Sei qui: Home » Storie » Lettere » Vivere il Natale lontano dalla famiglia, lettera di una ragazza italiana all’estero
Lettera di Natale

Vivere il Natale lontano dalla famiglia, lettera di una ragazza italiana all’estero

Pubblichiamo la lettera di una ragazza che vive a Barcellona da 3 anni e condivide alcune riflessioni su questo Natale in cui molti non potranno tornare a casa dalla propria famiglia

“Come sarà questo Natale?” Me lo sono chiesta mentre passeggiavo su Passeig de Gracia a Barcellona, la città in cui vivo da tre anni. “No no, l’Italia non mi piace”, “me ne vado!”, “a Barcellona si vive meglio”, “a Londra ti pagano bene e hai possibilità di crescere”, “no, guarda, qui all’estero si sta da Dio!”. Quante volte abbiamo detto e sentito queste frasi? Migliaia. Un’Italia snobbata e che, invece, ora più che mai, a me manca. Ieri, mentre passeggiavo per Passeig de Gracia, mi è venuta in mente la canzone scritta da Enrica Bonaccorti La lontananza e l’ho ascoltata “La lontananza sai è come il vento che fa dimenticare chi non s’ama… io che credevo d’essere il più forte, sono qui a ricordare, a ricordare te”.

Le parole d’amore in italiano hanno un altro sapore. Sanno di casa, di affetto, di comprensione, empatia e amore. Cammino sicura tra le strade di questa città straniera. Improvvisamente mi sento felice. La canzone cantata da Modugno mi coccola e mi viene da sorridere. Chissà dove vanno queste persone? Torneranno dalla famiglia dopo il lavoro? Incontreranno i loro amanti? Avranno comprato il vino per cena? Continuo la mia passeggiata, guardo le vetrine dei negozi, mezzi vuoti, e mi soffermo su due donne: una signora di mezz’età ben vestita con una giacca beige e una sciarpa bianca e una ragazzina con anfibi neri, jeans stretti e capelli lunghi e lisci. Sono belle, sorridono e scherzano. Saranno sicuramente mamma e figlia.

Quest’immagine mi riporta alla mente i pomeriggi prima di Natale in cui io e mia madre siamo solite andare in giro per comprare i regali. A quando mamma mi dice: “oggi chiedo a papà di andare al negozio, così io e te possiamo andare in giro a comprare i regali, chiedi ad Elena se vuole venire”. Elena è una delle mie migliori amiche da sempre: una sorella e fa parte ormai della famiglia. Elena è sempre stata più razionale e risoluta di me, lei ha sempre le idee ben chiare e, ovviamente, come ogni anno, lei avrebbe già comprato tutti i regali di Natale. Aspettiamo Elena in macchina sotto casa sua, lei scende, è sorridente e allegra come sempre. Le voglio molto bene.
Il telefono di mamma squilla, è papà: “Carmelina, c’è gente al negozio, vieni a darmi una mano”.

Quelli soni i nostri pomeriggi prima di Natale. Quei pomeriggi solo nostri. Eterni.

Pomeriggi di cielo nero, di vapore e luci natalizie. Le amiche che chiamano al telefono: “Ci vediamo per l’aperitivo alle sei”, i gruppi su WhatsApp per organizzare il capodanno “andiamo a casa di Brigida in montagna”, “io sto con la famiglia”, “io ceno con i miei e poi vi raggiungo”, “ma dormiamo là?” o “se poi vogliamo tornare, chi guida?”. L’organizzazione del cenone di Natale: le nonne imbacuccate che arrivano a casa con l’aria gelida da fuori, l’odore della giacca di cuoio di zio Cosimo, le grosse risate a cena, il vino, le infinite portate: “ma perché ogni volta dobbiamo esagerare così?”, “un fa nent, oggi è Natale” (“non fa niente, oggi è Natale”) dice l’altra nonna in dialetto. Nonna è bella, truccata, ha un maglione rosso. Anche mamma è bella, come ogni giorno. In fondo, anche zio Nino è simpatico.

“Permiso señorita, dejame pasar, por favor”, una signora dietro di me al semaforo mi riporta alla realtà, ero completamente assorta tra i miei pensieri che mi ero fermata al semaforo verde. Sono di nuovo a Barcellona, a Passeig de Gracia e non più in macchina con mamma, né tantomeno sotto casa di Elena o al cenone di Natale. “La lontananza sai è come il vento, spegne i fuochi piccoli, ma accende quelli grandi”

Quest’anno sarà un Natale diverso, non tutti potranno tornare a casa per le vacanze, ma sempre una buona canzone sarà pronta ad abbracciarci, a riscaldarci, a riportarci indietro nel tempo, dai nostri cari, a farci apprezzare quello che già abbiamo, che è tanto.

“Meraviglioso
ma come non ti accorgi
di quanto il mondo sia
meraviglioso
Meraviglioso
perfino il tuo dolore
potrà guarire poi
meraviglioso
(…)
La notte era finita
e ti sentivo ancora
Sapore della vita
Meraviglioso”. Domenico Modugno, Meraviglioso (1968).

“Peccato però per quest’anno non vederci a Natale”. Intercetto queste parole in italiano di un signore di una certa età, che parlando al cellulare, va di fretta in direzione opposta. Incrocio i suoi occhi azzurri. Sembra aver commentato i miei pensieri. Piango di una strana gioia.

Manuela Morrone

© Riproduzione Riservata