Sei qui: Home » Storie » Che cos’è il Pendolo di Foucault? Storia di un esperimento rivoluzionario
Invenzioni

Che cos’è il Pendolo di Foucault? Storia di un esperimento rivoluzionario

Per ricordare il fisico francese Jean Bernard Léon Foucault, vi raccontiamo il suo esperimento più celebre

Che cos’è il Pendolo di Foucault? Léon Foucault è stato un celebre fisico francese, nato il 18 settembre 1819 e scomparso l’11 febbraio 1868. Di Léon Foucault si racconta che, paralizzato da un morbo misterioso, si fece posizionare vicino al letto uno specchio di sua invenzione, così da poter osservare la volta stellata persino in punto di morte. Ma lo specchio rotante è soltanto una delle tante invenzioni attribuite al fisico francese. La più famosa, che ha persino ispirato il celebre romanzo di Umberto EcoIl pendolo di Foucault“, è il pendolo che Léon Foucault appese alla cupola del Pantheon di Parigi, dimostrando la rotazione terrestre, conosciuto oggi come Pendolo di Foucault.

Che cos’è il Pendolo di Foucault?

Si tratta del grande pendolo sferico che fu appeso nel 1851 da Léon Foucault alla cupola del Panthéon di Parigi, per dimostrare con un esperimento l’esistenza della rotazione terrestre. Il pendolo di Foucault era costituito da una sfera pesante circa 28 chilogrammi sospesa alla cupola del Pantheon grazie a un filo lungo 67 metri. La sfera terminava con una punta in modo da lasciare traccia del proprio passaggio sulla superificie sabbiosa sottostante. Nel corso dell’esperimento, il fisico lasciò oscillare il pendolo e vide che disegnava delle linee sotto di esso. Poiché il piano di oscillazione libera di un pendolo non cambia nel tempo, le linee stavano a indicare che era il terreno sottostante a muoversi.

Emifero australe e boreale

Nel pendolo di Foucault la rotazione avviene in senso antiorario nell’emisfero australe e in senso orario nell’emisfero boreale.  Su tale principio si fonda, per altro, l’invenzione del giroscopio, il cui asse del rotore segue le stelle fisse e ruota una volta al giorno a qualsiasi latitudine. All’Equatore la rotazione “non c’è” perché il piano del pendolo è perpendicolare all’asse di rotazione terrestre.

LEGGI ANCHE: www.treccani.it/enciclopedia/leon-foucault/

L’esperimento di San Pietroburgo

In poco tempo il sistema del pendolo di Foucault fu replicato in decine di città in giro per l’Europa e l’America. Fra gli esperimenti più famosi si ricorda quello realizzato nel 1931 a San Pietroburgo, con un pendolo di 54 chili e di 93 metri attaccato in cima alla cupola della cattedrale di Sant’Isacco. Il suo periodo di oscillazione era di venti secondi, con un’ampiezza di oscillazioni di cinque metri. In pratica, ogni oscillazione era caratterizzata da uno spostamento di sei millimetri, il che rendeva visibile l’effetto della rotazione della Terra nel giro di pochissimi minuti.

Léon Foucault

Nato a Parigi il 18 settembre 1819 e scomparso sempre a Parigi l’ 11 febbraio 1868, Jean Bernard Léon Foucault è stato un fisico francese conosciuto per l’interpretazione del movimento di rotazione del piano di oscillazione di un pendolo, conosciuto come Pendolo di Foucault, e scoperto da Vincenzo Viviani. L’apparato sperimentale serve a dimostrare la rotazione della Terra. Egli inoltre fece misure della velocità della luce in mezzi diversi, ed inventò il giroscopio, scoprì le correnti indotte (correnti di Foucault). Il cratere Foucault sulla luna è dedicato a lui.

Potrebbe interessarti anche:
Perché ciò che diventiamo dipende dai nostri padri secondo Umberto Eco
Citazione-umberto-eco

Per celebrare la Festa del Papà, vi proponiamo oggi una frase di Umberto Eco, che ci invita a riflettere sul rapporto padre-figlio

I tre cosmonauti, la poesia di Umberto Eco sulle relazioni umane
I tre cosmonauti, la poesia di Umberto Eco sulle relazioni umane

Nella poesia "I tre Cosmonauti", Umberto Eco spiega in versi la storia dell'uomo alla scoperta dell'universo, raccontando attraverso la metafora dello spazio una grande verità: essere diversi non significa essere nemici.

“Il nome della rosa”, un capolavoro della letteratura moderna
il-nome-della-rosa-letteratura-1201-568

“Il nome della rosa” è un romanzo di Umberto Eco, pubblicato per la prima volta da Bompiani nel 1980 e tradotto in più di quaranta lingue

Cyberbullismo: perché odiamo? La risposta secondo Umberto Eco
"Ci vuole sempre qualcuno da odiare per sentirsi giustificati nella propria miseria" di Umberto Eco

Perché odiamo? Ce lo spiega Umberto Eco in un passo tratto dal romanzo "Il cimitero di Praga", edito da Bompiani (2010)

L’insegnamento di Umberto Eco sull’importanza della lettura
Umberto Eco

"I libri allungano la vita", diceva Umberto Eco. In occasione del suo anniversario rileggiamo la sua riflessione.

Umberto Eco e la citazione da “Il nome della rosa” sulla bellezza della diversità
umberto-eco-frase-il-nome-della-rosa-1201-568

Nel giorno dell'anniversario di Umberto Eco vi proponiamo una citazione tratta dal suo capolavoro "Il nome della rosa"

© Riproduzione Riservata