Le scrittrici più amate

Le 10 scrittrici più amate della letteratura

Abbiamo chiesto alla nostra community di lettori quale fosse la loro scrittrice preferita di ogni epoca. Da Jane Austen a Isabel Allende, ecco le scrittrici più amate
Le 10 scrittrici più amate della letteratura

MILANO – L’8 marzo non dovrebbe essere solo il momento per regalare mimosa a mamme, mogli e fidanzate, ma anche la giornata giusta per riflettere sull’importanza che le donne hanno rivestito e rivestono nel mondo. Nel mondo della letteratura sono tante le scrittrici che hanno segnato l’epoca in cui vivevano con le loro opere. Vi abbiamo chiesto quale scrittrice di ogni epoca fosse la vostra preferita. Scopriamo le altre scrittrici che entrano in questa speciale classifica.

Clicca qui per leggere e condividere gli aforismi sulle donne ! 

Jane Austen

portrait_of_jane_austen.jpg.size_.xxlarge.letterbox

Una delle scrittrici più famose, e alla moda , di sempre. Jane Austen (1775-1817) viene ricordata per le sue opere (Orgoglio e pregiudizio, Ragione e sentimento, Emma), ma anche e soprattutto per aver portato in campo letterario uno stile e delle tematiche che poi sono diventate dei veri e propri topos. La sua opera è, ancora, un punto di riferimento per intere generazioni. Molti giovani, infatti, possono trarre da essa molti consigli utili anche sulla moda sempre più frequente delle frequentazioni online. La Austen è un’icona letteraria che fa sognare ancora migliaia di lettrici in tutto il mondo e, per le fan più accanite, segnaliamo anche 10 luoghi assolutamente da visitare legati alle sue opere e ai luoghi in cui ha vissutoClicca qui per leggere e condividere gli aforismi della scrittrice.

Charlotte Bronte

CBronte_2495332b (1)

Figlia di un ecclesiastico irlandese, nel 1820 si stabilì con la famiglia a Haworth, nella regione delle brughiere. Fin dall’infanzia Charlotte, lasciata sovente a se stessa, creò insieme alle sorelle Emily e Anne e al fratello Branwell un mondo immaginario, sul quale i ragazzi costruirono complicati cicli di storie infantili. La vita delle sorelle Brontë fu segnata da gravi lutti familiari: persero da piccole la madre malata di cancro, e anche la zia, che si era trasferita nella loro casa per crescerle, se ne andò precocemente. Charlotte non fu molto fortunata neppure in campo sentimentale: s’innamorò, senza essere ricambiata, di un professore già sposato, e quando si sposò con un pastore, morì l’anno successivo, mentre attendeva un figlio. “Jane Eyre” è l’alter ego di Charlotte: entrambe hanno vissuto una giovinezza da orfana e di abbandoni.
(LEGGI ANCHE: la lettera autobiografica della scrittrice)

Oriana Fallaci

Oriana-Fallaci-islam

Non solo scrittrice, ma giornalista e attivista, la Fallaci (1929-2006) è stata la prima donna in Italia ad andare al fronte come inviata speciale. Come autrice, ha pubblicato 20 romanzi, vendendo venti milioni di copie in tutto il mondo. Tornata prepotentemente alla ribalta per i fatti di cronaca legati al terrorismo. Di lei si ricordano l’analisi forte e coraggiosa del rapporto tra Islam ed Occidente. Era il 2001 quando, dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre,  la scrittrice Oriana Fallaci proponeva il suo duro punto di vista in merito ai tragici avvenimenti delle Torri Gemelle attraverso articoli di giornale e libri. I più importanti “La rabbia e l’orgoglio” e “La forza della ragione“. L’opinione pubblica è ancora divisa a metà. Alcuni pensano che le posizioni della Fallaci fossero troppo estreme, così come i provvedimenti da prendere, altri invece la considerano come uno dei simboli della lotta al terrorismo.
(Leggi la lettera di Tiziano Terzani che si oppone alle posizioni della scrittrice)

Emily Bronte

Le poesie d’amore di Emily Brontë sono romantiche e struggenti. La scrittrice e poetessa inglese famosa per il suo unico romanzo Cime tempestose è una delle donne più amate e apprezzate della letteratura britannica. Emily Brontë è morta giovanissima, a soli 30 anni, e davanti a queste personalità così sensibili e promettenti vien da chiedersi cosa avrebbero lasciato al mondo se solo avessero vissuto un po’ di più. Il padre visse più a lungo di tutti i suoi figli, l’ultima sopravvissuta, la sorella più grande Charlotte riuscì a pubblicare le poesie di Emily Brontë consegnandole al mondo, prima di morire anche lei nel 1848.

