La citazione del giorno

“L’incontro di due personalità è come il contatto tra due sostanze chimiche” di Carl Jung

La frase di oggi è attribuita a Carl Gustav Jung, psichiatra svizzero attivo tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento
citazione-jung

La frase di oggi è attribuita a Carl Gustav Jung, psichiatra svizzero attivo tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento. Fu il fondatore della psicologia analitica, che è una teoria del funzionamento della mente e una pratica di cura della patologia psichica diversa dalla psicoanalisi.

L’incontro di due personalità è come il contatto tra due sostanze chimiche; se c’è una qualche reazione, entrambi ne vengono trasformati.

Le persone che ci hanno segnato

L’incontro di due personalità è come il contatto di due sostanze chimiche: si produce una reazione tale che entrambe ne saranno trasformate. La raffigurazione chimica di cui si avvale Jung per rappresentare l’incontro, ci avvicina a una verità profonda. Tutti, infatti, dobbiamo confessare di aver incontrato nella vita persone che ci hanno intimamente segnato. Non si allude soltanto a coloro che da quell’incontro sono usciti innamorati. Ci sono persone, infatti, che lasciano in noi una traccia indelebile, anche come amici, compagni o testimoni.  Da ogni incontro, non si esce del tutto indenni, “ma con una scia nell’anima”, commenta Gianfranco Ravasi su Avvenire. “L’importante è, però, non alzare uno schermo o lasciarsi avvolgere dalla nebbia della distrazione”.

 

Libro rosso di Jung

Con il suo tesoro di esperienze iniziatiche e meditazioni sapienziali il “Libro rosso” si situa dunque al centro di una straordinaria sperimentazione che ne fa un unicum nel panorama novecentesco. La sua pubblicazione, a distanza di quasi cinquant’anni dalla morte di Jung, ha segnato un punto di svolta negli studi sulla psicologia analitica. La presente edizione riproduce integralmente il testo, senza le tavole dipinte con cui Jung illustrò la sua “discesa agli inferi”.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Commenti