Sei qui: Home » Storie » Diritto di voto alle donne italiane, un traguardo da ricordare
data storica

Diritto di voto alle donne italiane, un traguardo da ricordare

Il 1° febbraio 1945 rappresenta una data che ha cambiato per sempre la storia della donna in Italia. Il Decreto n. 23 decretava la “Estensione alle donne del diritto di voto“.

Il 1° febbraio 1945 è una data storica nel percorso che porta alla uguaglianza di genere in Italia. Il Governo presieduto da Ivanoe Bonomi con il Decreto numero 23 estese il diritto di voto a tutte le donne maggiorenni. Da questo erano escluse le minori di 21 anni e le prostitute. Ecco perché il 1 febbraio 1945 rappresenta una data epocale nel percorso verso l’emancipazione femminile.

I diritti delle donne oggi, traguardi ottenuti e obiettivi da raggiungere

I diritti delle donne oggi, traguardi ottenuti e obiettivi da raggiungere

Quali sono i principali traguardi e risultati ottenuti dalle donne dal punto di vista legislativo, dall’Antica Roma ad oggi? Lo abbiamo chiesto alla sociologa forense Giulia S. Cingolani

Il suffragio femminile

In Italia il suffragio femminile non fu introdotto dopo la Prima Guerra Mondiale, ma sostenuto da attivisti Socialisti e Fascisti e in parte introdotto dal governo di Benito Mussolini nel 1925. Nell’aprile del 1945, il governo provvisorio decretò l’emancipazione delle donne, che ne consentiva la nomina immediata a cariche pubbliche: la prima fu Elena Fischli Dreher.

Nelle elezioni del 2 giugno 1946, tutti gli italiani votarono contemporaneamente per l’Assemblea costituente e per un referendum che chiedeva al popolo di scegliere per l’Italia la Monarchia o la Repubblica. Le elezioni non si svolsero nel Venezia-Giulia e nell’Alto Adige perché erano sotto l’occupazione alleata. La nuova versione dell’articolo 51 della Costituzione riconosce le pari opportunità nelle liste elettorali.

Il diritto di voto per le donne in Italia

Le donne votarono, per la prima volta, nelle elezioni amministrative della primavera del 1946 nonché nel successivo referendum del 2 giugno, per l’elezione dell’Assemblea costituente e per il Referendum per la scelta tra monarchia e repubblica. Il principio, contenuto nel decreto legge del 1945 e firmato dal Luogotenente generale del Regno Umberto di Savoia (in seguito Re col nome di Umberto II di Savoia), venne ripreso successivamente dalla Carta costituzionale italiana.

Essa entrò in vigore nel 1948 dopo la conclusione della seconda guerra mondiale. Poco dopo con il Decreto nr. 74 del 10 marzo del 1946, si stabilì anche l’eleggibilità delle donne in ambito politico e amministrativo. Così per la prima volta nella storia due donne divennero sindaco. Ada Natali, a Massa Fermana, nelle Marche e Ninetta Bartoli, a Borutta, in Sardegna. 

Le suffragette

A livello mondiale il suffragio femminile, ovvero il diritto di voto esteso alle donne, fu sostenuto dal movimento politico delle cosiddette “suffragette”. Le origini moderne del movimento vanno ricercate nella Francia del XVIII secolo. Le assemblee incaricate di eleggere i deputati agli Stati generali presentarono nel 1789, all’inizio della rivoluzione francese, all’Assemblea Rivoluzionaria i Cahier de Doléances des femmes, una prima richiesta formale di riconoscimento dei diritti delle donne. Negli stessi anni, sempre in Francia, Olympe de Gouges scrisse nel 1791 la Dichiarazione dei diritti della donna e della cittadina, in cui dichiarava l’uguaglianza politica e sociale tra uomo e donna.

Chi è la ragazza protagonista della foto simbolo della Repubblica Italiana

Chi è la ragazza protagonista della foto simbolo della Repubblica Italiana

Ecco la storia e l’identità della ragazza sorridente che il 15 giugno 1946 venne ritratta nella copertina del settimanale Tempo per annunciare la nascita della Repubblica Italiana

La sua azione tuttavia terminò quando iniziò a criticare lo stesso Robespierre, e nel 1793 venne ghigliottinata. Il termine successivamente ha finito per indicare più in generale la donna che lotta o si adopera per ottenere il riconoscimento della piena dignità delle donne. Esso finì per coincidere in parte con il termine femminista.

Potrebbe interessarti anche:
10 libri da leggere sul rispetto delle donne e sui loro diritti
10 libri da leggere sul rispetto delle donne e sui loro diritti

Troppo spesso sentiamo parlare di violenza sulle donne e diritti violati. Oggi vogliamo condividere con voi i 10 libri che parlano della donna, dei suoi diritti e del rispetto che troppe volte le viene negato.

Catherine Spaak, le battaglie e le vittorie di una grande donna
Catherine Spaak, le battaglie e le vittorie di una grande donna

Catherine Spaak  ci ha lasciato pochi giorni fa all'età di 77 anni. Scopriamo insieme le battaglie e le vittorie dell'attrice, cantante, conduttrice televisiva e ballerina belga naturalizzata italiana.

WomenX Impact, l’evento sulla leadership femminile che promuove la cultura
WomenX Impact, l’evento sulla leadership femminile che promuove la cultura

In Italia, dal 17 al 19 Novembre 2022, ci sarà un evento dedicato all’empowerment femminile: “WomenX Impact”, non solo un evento fisico, di ben 3 giorni, ma una community attiva tutto l’anno che, insieme, si applica per una società ed un mondo migliori.

Cosa significa essere libere, la definizione di Virginia Woolf
Cosa significa essere libere, la definizione di Virginia Woolf

La frase del giorno è tratta dal saggio “Una stanza tutta per sé” di Virginia Woolf, tra le scrittrici e attiviste più importanti del XX secolo, pubblicato nel 1929

“Grazie a te, donna”, la lettera di Giovanni Paolo II alle donne
“Grazie a te, donna”, la lettera di Giovanni Paolo II alle donne

Papa Giovanni Paolo II con questa lettera voleva riflettere sui problemi e le prospettive della condizione femminile nel mondo

Sono quella che sono, la poesia di Prevert che celebra la donna
Sono quella che sono, la poesia di Prevert che celebra la donna

"Sono quella che sono" è una poesia di Jaques Prevert dedicata a tutte le donne. Una poesia che celebra la moltitudine di ognuna.

© Riproduzione Riservata