Sei qui: Home » Intrattenimento » Cinema » Nomadland, 5 curiosità sul film trionfatore agli Oscar 2021
il film

Nomadland, 5 curiosità sul film trionfatore agli Oscar 2021

"Nomadland" di Chloé Zhao è stato il film protagonista alla Notte degli Oscar 2021. Tratto da un libro su una storia vera, scopriamo alcune curiosità.

“Nomadland” di Chloé Zhao è stato il film protagonista alla Notte degli Oscar 2021. La pellicola si è aggiudicata l’ambita statuetta nelle tre delle categorie più importanti: miglior film. Il film della regista cinese naturalizzata americana, già Leone d’oro a Venezia e già premiato ai Golden Globe, ha convinto la giuria dell’Academy, confermando le previsioni che lo davano tra i favoriti.

5 curiosità su Nomadland 

Dopo le numerose vittorie di questo film, vogliamo elencarvi alcuni aspetti particolari di questa pellicola. 

1. Nomadland: pluripremiato e pluriamato

Nomadland è stato presentato in anteprima al festival di Venezia l’11 settembre 2020. Lì ha vinto il leone d’oro. Ha anche vinto il People’s Choice Award a Toronto. È uno dei primi film nella storia a vincere i primi premi sia a Venezia che a Toronto. Nomadland è uscito il 4 dicembre 2020. Il 29 gennaio 2021, Searchlight ha distribuito il film in alcune sale IMAX. È stato rilasciato su Hulu il 19 febbraio 2021. Ha raggiunto il titolo di terzo voto più alto su Metacritic in quanto ed è stato classificato come uno dei migliori film del 2020 dai critici. Anche il National Board of Review e l’American Film Institute sono d’accordo sul fatto che sia uno dei dieci migliori film del 2020. 

2. Tratto da un libro sulla sopravvivenza

Nel 2014, Bruder ha scritto una storia di copertina per Harper’s Magazine, “The End of Retirement”, ed ha descritto la situazione degli anziani americani che non potevano permettersi di andare in pensione e lavoravano con lavori temporanei per aziende come Amazon. Si è basata su quel servizio e tre anni dopo ha pubblicato Nomadland: Surviving America in the Twenty-First Century. Il libro è incentrato su Linda May, una nonna di 64 anni che vive nella sua Jeep di seconda mano e che fa lavori temporanei a basso salario per risparmiare e realizzare il suo sogno di trovare un terreno per costruire una casa sostenibile “Earthship”. “Una delle cose che ha reso Linda così piacevole da documentare, è che ha una certa autocoscienza”, dice Bruder. “Sia che stesse parlando con me e venisse registrata o che parlasse con qualcuno in un ristorante o con persone a caso che aveva appena incontrato, lei era sempre pronta a fare conversazione, era sempre la stessa persona”. 

Oltre a vivere in un furgone, la Bruder ha lavorato a fianco dei suoi intervistati, in luoghi di lavoro che vanno da un impianto di raccolta di barbabietole da zucchero a un centro di adempimento di Amazon. Ha descritto il lavoro fisico e il pedaggio che ha preso su questi lavoratori. “Alcuni camminano per 15 miglia su pavimenti di cemento, chinandosi, accovacciandosi, raggiungendo e salendo le scale mentre scannerizzano, smistano e inscatolano la merce”, ha scritto.

3. Raccontare e denunciare

La più ampia comunità di nomadi contemporanei, come catturata nel film, è in gran parte costituita da americani bianchi anziani. Mentre la maggior parte del film è ambientato in parti più conservatrici del paese, Zhao ha cercato di depoliticizzare la storia. “Ho cercato di concentrarmi sull’esperienza umana e sulle cose che penso vadano oltre le dichiarazioni politiche per essere più universali – la perdita di una persona cara, la ricerca di una casa”, ha detto a Indiewire. Bruder ha riportato il libro sotto l’amministrazione Obama, ma le questioni sistemiche che sottolinea risalgono a decenni fa. “Non sono un problema di un’amministrazione o di un’altra, ma molte persone volevano che le persone nel libro fossero gli elettori arrabbiati di Trump, e sembravano quasi delusi quando ho detto loro che ci sono molte persone con opinioni politiche diverse in questo gruppo”, dice. “Non sono così facilmente semplificabili”. 

4. Nomadland è stato girato in quattro mesi

Nomadland è stato girato in quattro mesi nel 2018 durante la stagione autunnale. Il tempo è stato diviso tra la pre-produzione e il set per Eternals (2021) dalla scrittrice e regista Chloe Zhao. I membri della troupe hanno vissuto in furgoni mentre il film veniva girato per sperimentare la vita da nomade. David Strathairn ha anche recitato nel film come attore non protagonista. I nomadi della vita reale interpretano i loro sé stessi -fittizi- nel film.

5. Linda May, Swankie e Bob sono nomadi della vita reale che interpretano versioni fittizie di se stessi.

Linda May, Swankie e Bob non sono attori professionisti. Linda May ha perso il suo lavoro nel 2008 e si trova in una situazione economicamente ed emotivamente vulnerabile. Deve vivere in un furgone per sopravvivere e racconta di come la povertà la colpisce. Linda è una nomade della vita reale e interpreta una versione fittizia di se stessa. Swankie è mostrata mentre viaggia per l’ultima volta perché soffre di un cancro terminale e vuole passare i suoi ultimi giorni sulla strada invece che in un letto d’ospedale. Anche  Bob, che è un organizzatore e gestisce un raduno di viaggiatori in furgone, è un nomade nella vita reale. Fern non parla davvero con molte persone. Anche le persone che interpretano queste parti hanno lo stesso nome. È difficile distinguere gli attori dai non-attori perché ai non-attori non vengono dati molti dialoghi.

© Riproduzione Riservata