non mancheranno: stamattina è stato installato un enorme gonfiabile di un uomo in tuta rossa e maschera di Dalì, collegato all’installazione artistica di Maurizio Cattelan.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Bianca Bassano (@biancabassano) in data:

Per chi non conoscesse Piazza Affari, si tratta di una piazza nel centro di Milano dove ha sede la borsa milanese. L’artista contemporaneo Maurizio Cattelan ha realizzato nel 2010 una statua di 4 metri in marmo di Carrara raffigurante un gigantesco dito medio. Il titolo dell’opera è L.O.V.E., un acronimo che sta per Libertà, Odio, Vendetta, Eternità. Ora per l’evento Netflix il dito medio è direttamente collegato alla mano di uno degli adepti del Professore.

La scelta del luogo, dichiara Netflix sull’evento Facebook, non è casuale: «E se pensate che il luogo scelto sia casuale… non c’è scelta del Professore che lasci spazio al caso». Non vengono date ulteriori spiegazioni, ma questa lascia intendere che le prime due puntate della terza stagione de La casa di Carta abbiano qualcosa a che fare con la città di Milano.

Bella ciao e la rivoluzione

C’è da dire che una piazza in cui campeggia un gigantesco dito medio davanti alla sede della borsa è un perfetto scenario per una serie come La casa di carta, i cui protagonisti sono sì dei ladri, ma con una forte componente rivoluzionaria, sovversiva del sistema. Non a caso, la loro canzone simbolo è Bella Ciao, simbolo dell’antifascismo ma anche della ribellione del popolo nei confronti del potere.

Lukas Perros, nuovo membro del cast per la terza stagione, ha riflettuto su questo tema nell’ultima conferenza stampa: «Bella Ciao nella misura in cui è un canto di origine antifascista ha un significato forte non solo in Italia ma in tutto il mondo. È diventato il simbolo di ribellione della gente nei confronti del sistema, delle banche, dei politici. La gente è stufa delle promesse non mantenute, della ricchezza nelle mani di pochi, è alla ricerca di eroi e questi Robin Hood che ribaltano l’idea del bene e del male sono quello che stanno cercando».

Grandi aspettative dunque, non solo per l’evento di stasera, ma per tutta la terza stagione. Secondo le dichiarazioni di registi e membri del cast, i nuovi episodi vedranno la compagnia riunirsi a fianco del professore, ma per ragioni ben diverse, più “profonde e sentimentali”. Restiamo in attesa di scoprire cosa accadrà.

© Riproduzione Riservata