Lettera di Raoul Beretta

Lettera di Raoul Beretta

Una Lettera?
Sì…una lettera per Te, stellina.

Una di quelle che si scrivevano una volta, di quelle che ti emozionavano appena avevi tra le mani la busta e spiegavi i fogli in essa contenuti, sentivi la consistenza della carta tra le dita, il profumo che emanava.

Ti tuffavi tra le parole vergate a mano e subito era favola..

E ora, dopo tanto tempo riprendo in mano carta e penna, accantono gli orpelli elettronici quotidiani e lascio che la mano scorra, guidata dal cuore.
Così, mi ritrovo a scrivere di Te, di Noi, a fissare le istantanee che hanno dato vita a questo Legame Inscindibile.

A come tutto è nato spontaneamente, senza fronzoli, malizie e giorno dopo giorno è cresciuto…e cresce, crescerà.

La favola inizia sotto un cielo carico di speranze e di timori, dove i passi sono dapprincipio malfermi, timorosi e carichi di un fardello pesante da portare.

La brezza estiva ha sospinto una sottile, marcata sintonia, lasciandola libera di librarsi nell’aria.

Affinità, empatia, sensibilità al di sopra di ogni comune sentire ci hanno preso per mano, fin dal primo istante e accompagnato lungo il cammino che stiamo affrontando, insieme.

Abbiamo aperto gli occhi nel momento giusto e seguito l’onda del Destino.
Non è stato facile, nessuno ci ha detto che lo sarebbe stato, ma è stato fantastico.
E’ magia!

Ci siamo guardati dentro, spogli di ogni pregiudizio e ci siamo accolti vicendevolmente, in un dialogo infinito e melodioso, che ogni volta arricchisce l’Io, culla il cuore e ci conduce nei meandri della notte fonda.

L’essenza è proprio quì: dialogo, accoglienza e libertà.

Non ci è servito altro, nessuna formula segreta, solo alchimia dei sentimenti e Amore, quello che sublima ogni aspetto materiale e ti fa “sentire” tutto, così intensamente da lasciarti stordito e ancor più assetato di tale Dono.

Abbiamo superato il buio, lottato strenuamente, precipitati in 10 ore di buio e riemersi con i polmoni che bruciavano.
Mi hai detto: ”tienimi ancora per mano” e da quell’istante siamo stati una cosa sola .

Avrò cura di Te, silenziosamente, lasciando che i tuoi passi diventino sempre più sicuri e Tu possa correre verso la tua nuova Vita e a quel punto, Tu mi terrai per mano e mi porterai laddove tutto è gioia e serenità.

Il cammino che ci attende è ancora lungo, ma insieme sembrerà tutto più facile.

E quando quel Giorno arriverà, volgeremo lo sguardo alle nostre spalle, i nostri cuori sorrideranno, guardando quanta strada, quanti ostacoli abbiamo superato.

Sarà a quel punto che, rileggendo questa lettera, i ricordi avranno un profumo dolce.

Il dolore, la fatica, la sofferenza e l’immobilità non faranno più paura: saranno parte di Te, della nuova Donna che sarai, pilastri portanti della Tua anima rinata.

Allora, Ti renderai conto che ne è valsa la pena, che la lotta non è stata una battaglia sterile e che la Vita ci riserva sempre qualche meraviglia, dopo la tempesta.

Abbiamo lottato Insieme.

Il Destino ha voluto così.

E ora fa scorrere la penna per scrivere di Te, perché in fondo…

Questa è una lettera per Te…

Ti voglio Bene!

© Riproduzione Riservata
Commenti