Sei qui: Home » Società » Premio Campiello trasmesso in differita, un’occasione sprecata per portare la cultura in prima serata
L'opinione della redazione di Libreriamo

Premio Campiello trasmesso in differita, un’occasione sprecata per portare la cultura in prima serata

Non ce ne vogliano gli organizzatori del prestigioso premio letterario e il proprietario di La7 Urbano Cairo, ma riteniamo che il passaggio in tv della 52ma edizione del Premio Campiello dalla Rai a La7 non sia una scelta felice...

Non ce ne vogliano gli organizzatori del prestigioso premio letterario e il proprietario di La7 Urbano Cairo, ma riteniamo che il passaggio in tv della 52ma edizione del Premio Campiello dalla Rai a La7 non sia una scelta felice. Inoltre, la messa in onda della premiazione in differita ed in seconda è una scelta che conferma quello che sembra essere un trend inarrestabile, ovvero che la cultura in tv non trova i giusti spazi all’interno dei palinsesti televisivi.

Tante volte abbiamo chiesto ai responsabili delle programmazioni tv perchè ciò avviene, e la risposta resta sempre la stessa. In Italia i libri non piacciono,  la gente non legge, quindi  programmi dedicati ai libri e alla cultura non avrebbero audience. Ne segue che, almeno secondo la convinzione di questi geni del marketing televisivo, non ci sarebbe la pubblicità necessaria per sostenere programmi del genere.

Bisogna a tutti i costi capire che se si vuole salvare l’editoria,  settore che sta conoscendo una fortissima crisi, ma soprattutto se si vuole stimolare la gente a leggere (le statistiche parlano chiaro riguardo all’arretratezza italiana in fatto di lettura) bisogna portare i libri e la cultura in prima serata. Già la conduzione del Campiello da parte di due artisti affermati e familiari al grande pubblico televisivo come Neri Marcorè e Geppi Cucciari, che sul palco della Fenice hanno presentato un mix di contenuti culturali e intrattenimento, poteva essere un modo per avvicinareil pubblico ad un evneto culturale di tal spessore come il Campiello.

La 52ma edizione del Premio Campiello non è stato solo un evento di premiazioni, ma un racconto vero e proprio che ha messo al centro i libri, gli scrittori finalisti e le loro storie, il tutto accompagnato dalla freschezza e dall’ironico ed al tempo stesso garbato modo di condurre la serata da parte di Marcorè e Cucciari. Trasmetterlo in differita ed seconda serata rappresenta, secondo noi un’occasione sprecata per avvicinare alla cultura la gente comune.

La Redazione di Libreriamo

17 settembre 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata