I viaggi del lettore

Viaggio a Marsiglia, la città vivace e colorata del Mediterraneo

Marsiglia è una città particolare, autentica e vivace. Per capire quello che gli scrittori ne hanno scritto, bisogna immergersi nel suo mondo

Marsiglia è la bellissima città francese, situata a sud della Francia, nella regione della Provenza. Colorata, allegra e vivace, Marsiglia spesso viene paragonata a Napoli. Infatti nelle piazze vicino al porto si sentono spesso pescivendoli urlare, il centro è caratterizzato da viuzze strette e caratteristiche e il mare è un elemento che si respira in ogni angolo della città. Questa città è stata scelta da molti scrittori come ambientazione dei propri libri, come per esempio Jean Claude Izzo, che l’ha scelta come musa ispiratrice, ma la ritroviamo anche ne Le tre del mattino di Gianrico Carofiglio. Il punto è che Marsiglia ha un’anima che non si può descrivere, ma va vissuta, anche per pochi giorni, per poterne carpire l’essenza. 

Questa era la storia di Marsiglia. La sua eternità. Un’utopia. L’unica utopia del mondo. Un luogo dove chiunque, di qualsiasi colore, poteva scendere da una barca o da un treno, con la valigia in mano, senza un soldo in tasca, e mescolarsi al flusso degli altri. Una città dove, appena posato il piede a terra, quella persona poteva dire: «Ci sono. È casa mia»

Leggi anche: Mete da scoprire, ecco dove andare per il Ponte dei Morti

Cosa visitare assolutamente a Marsiglia

Per venire travolti immediatamente da questa città particolare e colorata, vi consigliamo di partire dalla Cattedrale di Notre-Dame de la Garde, cattedrale che domina Marsiglia e da cui potrai ammirare un panorama pazzesco, che ti rimarrà nel cuore per tutta la vacanza e, si spera, anche dopo. Per avventurarvi nel cuore della città e assaporare quell’atmosfera tipica di Marsiglia, invece il Porto Vecchio è il luogo ideale. Qui infatti potrete scoprire la sua sintesi perfetta. Mercati di pesce, ristoranti, caffè, il Porto non è turistico, ma anzi autentico e vivace. 
Quartiere poetico e un po’ bohemien della città è il quartiere Le Panier. Vi possiamo ritrovare caratteristiche di Barcellona e di Napoli. Infatti se guardate in alto, mentre passeggiate per le viuzze del quartiere, vedrete panni stesi; mentre davanti agli usci anziani che conversano. È la vitalità del quartiere che più colpisce: le donne tornano dalla spesa cariche di borse, dalle finestre colorate esce un invitante profumo di Bouillabaisse (piatto tipico di Marsiglia), agli angoli graziose botteghe di artigiani. 

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Fernanda Graf (@fernanda_graf) in data:

 Sempre per godersi l’autenticità e l’allegria di Marsiglia, vicino al Porto Vecchio c’è la Rive Neuve. Questa zona era luogo di acquitrini malsani, dove vivevano moltissimi pirati e galeotti in condizioni di vita terribili. Oggi però questo quartiere è riqualificato e ovunque sorgono ristorantini caratteristici e bar. 

Il mare, la Corniche e i Calanchi

Se volete godervi il mare, al Porto vecchio troverete la Corniche, una bellissima passeggiata panoramica di 5 km. Inizialmente questa passeggiata nacque non per scopi turistici, ma per dare lavoro a moltissimi operai disoccupati: non si immaginava che sarebbe diventata la strada più bella del mondo. Fate una sosta nel porto dei pescatori di Vallon des Auffe, dove si mangia dell’ottimo pesce. 
Proseguendo per Cassis, si entra nel Parco Naturale dei Calanchi. Qui alte scogliere bianche di roccia calcarea si gettano nell’acqua cristallina.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Noman Hosni (@nomanhosni) in data:

Leggi anche: In Provenza sulle orme di Vincent Van Gogh

 

 

© Riproduzione Riservata