Sei qui: Home » Arte » “I maestri” del ‘900 in mostra a Bra
Mostre da non perdere

“I maestri” del ‘900 in mostra a Bra

Il Palazzo Mathis di Bra ospita, a partire dallo scorso 8 settembre, "I maestri", un'interessante mostra incentrata sui grandi maestri del panorama artistico piemontese del '900.

“I maestri” è una grande mostra dedicata agli artisti più celebri e rappresentativi del Novecento piemontese. Ospitata nelle sale del Palazzo Mathis di Bra, splendida costruzione di epoca medievale, l’esposizione è stata inaugurata lo scorso 8 settembre, e sarà visitabile fino all’8 gennaio 2023. Andiamo a scoprire qualcosa di più!

“I maestri”, l’arte piemontese del Novecento 

Dedicata agli esponenti più rappresentativi del panorama artistico piemontese del secolo scorso (con alcune incursioni nel resto dell’Italia), la mostra “I maestri” si configura come un’interessante retrospettiva sull’arte pittorica novecentesca. Quelli che il titolo dell’esposizione organizzata dall’associazione culturale Piero Fraire e dalla Città di Bra, e curata da Gianfranco Schialvino, definisce “I Maestri”, sono autori che, sulla scia della pittura “en plein air”, hanno conferito dignità alla rappresentazione paesaggistica, ritenuta tanto preziosa quanto quella storica.

Gli artisti piemontesi cominciano ad affermarsi come veri e propri maestri già a partire dalla fine del 1800. Lo attesta anche uno stralcio del volume “Ottocento piemontese. Scritti d’arte”,  opera scritta da Marziano Bernardi e pubblicata a Torino nel 1946:

“Di alto fervore culturale che fece di Torino fra il 1880 e il 1902 con le Quadriennali e le Triennali il maggior e più vivo centro artistico italiano”.

Gli artisti in mostra

Le sale affrescate dello storico edificio vedranno esposte, in occasione della mostra “I maestri”, opere di Carol Rama, Pinot Gallizio, Giacomo Soffiantino, Francesco Tabusso, Renato Guttuso, Alessandro Lupo, Mario Schifano, Arturo Martini, Piero Ruggeri, Ezio Gribaudo e Salvo, Ugo Nespolo, Omar Galliani, Aldo Mondino, Romano Reviglio, Francesco Preverino, Ermanno Barovero, Sergio Albano, Ugo Giletta e Luisa Valentini.

L’attenzione si rivolge dapprima a un dipingere che esalta i valori naturalistici, le atmosfere pacate e silenziose, il cromatismo a volte delicato ed a volte esplodente nella resa d’insieme, per proseguire mirando ad un’espressività nuova: un nucleo di essenza e descrizione, tra figurazione e astrazione, che a metà Novecento seppe venire incontro all’esigenza individuale di comunicare l’intimità emozionata.

Sarà così possibile compiere un viaggio emozionante nell’arte pittorica e scultorea del secolo appena trascorso, alla scoperta dell’opera di artisti che hanno scritto pagine significative di immaginario, ridefinendolo tra figurazione e slanci di pura astrazione. La mostra è visitabile ad ingresso libero dal giovedì al lunedì in orario 9/12,30 e 15/18 fino all’8 gennaio 2023.

Palazzo Mathis

Di fondazione medioevale, il palazzo subì un importante intervento nel corso del Settecento e al gusto barocco dell’epoca si deve il suo aspetto attuale. All’interno, al piano nobile, si trovano le opere di maggior pregio artistico con numerosi affreschi del Seicento e sovrapporte con dipinti ad olio risalenti al Settecento. Lo stabile, ristrutturato con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Bra, ospita oggi l’Ufficio Turistico cittadino ed è prestigiosa sede di mostre ed eventi culturali.

© Riproduzione Riservata