Sei qui: Home » Storie » Curiosità » Antoine de Saint-Exupéry, aneddoti e curiosità sul pilota scrittore
Il personaggio

Antoine de Saint-Exupéry, aneddoti e curiosità sul pilota scrittore

Autore di uno dei libri più amati e conosciuti nel mondo, Antoine de Saint-Exupéry ebbe una vita particolarmente avventurosa

Oggi ricorre l’anniversario del grande Antoine de Saint-Exupéry, nato a Lione il 29 giugno del 1900 e tragicamente morto in un incidente aereo sull’Isola di Riou il 31 luglio del 1944. Padre del Piccolo Principe, Antoine era già famoso in Europa e negli Stati Uniti grazie ai suoi libri. Per l’occasione abbiamo pensato di raccontarvi la storia del pilota scrittore.

La giovinezza e Parigi

Quando si trasferisce a Parigi, il giovane Antoine cerca di entrare nella Marina militare. Respinto dall’accademia navale, si iscrive all’Accademia di Belle Arti con l’intenzione di diventare poi architetto. Nel frattempo, vive la città e incontra vari intellettuali dell’epoca che fin da subito ne apprezzano il carattere anticonformista e gioviale. Inizia così a trascorrere il tempo tra salotti e caffè dove scrive poesie. Abbandona presto l’idea dell’architettura e così a 21 anni si iscrive al servizio militare e, attratto dall’aviazione, prende il brevetto di pilota civile. A Parigi si innamora di una ragazza dell’alta società che però lo lascerà dopo il suo primo incidente aereo.

“Sconvolgimi il cuore”, la lettera d’amore di Saint-Exupéry

La romantica e tormentata storia fra Antoine de Saint-Exupéry , l’inventore del Piccolo Principe, e Consuelo che lo scrittore francese chiamava teneramente quetzal, l’uccello sacro dei Maya tipico … Read more

La forma di una passione

Rimasto solo e senza più il lavoro di pilota, abbandonato per amore, decide di riprendere in mano la situazione e trova lavoro nella compagnia aerea per il trasporto postale dove incontrerà diversi piloti famosi dai quali apprende i segreti del volo che gli sono utili negli anni della tratta Tolosa-Dakar, alternando lunghe ore di volo a giorni sulla terraferma che dedica alla scrittura. Quella della scrittura diventa una passione sempre più forte e nel 1928 pubblica il suo primo libro “Corriere del Sud” con un incredibile successo. Diventato capo della filiale della compagnia aeropostale in Argentina, scrive “Volo di notte”. In Sudamerica Antoine de Saint-Exupéry sposa l’artista Consuelo Sandoval Gomez con cui avrà un matrimonio non facile.

Gli altri incidenti aerei

È il 1935 quando Antoine de Saint-Exupéry ha il suo secondo incidente aereo, questa volta nel deserto dell’Egitto, a sud di Alessandria. Più tardi, nel 1938, si trasferisce negli Stati Uniti dove compra un aereo con l’intenzione di percorrere la rotta New York – Terra del fuoco, ma questa impresa gli causa il terzo incidente, forse il più grave che comporta anche cinque giorni di coma e una salute cagionevole. Da queste esperienze di sopravvivenza nascerà il libro “Terra degli uomini”.

La Seconda Guerra Mondiale

Con l’entrata in guerra della Francia contro la Germania Nazista, Antoine chiede di indossare l’uniforme e diventa pilota di guerra senza però far parte dello stormo che sgancia le bombe. Dal cielo, lo scrittore assiste alle atrocità del conflitto e quando la Francia cade si rifiuta di collaborare col governo di Vichy e torna in America, disgustato dagli atteggiamenti antisemiti della Francia collaborazionista.

Le 10 frasi più belle tratte da ''Il Piccolo Principe''

Le 10 frasi più belle tratte da ”Il Piccolo Principe”

Il Piccolo Principe, capolavoro mondiale della letteratura, è stato il libro più famoso scritto da Antoine de Saint-Exupéry. Ecco le frasi più belle

 

Il piccolo principe

È l’estate del 1942 quando Antoine de Saint-Exupéry scrive “Il piccolo principe” e affida la bozza ad una amica scrittrice prima di rientrare in Europa per aiutare il suo paese dove gli verranno assegnate cinque missioni particolari per cercare basi per gli alleati. Da una di queste però non farà più ritorno, Il 31 luglio 1944 Antoine de Saint-Exupéry scompare in mare, al largo della costa marsigliese. I resti del suo aereo saranno ritrovati solo nel 2004. Antoine lascia al mondo l’eredità di un libro in grado di far crescere i più piccoli e far tornare bambini i più grandi. La meraviglia de “Il piccolo principe” sta nella capacità di insegnare e rinsegnare i sentimenti. 

 

Alice Turiani

© Riproduzione Riservata