Sei qui: Home » Libri » “Febbre”, un libro da leggere contro i pregiudizi sull’omosessualità
Giornata Internazionale Contro l'Omofobia

“Febbre”, un libro da leggere contro i pregiudizi sull’omosessualità

Il libro “Febbre” di Jonathan Bazzi, profondo e potente, per celebrare la Giornata Internazionale Contro l’Omofobia

Lunedì 17 maggio si celebra la Giornata Internazionale Contro l’Omofobia, la Bifobia e la Transfobia. Una ricorrenza importantissima per ribadire e sottolineare che i diritti umani valgono per tutti indipendentemente dall’orientamento sessuale che seguono. Per l’occasione abbiamo pensato di parlarvi del libro “Febbre”, esordio letterario di Jonathan Bazzi con cui è arrivato alla finale del Premio Strega.

“Febbre”

Un romanzo autobiografico in cui Jonathan racconta la propria vita di ragazzo omosessuale con tutte le esperienze e le emozioni provate. Jonathan ha poco più di trent’anni. Vive a Milano con il compagno Marius, studia Filosofia e lavora come insegnante di yoga. Ha una febbriciattola che da qualche settimana lo tormenta, spossandolo al punto da non riuscire a lavorare. Potrebbe essere mononucleosi. Gli esami però non dicono nulla, ma la febbre è sempre lì, ossessiva e sfiancante. Potrebbe essere qualcosa di più grave, leucemia magari. Dopo altri esami finalmente arriva una risposta, tragica per i più, ma per Jonathan una boccata d’aria: aids. Qui inizia un nuovo percorso. “Febbre” è un libro potente, fatto di debolezze, dolore e resilienza.

Jonathan Bazzi

Jonathan Bazzi è nato a Milano nel 1985. Cresciuto a Rozzano, estrema periferia sud della città, è laureato in Filosofia. Appassionato di tradizione letteraria femminile e questioni di genere, ha collaborato con varie testate e magazine, tra cui Gay.it, Vice, The Vision, Il Fatto.it.

 

Giornata Internazionale contro l’Omofobia, la Bifobia e la Transfobia

La Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia è una ricorrenza promossa dal Comitato Internazionale per la Giornata contro l’Omofobia e la Transfobia e riconosciuta dall’Unione europea e dalle Nazioni Unite che si celebra dal 2004 il 17 maggio di ogni anno. L’obiettivo della giornata è quello di promuovere e coordinare eventi internazionali di sensibilizzazione e prevenzione per contrastare il fenomeno dell’omofobia, della bifobia e della transfobia. Ideata da Louis-Georges Tin, curatore del Dictionnaire de l’homophobie, la prima Giornata internazionale contro l’omofobia ha avuto luogo il 17 maggio 2004 a 14 anni dalla decisione (17 maggio 1990) di rimuovere l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali nella classificazione internazionale delle malattie pubblicata dall’Organizzazione mondiale della sanità.

© Riproduzione Riservata