Sei qui: Home » Storie » Le donne “che hanno osato” citate da Giorgia Meloni nel suo discorso alla Camera
donne italiane

Le donne “che hanno osato” citate da Giorgia Meloni nel suo discorso alla Camera

Da Maria Montessori a Oriana Fallaci, Giorgia Meloni nel suo discorso per chiedere la fiducia alla Camera ha citato un elenco di donne a cui rendere omaggio e ispirarsi.

“Ringrazio le donne che hanno osato, per impeto, per ragione per amore”. Così Giorgia Meloni all’interno del suo discorso per chiedere la fiducia alla Camera rende omaggio alle donne che nella storia hanno  “rotto il pesante tetto di cristallo posto sulle nostre teste”. Scopriamo quali sono le donne citate nel discorso di Giorgia Meloni che il neo premier ha voluto ringraziare “per aver dimostrato valore italiane che spero di fare io”.

Le donne “che hanno osato” citate da Giorgia Meloni

Cristina Trivulzio di Belgioioso

Definita dalla Meloni “elegante organizzatrice di salotti e barricate”, la nobildonna, patriota, giornalista e scrittrice, partecipò al Risorgimento e fu editrice di giornali rivoluzionari.

Rosalie Montmasson

“Testarda al punto da partire con i Mille che fecero l’Italia”. E’ questa Rosalie Montmasson (1823-1904), la donna che sbarcò in Sicilia con Garibaldi e i Mille, eroina cancellata dalla storia e protagonista del libro di Maria Attanasio “La ragazza di Marsiglia“.

Alfonsina Strada

Alfonsina Strada “pedalò forte contro il vento del pregiudizio”. Alfonsina è stata una ciclista su strada italiana, prima donna a competere in gare maschili come il Giro di Lombardia e il Giro d’Italia; è ritenuta tra le pioniere della parificazione tra sport maschile e femminile. 

Maria Montessori

Tra le donne che “con il loro esempio spalancarono i cancelli dell’istruzione alle bambine di tutto il Paese” Giorgia Meloni ricorda Maria Montessori, educatrice, pedagogista, filosofa, medico, neuropsichiatra infantile e scienziata italiana, internazionalmente nota per il metodo educativo che prende il suo nome, adottato in migliaia di scuole dell’infanzia, elementari, medie e superiori in tutto il mondo.

Grazia Deledda

Come la Montessori, anche Grazia Deledda, scrittrice italiana vincitrice del Premio Nobel per la letteratura 1926, ha contribuito all’emancipazione della figura femminile in Italia nel Novecento.

Le altre donne citate da Giorgia Meloni

Giorgia Meloni cita poi nel suo discorso altre figure femminili come  Tina Anselmi (prima donna ad aver ricoperto la carica di ministro della Repubblica), Nilde Jotti (la prima donna nella storia dell’Italia repubblicana a ricoprire la terza carica dello Stato, la presidenza della Camera), Rita Levi Montalcini, Oriana Fallaci, le giornaliste Ilaria Alpi e Mariagrazia Cutuli, Fabiola Giannotti, l’ex ministro della Giustizia Marta Cartabia (la prima donna presidente della Corte costituzionale, Guardasigilli nel governo Draghi) e il neo ministro delle Riforma, Elisabetta Casellati (la prima donna a ricoprire, nella storia d’Italia, la seconda carica dello Stato, presidente del Senato).

Nell’elenco c’è anche l’astronauta Samantha Cristoforetti, prima donna italiana negli equipaggi dell’Agenzia Spaziale Europea e prima donna europea comandante della Stazione spaziale internazionale, e Chiara Corbella Petrillo, proclamata serva di Dio dalla chiesa cattolica nel 2018.  Donne che hanno fatto la storia dell’Italia, e a cui ispirarsi.

 

Photocredits: Palazzo Chigi

© Riproduzione Riservata