Sei qui: Home » Società » Unesco, l’Italia non ha più il primato nella lista
Bellezze del mondo

Unesco, l’Italia non ha più il primato nella lista

29 sono le novità inserite nell'Unesco e considerate come Patrimonio dell'umanità. L'Italia però perde il primato, raggiunta dalla Cina

MILANO – Non è una novità, il pianeta è un posto meraviglioso. Tra siti naturalistici e quelli culturali, abbiamo davvero l’imbarazzo della scelta per decidere quali siano i più belli. Domani si concluderà la 43esima edizione del World Heritage dell’Unesco, il comitato che sancisce quali luoghi e monumenti siano da considerare Patrimonio dell’Umanità. A Baku, in Azerbaijan, i membri della World Heritage hanno decretato delle novità da inserire nella lista, che però determinano la perdita del primato dell’Italia come Paese con più siti Unesco.

La Cina in vetta alla lista

29 sono i nuovi siti e monumenti inseriti nel Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. L’Italia si inserisce quest’anno con la regione del Prosecco della zone di Conegliano e del Valdobbiadene, ma mentre gli anni precedenti era il Paese con più siti protetti, quest’anno viene raggiunta dalla Cina. Due sono i siti della Cina che entrano nel Patrimonio mondiale, raggiungendo la vetta di 55 nomi. Per quanto riguarda l’Europa, la Spagna, terza potenza mondiale, si iscrive quest’anno con la catena montuosa del Risco Caìdo nelle isole Canarie.
La lista dell’Unesco conta quest’anno complessivamente 1121 nomi.

Le novità dell’Unesco

Vi riportiamo la lista delle new entry nella prestigiosa lista dell’Unesco:

  • Antichi siti per la lavorazione del ferro in Burkina Faso. Infatti in alcune zone del Paese si trovano circa 15 fornaci e cave, tra cui alcune risalenti all’ottavo secolo prima di Cristo
  • Rovine di Liangzhu in Cina. Il sito rappresenta una preziosa testimonianza dell’ultima cultura neolitica della giada, presso l’area del delta del Fiume Azzurro
  • La città di Babilonia in Iraq. A 85 chilometri da Baghdad si trova quella che era la capitale dell’impero Neo-Babilonese. Si pensa che i famosi “Giardini di Babilonia”, una delle sette meraviglie si trovasse proprio qui
    Rovine di Babilonia
  • La città di Bagan in Myanmar, che fu la capitale di numerosi regni antichi del Myanmar e che conserva edifici risalenti al periodo tra l’XI e il XIII secolo
  • Il sito di Budj Bim in Australia. Questo stupendo paesaggio è attraversato è da un intrico di fiumi, da stagni e da laghi.
  • Jaipur, in India, è la città fortificata del Rajasthan, fondata nel 1727
    Jaipur
  • La città di Sheki in Azerbaigian, ai piedi del Gran Caucaso
  • I Monti Metalliferi, tra Germania e Repubblica Ceca. Questa zona fu la più importante risorsa di argento per la maggioranza dell’Europa.
  • Tumuli sepolcrali della cultura Dilmum, nel Bahrein
    Tumuli sepolcrali Dilmun © Think Heritage Author Melanie Münzner
    Tumuli sepolcrali Dilmun_ © Think Heritage Author- Melanie Münzner
  • Le Chiese di Pskov in Russia, costruite appunto con lo stile della scuola di architettura di Pskov
    Chiesa Pskov
  • L’Osservatorio Jodrell Bank nel Regno Unito. Si tratta di uno degli osservatori più importanti del mondo, grazie al quale gli astrofisici hanno potuto approfondire le meteore e la Lunaosservatorio jodrell bank
  • L’area preistorica di Krzemionki in Polonia, che con i suoi 4mila pozzi e cavità è uno dei siti preistorici sotterranei più completi mai trovati finora
  • L’area pianeggiante di Kladruby nad Labem in Repubblica CecaKladruby nad Labem hřebčín hlavní nádvoří a Řečanská brána 1
  • Le colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene in Italia
  • Il Sito di giare megalitiche di Xiangkhoang in Laosgiare megalitiche di Xiangkhoang Laos 1
  • Il Santuario di Bom Jesus di Monte in Portogallo, di stile barocco. Una scalinata monumentale e meravigliosa porta verso la chiesa, risalente al XVIII secolo
    santuario bom jesus portogallo
  • Il Palazzo Nazionale di Mafra in Portogallo, a una trentina di chilometri da LisbonaPalácio Nacional de Mafra portogallo
  • Risco Caìdo e le montagne sacre di Gran Canaria in Spagna. La catena montuosa comprende formazioni vulcaniche che hanno creato un ecosistema ricco di biodiversitàgiacimento archeologico de Risco Caído en Artenara Gran Canaria copyright El Coleccionista de Instantes
  • La miniera di carbone Ombilin in Indonesia
  • Le tombe megalitiche in Giappone. Nella regione di Osaka si trovano i “kofun”, tumoli preistorici, dalle diverse forme
  • Le scuole neoconfuciane in Corea del SudKorea Andong Dosan Seowon 3025 06
  • Le architetture di Frank Lloyd Wright negli Stati Uniti. Sono stati scelti 8 edifici progettati dall’architetto che ha fatto la storia del Novecento, inclusa il primo edificio del Gugghenheim Museum a New YorkSolomon R Guggenheim Museum designed by Frank Lloyd Wright 6998983304
  • Il sistema delle acque di Augusta in Germania
  • Le incisioni rupestri in Canada. Nella valle del Milk River si trovano grandi colonne di rocce scolpite dall’erosione, con incisioni lasciate dagli antenati degli attuali Niitsìtapi
  • La riserva naturale delle Terre australi francesi. Nell’oceano Indiano queste piccole isole ospitano una grande biodiversità, per quanto riguardo uccelli e animali mariniRiserva naturale nazionale delle Terre australi francesi Francia Kerguelen islands
  • Il territorio di Ocrida tra la Macedonia del Nord e l’AlbaniaTerritorio di Ocrida Albania e Macedonia del Nord Iglesia San Juan Kaneo Ohrid Macedonia
  • Paraty e Ilha Grande in Brasile, importanti centri commercialiParaty
  • Il parco nazionale del Vatnajökull, in Islanda. Si tratta di una delle più grandi calotte di ghiaccio europeeVatnajökull
  • I santuari degli uccelli migratori in Cina, lungo la costa del Mar Giallo e del Mare di Bohai. Molti uccelli migratori fanno tappa qua per trovare cibo e ristoro
  • Foreste miste ircane del Caspio in Iran
© Riproduzione Riservata