Sei qui: Home » Arte » Joan Mirò, 5 curiosità legate all’artista spagnolo
vite surrealiste

Joan Mirò, 5 curiosità legate all’artista spagnolo

Ecco qualche informazione in più sull'artista catalano Joan Mirò, definito da André Breton “il più surrealista di tutti i surrealisti

Jacques Prévert lo definì “Un innocente col sorriso sulle labbra che passeggia nel giardino dei suoi sogni”. Joan Miró fu uno dei più radicali teorici del surrealismo, al punto che André Breton, fondatore di questa corrente artistica, lo descrisse come “il più surrealista di noi tutti”.  Lui a differenza degli altri artisti a lui contemporanei e non non condusse una vita esagerata ma da “sognatore sveglio”. Niente gossip, niente trasgressione, solo l’arte e un forte attaccamento alla sua terra natia, da buon catalano.

Vita normale

La prima curiosità è che fu un artista piuttosto normale. A differenza degli altri non condusse una vita trasgressiva ma da “sognatore sveglio”.

Maiorca

Tra gli anni Cinquanta e Ottanta, Mirò visse in una casa costruita dal cognato sull’isola di Maiorca. Era affezionato al posto natio della madre dove aveva trascorso molte estati e dove aveva conosciuto sua moglie Pilar.

Il modo di dipingere

A Maiorca ottiene il primo vero e proprio studio dove dar sfogo alla sua creatività. L’isola cambia anche il suo modo di dipingere che mette via il cavalletto e inizia e lavorare soprattutto a terra, camminando sulle proprie tele, fin tanto da stendercisi sopra.

La Catalogna

Era molto legato alla Catalogna, la sua terra, che omaggiò nei suoi quadri.

La Mail art

Negli anni Settanta e Ottanta Mirò si dedicò pure alla Mail art, anche conosciuta con il termine arte postale, è un movimento artistico populista che usa il servizio postale come mezzo di distribuzione, tramite l’invio di opere generalmente di piccolo formato creando così un feed-back tra mittente e destinatario.

© Riproduzione Riservata