Sei qui: Home » Arte » L’Ultima Cena, il capolavoro di Leonardo da Vinci e del Rinascimento italiano
Analisi di un capolavoro

L’Ultima Cena, il capolavoro di Leonardo da Vinci e del Rinascimento italiano

Quella conservata presso la chiesa di Santa Maria delle Grazie a Milano è la più celebre rappresentazione dell'Ultima Cena, capolavoro di Leonardo e del Rinascimento italiano in generale.

Oggi Giovedì Santo si ricorda la cena di Gesù con gli apostoli durante la Pasqua ebraica, precedente la sua morte. A questo importante momento è dedicata una delle opere più conosciute di Leonardo da Vinci: “L’Ultima Cena”. Essa rappresenta in assoluto una delle opere d’arte più importanti di tutti i tempi, sia per la sua carica innovativa che per l’impatto che ebbe sugli artisti di tutte le epoche.

"L’Ultima Cena" di Leonardo prende vita grazie a tre premi Oscar

“L’Ultima Cena” di Leonardo prende vita grazie a tre premi Oscar

Con “The Last Supper: The Living Tableau” L’Ultima Cena di Leonardo da Vinci prende vita diventa un cortometraggio di nove minuti creato e filmato in dettaglio dal regista Armondo Linus Acosta

Leonardo rappresenta il momento più drammatico del Vangelo quando Cristo annuncia il tradimento di uno degli apostoli “In verità vi dico uno di voi mi tradirà”. È una scena agitata attorno al fulcro immobile costituito dalla figura di Gesù, che si richiama al Cristo Giudice del Giudizio Universale. Attorno a lui convergono gli apostoli sistemati a gruppi di tre, secondo le diverse reazioni alle parole di Cristo: di domanda, di scandalo, di timore, di commozione, “i moti dell’animo”.

L’ultima cena di Leonardo

Il refettorio del convento domenicano di Santa Maria delle Grazie è parte integrante dell’architettura quattrocentesca. Essa fu oggetto di ristrutturazioni dal grande architetto e scultore Donato Bramante, che realizzò la tribuna della chiesa. Sulla parete nord del refettorio trova posto il Cenacolo di Leonardo da Vinci, che lo realizzò durante il suo lungo soggiorno milanese, tra il 1495 e 1497.

Nel 1494 Leonardo ricevette la commissione dell’opera, legata al convento di Santa Maria delle Grazie, luogo caro al Moro, destinato alla celebrazione della famiglia Sforza, in cui aveva da poco finito di lavorare Bramante. I lavori procedettero con la decorazione del refettorio, un ambiente rettangolare dove i frati domenicani consumavano i pasti. Si decise di affrescare le pareti minori con temi tradizionali. Una Crocifissione, per la quale fu chiamato Donato Montorfano che elaborò una composizione tradizionale, già conclusa nel 1495, e un’Ultima Cena affidata a Leonardo. In tale opera, che lo sollevò dai problemi economici imminenti, Leonardo riversò come in una summa tutti gli studi da lui compiuti in quegli anni, rappresentandone il capolavoro.

Il Cavallo di Leonardo, storia dell'opera incompiuta del genio universale

Il Cavallo di Leonardo, storia dell’opera incompiuta del genio universale

Curiosità e aneddoti legati al Cavallo di Leonardo Da Vinci, una scultura equestre di dimensioni colossali che non vide mai la luce e che l’artista Nina Akamu ha realizzato dopo oltre cinque secoli.

Leonardo attinse alla tradizione fiorentina dei cenacoli, reinterpretandola però in maniera estremamente originale con una maggiore enfasi sul momento drammatico in cui Cristo afferma «Qualcuno di voi mi tradirà» e sui ‘moti dell’animo’ degli apostoli turbati. Essi sono ritratti a gruppi di tre, come una serie di onde emotive successive, con al centro la figura isolata e dominante del Cristo. Leonardo cambiò l’iconografia tradizionale scegliendo di non rappresentare Giuda da solo su un lato del tavolo, ma accanto agli altri sul medesimo lato rivolto allo spettatore.

La tecnica 

Come è noto Leonardo non si trovava a suo agio con la tecnica dell’affresco, poiché i veloci tempi di asciugatura dell’intonaco richiedevano un tratto deciso e rapido, non compatibile con i lunghi studi, le successive velature e la sua finissima pennellata. Per questo Leonardo inventò una tecnica mista di tempera e olio su due strati di intonaco, che rallentò le fasi di esecuzione dell’opera consentendogli di rendere una maggiore armonia cromatica e gli effetti di luce e di trasparenze a lui cari. L’opera era conclusa nel 1498, quando venne ricordato nel De Divina Proportione di Luca Pacioli.

Quanto conosci Leonardo Da Vinci? Scoprilo con questo test

Quanto conosci Leonardo Da Vinci? Scoprilo con questo test

Leonardo Da Vinci è stato senza dubbio uno degli uomini più geniali e talentuosi della storia. Ma quanto ne sapete di lui? Mettetevi alla prova con questo test

L’esperimento si rivelò però drammaticamente inadatto a un ambiente umido come il refettorio, con la parete comunicante con le cucine. Già nel 1517 Antonio de Beatis annotò le prime perdite di colore, che all’epoca di Vasari erano già evidenti. Da allora si susseguirono restauri e ridipinture, oltre ad eventi estremamente drammatici durante l’occupazione napoleonica e la seconda guerra mondiale, che avevano consegnato un capolavoro estremamente compromesso, a cui ha posto rimedio, per quanto possibile, il capillare restauro concluso nel 1999.

Dove si trova L’Ultima Cena

L’Ultima cena di Leonardo da Vinci è conservata oggi presso il refettorio della chiesa di Santa Maria delle Grazie a Milano. L’affresco, che mostra condizioni di particolare fragilità, è normalmente sottoposto a regime di visite contingentate. Dal dicembre 2014 il Ministero per i beni e le attività culturali gestisce il Museo del Cenacolo Vinciano tramite il Polo museale della Lombardia, nel dicembre 2019 divenuto Direzione regionale Musei. Nel 2019 è stato visitato da 445 728 persone, risultando essere il quindicesimo più visitato in Italia.

La nuova illuminazione

L’Ultima cena ora si può vedere sotto una nuova luce, grazie a un impianto a led che permette di risparmiare energia, inquinare meno e che aiuta a migliorare le condizioni micro ambientali del cenacolo. L’opera di Leonardo è infatti estremamente delicata e per questo le visite sono contingentate. Il Cenacolo è il fiore all’occhiello della città, il modo per porsi sul panorama internazionale, questa è la prima composizione importante di Leonardo. La nuova illuminazione fa vedere un Cenacolo nuovo. Dopo il restauro del 1999 l’opera ha smesso di essere cupa e Leonardo ha iniziato ad essere l’artista della luce. Le nuove luci favoriscono questa lettura.

 

© Riproduzione Riservata