Isabel Allende

adv_Allende

Isabel Allende, nata in Cile nel 1942, è sicuramente la scrittrice sudamericana più letta e amata di sempre. I suoi romanzi prendono spesso spunto da vicende autobiografiche, come il celebre “La casa degli spiriti”, da cui è stato anche tratto un film con Meryl Steep e Jeremy Iron. Altre sono dedicati al Sud America, alle vicende storiche che hanno visti protagonisti indigeni e conquistatori, alle storie di donne indimenticabili.
(LEGGI ANCHE: Isabel Allende, “Per me l’amore è straordinario a tutte le età”)

JK Rowling

jk_2617100b

J. K. Rowling scrive storie da quando era bambina, e ha sempre desiderato diventare scrittrice. L’ispirazione per “Harry Potter” le venne anni fa su un treno da Manchester a Londra. Una saga che fa sognare milioni di lettori in tutto il mondo. Durante gli anni successivi cominciò a delineare la trama di ogni libro e a scrivere il primo capitolo della saga da Bloomsbury nel 1997 e da Salani nel 1998.  Le avventure narrate dalla Rowling hanno segnato una svolta nella letteratura per ragazzi, sono da anni in testa a tutte le classifiche dei bestseller internazionali e hanno ricevuto infiniti premi letterari. Nelle librerie è recentemente arrivato Bianco letale, l’ultima avventura del detective Cormoran Strike, scritto con lo pseudonimo di Robert Galbraith.
(LEGGI ANCHE: JK Rowling, 18 curiosità sull’autrice di Harry Potter)

Margaret Mazzantini

Scrittrice e drammaturga romana, Margaret Mazzantini ha vinto il Premio Strega nel 2002 con il romanzo Non ti muovere. I suoi libri sono stati tradotti in trentacinque paesi e in Italia è amata soprattutto per Nessuno si salva da solo, edito da Mondadori nel 2011. Ha esordito nel 1994 con il romanzo Il catino di zinco. La sua vita e i suoi romanzi sono intersecati da due fili conduttori, il primo è quello dei conflitti, affrontati su diversi fronti. Il secondo è quello della maternità.

Susanna Tamaro

Originaria di Trieste, imparentata alla lontana con Italo Svevo, Susanna Tamaro è l’autrice del bestseller Va’ dove ti porta il cuore, il romanzo pubblicato nel 1994 e che ha venduto quindicimila milioni di copie in tutto il mondo. Dal celebre e apprezzato romanzo è stato tratto l’omonimo film interpretato da Margherita Buy e Virna Lisi. Nel 2011, al Salone del Libro di Torino, il libro viene inserito tra i 150 Grandi Libri che hanno segnato la storia d’Italia. Altri romanzi indimenticabili dell’autrice sono Anima mundi e il libro per bambini Cuore di ciccia.

Dacia Maraini

Figlia dell’etnologo e scrittore Fosco Maraini e della principessa Topazia Alliata, Dacia Maraini è una delle scrittrici più amate della letteratura italiana. Durante il fascismo il padre, per sfuggire alla dittatura, si trasferì con il resto della famiglia in Giappone, ma è proprio qui che la piccola Dacia passò tre anni in un campo di concentramento, in quanto non avevano riconosciuto il governo militare giapponese. Nella raccolta di poesie Mangiami pure, la scrittrice riporta tutte le sofferenze e la fame patite in quegli anni. Liberati dagli americani, Dacia Maraini fa ritorno in Italia, in Sicilia e poi a Roma dove prosegue gli studi e comincerà a collaborare con importanti riviste e ad interessarsi di teatro. Nel 1962 pubblica il suo romanzo d’esordio La vacanza e comincia la relazione amorosa con Alberto Moravia, che lascia la moglie Elsa Morante per lei. Nel 1973 fonda il Teatro della Maddalena, esclusivamente dedicato alle donne, per il quale compone più di trenta opere teatrali. Amata e riconosciuta, la Maraini si aggiudica nel 1990 il Premio Campiello con La lunga vita di Marianna Ucrìa e nel 1999 il suo romanzo Buio vince il Premio Strega.

Agatha Christie

Amatissima e apprezzata scrittrice, Agatha Christie è la regina del giallo: i personaggi di Hercule Poirot e di Miss Marple sono icone di fama mondiale, tanto da essere la seconda scrittrice inglese più tradotta al mondo, dopo William Shakespeare. Romanzi come Dieci piccoli indiani, Assassinio sull’orient express e Miss Marple e i tredici problemi sono pezzi insostituibili della storia della letteratura mondiale.
LEGGI ANCHE: Poirot e Miss Marple, chi sono i protagonisti di Agatha Christie

Elsa Morante

Elsa Morante fu narratrice di opere in netta contrapposizione con il panorama italiano ed europeo contemporaneo. Infatti fu una scrittrice selvatica e anarchica, lontana dal realismo tanto di moda all’epoca. Moglie di Alberto Moravia, Elsa Morante ha segnato la storia della letteratura con uno dei romanzi più belli e significativi del Novecento: La storia, data alle stampe direttamente in edizione tascabile, in brossura e a basso costo, per renderlo più accessibile e alla portata dei più umili.
LEGGI ANCHE: Elsa Morante, i libri più famosi della scrittrice italiana

.

© Riproduzione Riservata