Sei qui: Home » Storie » La giornalista Greta Beccaglia, una storia di “ordinarie” molestie
La cronaca

La giornalista Greta Beccaglia, una storia di “ordinarie” molestie

Giusto tre giorni dopo la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, la giornalista Greta Beccaglia è stata molestata in diretta tv

Quello che è successo ieri sera a Greta Beccaglia, giornalista sportiva di Toscana-Tv, è inammissibile. Essere molestata in diretta televisiva in un momento di lavoro, giusto tre giorni dopo la celebrazione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne è qualcosa che ha dell’assurdo e che, invece, purtroppo è una quotidiana realtà.

Il caso di Greta Beccaglia

Ieri sera Greta Beccaglia, inviata di Toscana-Tv allo stadio Castellani per commentare la partita appena terminata tra Empoli e Fiorentina, ha subito delle pesanti molestie in diretta televisiva da parte di un gruppo di  tifosi. Per la precisione, mentre la giornalista stava svolgendo il suo lavoro, un uomo si è sentito in diritto di palpeggiarla da dietro venendo chiaramente ripreso dalle telecamere e senza farsi il minimo scrupolo su quello che è il rispetto di una persona, aggiungendo il simpatico commento “non te la prendere”. Il video ha fatto il giro del web suscitando una violenta reazione di indignazione. Il fatto è avvenuto dopo una partita in cui i giocatori hanno espresso solidarietà contro la violenza sulle donne.

L’ennesimo esempio di violenza

Non dimentichiamoci che il 25 novembre scorso si è celebrata la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. Quello accaduto l’altra sera è un fatto plateale, avvenuto davvero (e forse dovremmo dire finalmente) sotto gli occhi di tutti. Quello della violenza di genere è dunque un problema ancora troppo lontano dall’essere risolto. Serviva davvero che una professionista venisse “sculacciata” in diretta e ammonita per le attenzioni ricevute perché tante altre persone si accorgessero che qualcosa non va? Abbiamo davanti a noi l’ennesima vergogna, l’ennesima violenza subita da una donna per divertimento, per scherzo, addirittura per complimento. Lo scempio di una società che si definisce moderna e all’avanguardia.

giornata-contro-violenza-sulle-donne-i-libri-1201-568

10 libri da leggere in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

Oggi è la giornata internazionale contro la violenza sulle donne, indetta dall’ONU. Ecco alcuni libri da leggere per approfondire l’argomento

 

La colpa di essere donna

La cosa peggiore è che Greta Beccaglia si è sentita in difetto, “non avrei dovuto mettere quei jeans”, si è detta. È questa la ferita più dolorosa, il senso di colpa. Un senso di colpa che purtroppo ci hanno insegnato a provare perché forse le nostre gonne erano troppo corte, o le magliette troppo scollate, i jeans troppo aderenti. Tutti ieri hanno visto, una volta per tutte, quello che una donna (anche senza un lembo di pelle esposta) deve subire quando vuole divertirsi, lavorare o semplicemente vivere serenamente. Ovviamente la giornalista ha ricevuto la solidarietà generale e ha avuto la prontezza di denunciare la persona, nonostante qualcuno le abbia sconsigliato di farlo.

Le indagini sono partite e l’uomo responsabile delle molestie sarebbe stato identificato dal commissariato di Empoli. Anche noi vogliamo esprimere la nostra solidarietà a Greta Beccaglia, una donna, una collega che, nello svolgere il suo mestiere di giornalista, è stata vittima di una situazione che, purtroppo, non sembra migliorare.

Alice Turiani

© Riproduzione Riservata