TV e informazione

Nel 2019 è ancora importante guardare Superquark, ecco il perché

Piero Angela avrà anche 90 anni ma con Superquark non smette ancora di sorprendere e di informare, ecco perché è importante guardarlo
Nel 2019 è ancora importante guardare Superquark, ecco il perché

MILANO – Tra gossip, false liti, urla e parolacce la TV italiana sembra sprofondata più in basso che mai. Ma ecco che una piccola luce brilla e un diamante grezzo si fa strada tra la bigiotteria comune: sto parlando di Superquark, il re dei documentari.

LEGGI ANCHE: 9 curiosità su Alberto Angela che forse non conoscete

La speranza della TV

Ormai viviamo in un mondo dove crediamo di saper tutto e pensiamo di poter apprende ogni cosa semplicemente digitando la nostra ricerca su Google. Vero, il web ti offre infinite informazioni, ma quante di queste sono affidabili? Quante di queste ti permettono realmente di capire concetti anche complessi? A mio parere, veramente pochi. Questo rende chiaro il motivo per cui ancora oggi nel 2019, è importante guardare Superquark, con un signore di 90 anni che ti spiega le cose del mondo e ti trasmette la bellezza della scienza. E se vogliamo proprio dirla tutta, considero anche necessario il fatto che programmi come questo continuino a sopravvivere per consentire alle generazioni future di non lasciarsi appiattire da false informazioni e false divulgazioni.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Nicola Facciolini (@nicolafacciolini) in data:

Spero vivamente che programmi come Superquark, che vanta di 308 puntate, possano continuare a vivere nel futuro, informando i giovani, accompagnando gli spettatori alla scoperta del mondo e permettendo a chiunque di apprendere qualcosa di nuovo. Confido nel fatto che un giorno, quando i ragazzi di oggi e di domani saranno adulti e non saranno più in grado di sorprendersi di nulla, grazie a programmi come Superquark il loro fanciulletto musico si risvegli e torni in loro, ancora una volta, quello stupore che provavano da piccoli difronte alle piccole bellezze del mondo e della natura. Spero che riusciranno a stupirsi ancora di ciò che gli sembrerà banale e che la voglia di scoperta continui in loro perché Superquark e i programmi come lui sono questo: sorpresa, stupore, scoperta, sapere e conoscenza.

LEGGI ANCHE: Alberto Angela riceve la laurea ad honorem in Archeologia

Tra gossip e liti, Superquark è il diamante grezzo

Piero Angela per molte persone è quel signore che quando erano piccoli li accompagnava alla scoperta degli animali, delle piante, del corpo umano e più in generale della natura, della scienza e delle storia.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alberto Angela.Cultura e Uomo (@albertoangela.culturaeuomo) in data:

Ormai sono 25 anni che Superquark va in onda e dal quel 27 gennaio 1995 Piero Angela non smette ancora di trasmettere del sapere. Avrà anche 90 anni, ma nel 2019 riesce ancora a confermarsi il re della TV, ma non di quella trash, bensì di una TV che ha ancora voglia di dire qualcosa di importante, di significativo e che cerca di farsi spazio tra il basso livello educativo che mediamente i programmi televisivi danno in pasto al pubblico.

LEGGI ANCHE: Le “Meraviglie” di Alberto Angela hanno conquistato gli italiani

© Riproduzione Riservata
Commenti