Sei qui: Home » Arte » Vermeer, dal restauro di un suo quadro riemerge un cupido
la scoperta

Vermeer, dal restauro di un suo quadro riemerge un cupido

"La donna che legge una lettera davanti alla finestra” di Vermeer, dopo l’intervento che ha rimosso lo strato di vernice che celava l’immagine di Cupido, sarà esposto nella mostra "Johannes Vermeer. On Reflection" a Dresda

Gli amanti dell’arte si preparano ad essere colpiti dalla freccia del Cupido di Jan Vermeer. Per tre secoli il figlio di Venere è rimasto silenziosamente acquattato in un capolavoro dell’artista olandese. Grazie a un complesso restauro, ora il dio dell’amore si mostra trionfante alle spalle della Ragazza che legge una lettera davanti alla finestra, gettando nuova luce sul significato del quadro.  Il cambiamento nella composizione in uno dei dipinti più famosi di Vermeer è così grande che il museo tedesco lo ha soprannominato nei materiali pubblicitari un “nuovo” Vermeer. Dal prossimo 10 settembre fino al 2 gennaio 2022, i visitatori della Gemäldegalerie Alte Meister di Dresda potranno ammirare l’opera così come fu concepita durante la mostra “Johannes Vermeer. On reflection”, il più grande progetto espositivo mai allestito in Germania sul pittore olandese.

Il restauro dell’opera

Il dipinto è stato nella collezione del museo per più di 250 anni e il Cupido nascosto era noto fin dai raggi X nel 1979 e dalla riflettografia a infrarossi nel 2009. Si era ipotizzato che l’artista stesso avesse alterato la composizione coprendo l’immagine di Cupido. Ma quando nel maggio 2017 è iniziato un importante progetto di restauro, i restauratori hanno scoperto che la pittura sul muro sullo sfondo del dipinto, che copre il nudo Cupido, era in realtà stata aggiunta da un’altra persona. Quando gli strati di vernice del XIX secolo iniziarono a essere rimossi dal dipinto, i conservatori scoprirono che le “proprietà di solubilità” della vernice nella sezione centrale del muro erano diverse da quelle del resto del dipinto.

A seguito di ulteriori indagini, comprese prove in un laboratorio di archeometria, si è scoperto che tra l’immagine di Cupido e la ridipintura esistevano strati di legante e uno strato di sporco. I conservatori conclusero che sarebbero trascorsi diversi decenni tra il completamento di uno strato e l’aggiunta del successivo e quindi conclusero che Vermeer non avrebbe potuto dipingere lui stesso sul Cupido. Quando la scoperta è stata annunciata al pubblico nel 2019, la conservatrice senior Uta Neidhardt ha affermato che è stata “l’esperienza più sensazionale della mia carriera”. Ha aggiunto: “Ciò lo rende un dipinto diverso”.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da The Art Newspaper (@theartnewspaper.official)

 

Come ammirare “il Cupido” di Vermeer

Lo strato di sovraverniciatura è stato meticolosamente rimosso usando un bisturi al microscopio, rivelando la composizione sorprendentemente alterata. Il dipinto sarà esposto il mese prossimo per la prima volta dal restauro come pezzo protagonista di una grande mostra intitolata “Johannes Vermeer: ​​On Reflection” (10 settembre-2 gennaio 2022) alla Gemäldegalerie di Dresda. La mostra includerà dieci dipinti di Vermeer in totale, rendendolo uno degli spettacoli più significativi sull’Antico Maestro olandese negli ultimi anni (ci sono solo circa 35 dipinti di Vermeer di estensione).

Tra i prestiti di spicco in mostra ci sono The Geographer (1669) dal Museo Städel di Francoforte; Veduta delle case di Delft/The Little Street (intorno al 1658) dal Rijksmuseum di Amsterdam; e Una giovane donna in piedi alla verginale (1670-1672 circa) dalla National Gallery di Londra, che ha un dipinto simile di Cupido sullo sfondo.

© Riproduzione Riservata