Sei qui: Home » Storie » Hadley, il primo grande amore di Ernest Hemingway
La storia d'amore

Hadley, il primo grande amore di Ernest Hemingway

Hadley Richardson fu la prima moglie dello scrittore americano Ernest Hemingway e molto probabilmente il suo unico vero amore

Ernest Hemingway e Hadley Richardson si sposano giovanissimi dopo esseri innamorati ad una festa in casa. Hadley è più grande di otto anni, ma in amore l’età non importa. Prima di quattro mogli, Hadley Richardson conquistò un posto d’onore nel cuore dello scrittore e sarà, forse, l’unica donna davvero amata nonostante tutto.

Il primo incontro tra Ernest e Hadley

È il 1920, Ernest e Hadley si incontrano una sera ad una festa in casa. Lui è un giovane reduce dalla Prima Guerra Mondiale, tornato in patria ferito e pieno di avventure da raccontare, lei è una ragazza con una personalità forte e riservata, non veste alla moda, non porta i capelli come andavano in quel periodo ma segue il suo gusto. Ancora in lutto per la morte della madre, conoscendo Hemingway, Hadley sente di nuovo battere il cuore. Inutile dire che durante quella festa è scossata la scintilla. Lo scrittore inizierà un lungo corteggiamento, scriverà quotidianamente alla ragazza per conquistarla, lei, titubante per la differenza d’età alla fine accetterà la proposta di matrimonio.

Il matrimonio e la vita a Parigi

Ernest e Hadley si sposarono nel 1921, qualche mese più tardi partirono per Parigi, dove Hemingway voleva affermarsi come scrittore. Lei leggerà tutte le sue bozze, opere di un valore inverosimile che hanno segnato la storia della letteratura. In quel periodo, innamorati e senza soldi, i giovani frequenteranno figure come Gertrude Stein, Ezra Pound e Scott Fitzgerarld e la moglie Zelda. Vivono la vita e il loro amore con una pienezza totalizzante. La natura riservata e solitaria della ragazza, tuttavia, lascia un sapore dolce-amaro nella loro relazione, la scrittura diventerà per Hemingway principale motivo di soddisfazione e ciò lascerà Hadley in disparte. Il lavoro porterà Ernest lontano da casa anche dopo la nascita del piccolo Jack.

 

Il divorzio

La fine del loro rapporto è sancita dall’arrivo di Pauline Pfeiffer, una ricca e irriverente ereditiera che, posati gli occhi sullo scrittore, lo strappò alla moglie. La donna si insinuò nelle loro vite come amica, fino a diventare l’amante. Quando il piccolo Jack si ammalerà di pertosse, la famiglia di Hemingway si troverà in isolamento con due persone in più: la tata del bambino e la stessa Pauline. In questo periodo Hemingway scriverà “Fiesta“. Questa situazione porterà allo stremo la povera Hadley che, una volta rientrata la malattia, chiederà il divorzio dall’amato Ernest.

 

Alice Turiani 

© Riproduzione Riservata